Categoria: Anime

Attacco dei Giganti – Le Gioie Violente hanno Violenta Fine

attacco dei giganti

 

“Quel giorno l’umanità ricordò il terrore di essere controllata da loro… L’umiliazione di vivere come uccelli in gabbia”

(Eren Jaeger)

 

E’ facile pensare che sia la vista il catalizzatore più potente a far affiorare i ricordi. Niente di più sbagliato. Il senso più potente in questi casi è l’olfatto, probabilmente perché il più vicino all’ippocampo, dove vengono registrati i ricordi. Più delle immagini, gli odori risvegliano in maniera più nitida sensazioni e avvenimenti lontani nel tempo. Proprio come quel giorno, quando il gigante sorridente divorò mia madre davanti ai miei occhi.

Ricorderò per sempre l’odore della paura, quando il titano colossale si affacciò oltre le mura e vi aprì un varco facendo breccia nel Wall Maria e provocando un’invasione di giganti. Poi venne l’odore di macerie e distruzione, dovuto al crollo degli edifici minuziosamente costruiti e distrutti in un batter d’occhio dall’incedere costante e inarrestabile dei giganti.

Read More

Pandora Hearts – Memoria e Carillon

Il prescelto? Oz Vessalius? E per cosa poi? Determinato a scoprire cosa lo lega alla burbera ragazzina sbucata dall’Abisso, destinato ad accompagnarla nel cammino verso la memoria, costretto a perdere dieci anni chiuso lì, in quella dimensione alternativa dove il tempo non esiste e i Chain vivono attaccando e cercando di trovare un contraente umano di cui consumano l’energia per non scomparire.

Read More

Il ghiaccio rovente di Mikasa Ackerman

Mikasa Ackerman, di Attacco dei Giganti, è un personaggio curioso e bizzarro, che va contro tutti gli stereotipi creati dalle precedenti “donzelle” viste negli anime. Certo, spesso le protagoniste, anche guerriere, dell’animazione giapponese sono state donne e ragazze straordinarie. Ma cosa la rende tanto diversa e speciale? Come e cosa diventa veramente Mikasa nel corso dello sviluppo della storia? Perché esula da ogni paragone?

Read More

Gaara – Granelli di dolore in un deserto di solitudine

Quando non si è sperimentato l’amore, quando la solitudine ìmpera nella vita di un bambino, quando dell’affetto di una madre non rimane che una parvenza nella sabbia, come si può crescere?

“Uccidendo i sicari che mio padre mandava ad ammazzarmi, ho trovato il mio equilibrio ed ho assaporato il gusto della vita. Sono riuscito a superare il timore di essere ucciso da un momento all’altro. Ho scelto di vivere solo per me stesso e amando solo me stesso. E se penso che le altre persone esistono solamente per darmi l’emozione di essere vivo, per me non c’è mondo più bello di questo. Finché incontrerò sulla mia strada persone da uccidere che mi facciano provare la gioia di vivere…la mia esistenza non verrà cancellata.”

Read More

Slam Dunk – I believe I can fly

Il tavolo degli arbitri si trova a pochi passi dalla linea laterale del campo, in mezzo alle panchine delle due squadre. Dietro ad esso vi siedono gli ufficiali di campo, che durante le partite coadiuvano gli ufficiali di gara. Adesso però il tavolo è occupato da un atleta della squadra dello Shohoku, in piedi su di esso.

La schiena fa male, e il dolore che all’inizio era solo velato, col passare delle partite si fa sempre più insistente e insopportabile. Ma non per questo il petto è meno gonfio e fiero di prima. Le luci che fino ad allora avevano illuminato lo spettacolo sul campo, adesso risplendono sulla testa del ragazzo, incendiando il rosso fuoco dei suoi capelli. Anche i compagni alle sue spalle sul parquet, così come i suoi avversari della scuola del Sannoh, stanno fissando il numero 10 stampato sulle sue spalle.

Read More

E’ Quasi Magia Johnny – La vera “magia” è Makoda/Sabrina

Se più o meno venticinque anni fa (anno più anno meno) aveste condotto un sondaggio tra adolescenti su quale fosse il triangolo amoroso per eccellenza, probabilmente vi avrebbero snocciolato il celeberrimo Brenda – Dylan – Kelly, ma sono certo che la risposta dei più ragazzini sarebbe stata: Sabrina – Johnny – Tinetta o, canonicamente parlando, Madoka – Kyosuke – Hikaru.

Read More

La sindrome di Akira Capp

“Per sua stessa natura la giovinezza è stata da sempre incaricata di rappresentare il futuro: la perenne caratterizzazione mediatica dell’adolescente come genio o mostro continua a veicolare le speranze e le paure degli adulti su quanto accadrà in futuro. Ignorare chi spicca come precursore a favore di chi resta fedele allo status quo significa rifiutare l’impegno preso con il futuro, se non addirittura equivocare la natura stessa della giovinezza. Io vado fiero del mio romanticismo in materia, quanto meno perché spero in un mondo migliore.
Jon Savage – L’invenzione dei giovani

“Chi vi credete che noi siam, per i capelli che portiam / Noi siamo delle lucciole che stanno nelle tenebre”
Franco Battiato – Up Patriot To Arms

Tokyo, Anno Domini 2021. Sono passati più di trent’anni dalla fine della terza guerra mondiale. La città sembra essersi ormai ripresa dalla distruzione: grattacieli, autostrade e neon danno l’idea di una città di nuovo prospera. Ma il cratere atomico nel bel mezzo del villaggio olimpico fa sorgere il sospetto che ci sia una ferita ancora aperta, nel cuore della città e nel cuore dei cittadini.

Col cessare delle bombe non si è fermata la violenza, e nemmeno è cessata la guerra: ha solo cambiato faccia.

Read More

One Punch Man – La noia, l’ultimo nemico invincibile

“Il potere logora chi non ce l’ha” – Giulio Andreotti

“L’emergere del soggetto è pagato col riconoscimento del potere come principio di tutti i rapporti” – Max Horkheimer & Theodor Adorno

“No one man should have all that power
The clock’s tickin’, I just count the hours
Stop trippin’, I’m trippin’ off the power
‘Til then, fuck that, the World’s ours ” – Kanye West

Filosofi, politici, rappers, soldati, medici… cerchiamo tutti il potere, nel nostro piccolo o grande regno personale. Il potere sopra gli altri, il potere di aiutarli, il potere di fomentare e mantere quel potere.
In una società che pone la ricerca del potere come la massima ambizione che un individuo può avere, quale può essere la mossa più sovversiva, la scelta migliore per ridicolizzare ciò che il mondo sembra considerare sacro?
Renderlo noioso. Niente distrugge il potere come la conclusione che porterà solo alla noia, ed è qui che One Punch Man lascia il suo segno.

Read More

Fullmetal Alchemist: Brotherhood – L’inevitabilità del destino

Nei primi anni del ‘900, in un’ambientazione steampunk, il mondo trova la sua certezza nell’alchimia, pratica ibrida tra la magia e le scienze chimiche che permette di governare a proprio piacimento la materia.

Fullmetal Alchemist: Brotherhood racconta la storia dei due fratelli Edward e Alphonse Elric che, nel vano tentativo di riportare in vita la madre (Trisha Elric) mediante l’alchimia, vengono puniti da una entità sovrannaturale per aver provato a violare il più grande dei tabù: resuscitare i morti.
In particolare a Edward vengono presi un braccio e una gamba (poi sostituiti con delle protesi meccaniche), mentre Alphonse viene privato dell’intero corpo e rimane in vita grazie al legame tra la sua anima e un’armatura.

Fullmetal Alchemist

 

I due fratelli Elric, fin dalla più tenera età, hanno condiviso molteplici situazioni di sconforto. Quando erano solamente bambini, il padre, un alchimista soprannominato Hohenheim della luce, ha abbandonato loro e Trisha, facendo crescere nei due, specialmente in Edward, un profondo odio nei suoi confronti.
In realtà ciò che più aveva addolorato i ragazzi era, al di là dell’amarezza per l’abbandono, soprattutto l’essere stati tristemente obbligati a fare da spettatori alle pene della madre, che attendeva invano il ritorno del marito. A questo si aggiunge il supplizio  di aver assistito alla morte della donna, in seguito alla quale i fratelli rimarranno completamente soli, abbandonati a loro stessi, in balia del mondo.

Read More

L’Attacco dei Giganti – La poetica della libertà

Shingeki no kyojin, più conosciuto come l’attacco dei giganti, è un manga di genere  dark fantasy targato shōnen ideato da Hajme Isayama, il quale ha ispirato anche l’omonima serie televisiva, o anime in linguaggio tecnico.

In un mondo post apocalittico, l’umanità è minacciata dalla presenza dei giganti ed è costretta a ripararsi dietro a delle mura difensive. Nell’anno 845, la vita di tre ragazzi nel distretto di Shigashina viene completamente stravolta dalla comparsa del gigante Colossale che, con un calcio portentoso, fa breccia nel Wall Maria per poi sparire nel nulla. I giganti, richiamati dal Colossale, entrano ed iniziano a banchettare con gli abitanti del distretto, inclusa la madre del nostro protagonista; Eren Jaeger.

Read More

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén