Home Cinebattiamo Spielberg contro Malick - Salvate il soldato Ryan vs La sottile linea...

Spielberg contro Malick – Salvate il soldato Ryan vs La sottile linea rossa

 

Essere imparziale non è facile e non è il mio forte, però ci proverò perché ne vale la pena.

Terence Malick è un regista enigmatico, in 40 anni di carriera ha diretto solo 7 film, colpa del suo perfezionismo quasi maniacale che lo accumuna a quella stretta cerchia di perfezionisti della macchina da presa che hanno rivoluzionato questa arte così complicata.

La guerra è un ottimo campo per sperimentare, i migliori registi si sono confrontati con questo argomento affrontando sempre diverse tematiche analizzando la psiche umana nell’ambiente in cui è messa più a dura prova.

Non è un caso che i migliori 4 film di guerra della storia del cinema appartengano a probabilmente 4 dei migliori registi della storia del cinema, in ordine cronologico – Apocalypse now (1979) Francis Ford Coppola – Full Metal Jacket (1987) Stanley Kubrick – la sottile linea rossa (1998) Terence Malick – Salvate il soldato Ryan (1998) Steven Spielberg.

Senza addentrarci troppo perché si potrebbe scrivere un trattato sui primi due ci limitiamo a classificarli come analisi della psiche umana nell’atrocità della guerra. Nel primo con la rappresentazione della follia, dell’esistenzialismo dell’orrore e del dilemma morale della morte, nel secondo con la rappresentazione e l’alienazione del soldato e del sistema esercito (il credo del fuciliere per fare un esempio). Sugli ultimi due invece ho deciso di dilungarmi perché sono molte le analogie oltre all’anno di produzione e alla guerra trattata.

Infatti Apocalypse now e FMJ sono Vietnam, Malick e Spielberg invece scelgono la Seconda Guerra Mondiale ma in modo completamente diverso, se Ryan è in Normandia il soldato Witt è su un isola sperduta in Giappone, la guerra è la stessa ma è mondiale e riguarda tutti i popoli.

Quando venne annunciato la sottile linea rossa moltissimi attori si candidarono per un ruolo, anche gratuitamente.Parliamo del terzo film di Malick, per trovare il precedente dobbiamo risalire al lontano 1978. Se ve lo guardaste oggi trovereste un incredibile Jim Caviezel, Sean Penn, Adrien Brody, Jared Leto, Woody Harrelson, George Cloooney e Jhon Travolta (che però non balla) e c’è di più: la versione iniziale durava 6 ore e Malick fu costretto e tre ore di tagli e così addio a Mickey Rourke, Viggo Mortensen, Gary Oldman e Martin Sheen. Inoltre Brody il quale aveva girato praticamente da co-protagonista fu informato il giorno della prima che la sua parte fosse stata tagliata e molto ridimensionata. Per il ruolo di Caviezel era stato scelto Edward Norton il quale dovette rifiutare a causa di un lutto familiare e coincidenza lo stesso Norton era stato contattato per il ruolo di Matt Damon niente meno che il soldato Ryan ma rifiutò anche quello per lo stesso motivo.

I fattori dell’equazione sono gli stessi, un grande cast che affronta uno dei più grandi mali che l’uomo è riuscito a inventare, la guerra, ma è nell’utilizzo di tali fattori che si crea il divario che c’è tra Witt e Ryan, in Malick la guerra è una cornice in cui i personaggi cercano a loro modo di sopravvivere, al centro dell’opera c’è l’uomo, in Spielberg la guerra è la protagonista e i personaggi cercano di trovare il loro posto al suo interno.

La differenza tra Spielberg e Malick è tutta qui, tangibile, è la differenza tra due modi di fare cinema, la sottile linea rossa ci parla per immagini, in un ordine temporale non consequenziale ma legato alle sensazioni dei personaggi e ai loro pensieri, caratteristica tipica del lavoro di Malick sono i monologhi dei protagonisti, curati in ogni minimo dettaglio come d’altronde ogni inquadratura. Spielberg utilizza più dialoghi e meno i monologhi ne perde così l’analisi del profondo io dei personaggi.

La principale differenza tra i due è però così grande che per vederla e comprenderla a pieno bisogna allontanarsi, Spielberg usa un tempo e un luogo ben precisi, parla di una guerra, fa un film di guerra, ecco la differenza, Malick non fa un film di guerra in senso classico, l’anno non è il 1942 ma l’anno 0. La sottile linea è quella tra il razionale sergente Welsh e il mistico soldato Witt in uno scontro tra il mondo reale, della guerra, dello morte, dello scontro e quella della pace del vivere con la natura, come fratelli, figli di un solo Dio.

‘’Questo grande male, da dove viene? Come ha fatto a contaminare il mondo? Da quale seme, da quale radice si è sviluppato? Chi è l’artefice di tutto questo, chi ci sta uccidendo, chi ci sta derubando della vita e della luce prendendosi beffa di noi, mostrandoci quello che avremmo potuto conoscere? La nostra rovina è di sollievo alla terra? Aiuta l’erba a crescere, il sole a splendere? Questa ombra oscura anche te? Tu hai mai attraversato questo buio? ‘’

Salvate il soldato Ryan è un film che vuole essere una lapide, per ricordare gli uomini che sono morti per proteggere il nostro modo di vivere, la sottile linea rossa si interroga sul perché.

LEGGI ANCHE: Jurassic Park – Realizzare la Meraviglia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Kubrick e l’Amore tra Sogno e Realtà

Kubrick.   Eyes Wide Shut: amore sessuale e amore reale Ci sono coppie che sembrano perfette, poi ci sono gli Harford, e cioè due che potrebbero benissimo...

(Non) è un cinema per vecchi – The Mule, C’era una volta a… Hollywood, The Irishman

Don't let the old man in, I wanna leave this alone/ Can't leave it up to him, he's knocking on my door/ And I knew...

La Dialettica tra Favola e Realtà nella Narrativa Americana Contemporanea

Questa è la prima sezione del Cartaceo di quest'anno che analizzerà la dialettica tra realismo e fiabesco nella narrativa americana contemporanea, clicca qui per...

Perché in The Irishman non ci sono i Rolling Stones

“Negli anni dell'epoca formativa dei Rolling Stones la loro musica era davvero essenziale per me, io con la musica ci vivevo. Alla fine, la...