Home Serie TV e Netflix Da quando e perchè le serie tv sono diventate così belle?

Da quando e perchè le serie tv sono diventate così belle?

Il cinema da grande schermo vanta oramai una tradizione secolare.
Per la maggior parte di questo tempo le serie tv  erano il cugino piccolo,ancora con i denti da latte. Il Cinema viveva in una bellissima villa, le serie tv in una casetta di periferia, il Cinema aveva amici intellettuali, brillanti, dalle serie tv andava chi non arrivava in tempo al party prediletto.

Con questa premessa interpongo un domanda essenziale a cui proveremo a dare una risposta: Come è successo e quando è successo che le serie tv quasi arrivassero a spodestare il trono indiscusso del cinema?

Un tempo ormai lontano le serie tv avevano una struttura che potremmo riassumere(sicuramente in maniera un po’ riduttiva) in 2 grandi canali: Le sit-com e i polizieschi.

A partire dagli anni ’70 le sit-com erano il classico momento familiare americano, poi trasferitosi anche in Italia. Le sit-com si muovevano nei luoghi comuni della risata: fraintendimenti di ogni genere, battute razziste, sport, lavoro insomma la quotidianità enfatizzata nei suoi toni comici. Dai Jefferson ed il mondo nero americano, passando per Friends e gli anni novanta della nuova gioventù ben più emancipata ed “alla giornata” dei loro padri, arrivando alla nostra How I met your mother alla ricerca di una risposta nella vita e nell’amore. Personaggi canonici, tra il buffone ed il polemico, tra il playboy ed il padre di famiglia (ad esempio in My Wife and Kids), temi bollenti come il sesso e la politica, espedienti come la partita di football, la cena o il Thanksgiving day. Ecco mostratasi lo scheletro delle sit-com, il resto era dettaglio variabile, il fine la risata.

I polizieschi si pongono come altra faccia della medaglia. Mantenendo il presupposto del contesto familiare, essendo comunque la televisione vista come momento da casa, quotidiano ed abitudinario mentre il cinema molto più come evento speciale, i temi ovviamente cambiano. Qui si evincono elementi emblematici come l’astuzia, l’onestà e la prestanza fisica,  qui abbiamo l’eroe ed il cattivo.
Miami Vice, Starsky & Hutch sono classici esempi del poliziesco doc americano, con la coppia di detective contro il mondo intero, ribelli ma onesti, un po’ tonti ma sempre coraggiosi con sprazzi di genialità indagante. Poirot è il perfetto esempio dei polizieschi fatti alla inglese. Dai romanzi di Agatha Christie fuoriesce un gentiluomo di puro intuito ed intelletto, capace di ricostruire fitte trame criminale con deduzioni e riflessioni brillanti in vero stile Giallo.

Questi sono solo alcuni esempi.

Ma eccoci qui al punto cruciale, nonostante le serie tv(che fossero sit-com o polizieschi) raggiungessero ascolti molto alti si percepiva un netto divario dal cinema, nonostante tutti ne conoscessero le storie ed ansimassero il momento dedito alla loro visione, il cinema era l’Olimpo. Un attore del cinema non avrebbe mai fatto se non un cameo nel mondo della televisione, non parlo di visibilità ma di rilevanza artistica, le serie tv non avevano quei budget, non avevano trame che potessero includere questioni riflessive come era classico nel cinema intellettuale della seconda metà del Novecento. Mai avremmo visto la fotografia di Taxi driver, la follia “sceneggiaturale” di Arancia Meccanica, le musiche di C’era una volta in America in una serie tv, ma questo era fino agli anni ’90.

Ecco che si inizia a percepire il cambiamento: giunge a noi il fantascientifico X-Files e lo “psichedelico” I segreti di Twin Peaks , una vera e propria detective story d’autore, con toni di sottili ambiguità sovrannaturali, la cui regia è di David Lynch, affascinante e controversa figura del mondo del Cinema, per l’appunto.

Il momento di svolta definitivo arriverà nel nuovo millennio, soprattutto negli ultimi 10 anni. Il trampolino di lancio penso si racchiuda in 3 grandi motivazioni:

1)I budget sino ad allora ridotti vengono riesumati da case di produzione e distribuzione cinematografica di altissima potenza economica. E’ l’era della HBO, della BBC e di canali distributivi totalmente globalizzati.

2)  Reti di trasmissione come Fox, Sky Atlantic e Netflix per citarne alcune, delineano un progetto di marketing funzionalissimo allo scopo, portando gli spettatori a vedere nelle serie tv un’alternativa al cinema, con sempre nuove possibilità, il tutto in HD ed a costi ridottissimi

3) Le prime due motivazioni permettono la terza che allo stesso tempo concede alle prime due di ottenere un risultato vincente rispetto all’investimento: Regia, fotografia, attori, sceneggiatura divengono di altissimo livello. Tra il budget e la visibilità fare una serie tv diviene un’ambizione non più un ripiego.

Arrivano Breaking Bad con un divino Bryan Cranston , Game of Thrones e la sua trama sublime tra personaggi ed intrecci, True Detective e la sua sceneggiatura ineguagliabile con un McConaughey costruito su di un nichilismo meravigliosamente riuscito e credibile, House of cards ed il machiavellismo di Kevin Spacey.

Ma ancora Narcos, Better call Saul, Stranger things, per non parlare dei sempre classici e solidi Grey’s Anatomy, Criminal minds e così via per citarne solo alcuni.

Le serie tv oggi stanno dunque vivendo il loro “Rinascimento”, hanno definito le fondamenta di un nuovo mondo in fortissima crescita , il cinema al contrario è leggermente in stallo, rimbalza senza il giusto slancio. Le serie tv oggi lottano per il trono o forse ne hanno già costituito uno tutto loro. Le serie tv oggi non fanno altro che stupirci. Tv, tablet, computer vivono la loro era, il grande schermo oggi tende a decadere.

Andrea Vailati
"Un giorno troverò le parole, e saranno semplici." J. Kerouac

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Tenet – Nolan e Rancore nella Macchina del tempo

Nolan e Rancore. Il primo dietro una macchina da presa, il secondo dentro la macchina del tempo: entrambi riavvolgono la storia del mondo. Esattamente...

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...

Ungaretti e la Guerra | Poetico Cinematografico

Breve nota al lettore o alla lettrice: le sezioni in evidenza che seguono sono tratte da L’Allegria, da Il Sentimento del Tempo e da Il...