Introduzione

Home Serie TV e Netflix 5 tra i personaggi più intriganti delle serie tv

5 tra i personaggi più intriganti delle serie tv

Introduzione

Cosa ci piace delle serie tv? Sicuramente ci lasciamo trasportare dalla trama, sicuramente siamo dipendenti dai colpi di scena, ma più di tutto penso ci conquistino i personaggi. Ecco qui 5 dei personaggi che a mio avviso ci hanno maggiormente intrigato: le loro storie, le loro inquietudini, i loro ideali, hanno causato dei veri e proprio fanatismi, hanno conquistato le nostre menti ed i nostri cuori. Senza questi personaggi le serie tv non sarebbero quello che sono, senza questi personaggi l’attesa per un nuovo episodio mancherebbe di palpitazioni.
Ecco il dinamismo, ecco il punto di svolta nella caratterizzazione “sceneggiaturale” di serie che oggi minano il territorio del grande schermo.

Ecco che vi presento 5 tra i personaggi più intriganti delle serie tv…

1. Rust Cohle (Matthew McConaughey in True Detective)

 

“Siamo delle cose che si affannano nell’illusione di avere una coscienza. Questo incremento della reattività e delle esperienze sensoriali è programmato per darci l’assicurazione che ognuno di noi è importante, quando invece siamo tutti insignificanti.” Rust

Rust Cohle, di Dallas in Texas, è un detective profondamente consapevole del fallimento strutturale della società.

In perenne contrasto tra una cinica lucidità ed un caotico malessere esistenziale e psicologico, la cui causa si riconduce si alla suddetta consapevolezza ma per certo anche all’abuso di sostanze psicotrope, è un uomo con un storia triste dominante nel suo passato. Egli è un essere arrancante nel mondo, incapace di morire ma con uno strano senso di giustizia, un po’ perchè alla fine il detective è l’unica cosa che gli riesce davvero (e gli riesce davvero bene), un po’ perchè infondo è alla ricerca di una salvezza.

Il punto è lì, la salvezza nella lotta perpetua, la lotta tra luce ed oscurità, tra il “realismo pessimista” ed una sorta di ricerca speranzosa di un ideale.

Rust Cohle è l’apatia che cerca di ritrovare una base su cui costruire emozioni umane, il caso su cui indaga è il punto di apice nell’oscuro dell’essere umano, lui in qualche modo comprende che deve essere la luce.

 

Rust: Credo che ti sbagli…sul cielo stellato.
Marty: In che senso?
Rust: Una volta c’era solo l’oscurità. Se me lo chiedessi, ti direi che la luce sta vincendo.

           

Andrea Vailati
"Un giorno troverò le parole, e saranno semplici." J. Kerouac

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Tenet – Nolan e Rancore nella Macchina del tempo

Nolan e Rancore. Il primo dietro una macchina da presa, il secondo dentro la macchina del tempo: entrambi riavvolgono la storia del mondo. Esattamente...

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...

Ungaretti e la Guerra | Poetico Cinematografico

Breve nota al lettore o alla lettrice: le sezioni in evidenza che seguono sono tratte da L’Allegria, da Il Sentimento del Tempo e da Il...