News

Dragon Ball è tornato davvero?-Le novità sfidano i vecchi valori

Il 23 Dicembre su Italia Uno (Mediaset) approderà Dragon Ball Super.

Dopo nove anni di silenzio, la mano di Akira Toriyama bussa di nuovo alla nostra porta.

Dal 2015 il mondo Dragon Ball si rianima. Una nuova “serie principale” vede la luce, nuovi videogames giungono nelle case di ragazzi e uomini nostalgici, nuovi film chiamano a raccolta i fedeli dinnanzi al grande schermo.

Ma cosa intendiamo quando parliamo di Dragon Ball?

Beh, ecco, non vi è un modo canonico o limitabile ad un articolo per discutere l’impatto che Dragon Ball ha avuto su tutti noi. Una generazione allargata, che va dagli anni ’80 ad oggi, si è fatta incantare dalla leggendaria storia di Goku e la sua implacabile, a tratti ingenua, voglia di salvare il mondo.

Dragon Ball non è stato semplicemente un passatempo, ma una vera e propria religione, perchè diciamocelo, chiunque fosse un degno seguace per certo lo si sarebbe trovato dopo scuola con gli occhi serrati davanti alla TV. A quei tempi i genitori, se si trattava di dover scegliere un regalo, avevano sempre a disposizione la scelta giusta. Ci trovavamo di fronte ad un vero e proprio fenomeno di massa, dove in qualunque materia ci muovessimo, c’era sempre  il segno Z.

Per anni ha continuato a cavalcare l’onda. Per anni ci siamo accontentati di rivedere compulsivamente, senza mai battere ciglio, le repliche. Per anni abbiamo temuto la sconfitta del nostro eroe e per anni abbiamo esultato al trionfo dei buoni. Poi d’un tratto, forse perchè troppo grandi, forse perchè nulla di nuovo ci veniva presentato, Dragon Ball è sfumato in un malinconico ricordo.

Ma da oggi tutto cambia. Da oggi si ricomincia.

Come ha fatto una saga come Dragon Ball a tornare, come ha fatto a rinnovarsi?

Intorno al 2014 si ricomincia a mormorare, silenziosamente, con quell’involontaria paura del confronto, un ritorno dell’universo Dragon Ball, quello vero, quello targato Akira Toriyama. Ecco uscire, il 1° Febbraio 2014(in Italia) il primo film di questa nuova generazione “Dragon Ball – La battaglia degli dei” nel quale vengono subito introdotte le novità che avrebbero caratterizzato la rinascita del mito. Da quel momento un susseguirsi di nuovi scenari da scoprire riaccende la sepolta curiosità. I film (perchè ne è uscito un secondo) costituiscono l’espediente, la serie riscopre nuove fondamenta in essi.

Ma cosa c’è di nuovo in Dragon Ball Super?

La prima rivoluzione narrativa si accosta al concetto, già mostrato nel primo film, di “gerarchia divina”. Si delinea, infatti, un’analisi più dettagliata del “governo” dell’universo, dove l’amata Terra si colloca, mostrandoci nuovi personaggi come il Dio della Distruzione Bills, attraverso il quale il concetto di forza assume una connotazione inquantificabile. Da qui subentrano dinamiche capaci di introdurre un orizzonte ben più ampio di ciò a cui eravamo abituati. Ecco aprirsi la questione del “Multiverso” (più universi), che per certo si rivela la novità che serviva a rivoluzionare l’amato anime. Se da un lato tale ampliamento risulta allettante agli occhi di un fan pretenzioso, dall’altro costituisce un punto critico di questo nuovo inizio. Il nuovo “livello di combattimento” si prospetta tendente all’infinito, entusiasmando gli animi ma perdendosi in un’impossibilità di quantificazione, nuovi personaggi vengono descritti con un’illimitata forza la quale però rimane unicamente in astrazione, non sapendo in concreto cosa significhi.
Se prima si affermava un imponente “Gokucentrismo”, dove ogni nemico, prima o poi, e talvolta molto poi, sarebbe stato sconfitto, oggi Goku nonostante le nuove trasformazioni “divine”, risulta molto meno decisivo,  a tratti defilato, a tratti troppo debole. Parimenti i tanti universi impongono un contesto molto ampio, percepibile anche in maniera dispersiva. Nonostante ciò il tutto profuma di vecchie emozioni, in questo nuovo mondo caotico si evincono particelle marchiate Dragon Ball, quello originale, quello che nessuno ha mai smesso di amare.

Perchè ogni riflessione che potremmo fare sarà sempre annebbiata dalla speranza. Perchè, come fu un tempo, tutti vorremo ritrovarci ancora una volta, contro un nuovo nemico, in un nuovo universo, con le mani alzate davanti alla televisione, disposti a dare, come sempre, tutte le nostre forze a Goku e alla sua sfera Genkidama.

Scritto con l’ESSENZIALE partecipazione di Gaetano Volpe e Francesco Taneburgo.

Ps. Il 27/10/16 è uscito Dragon Ball Xenoverse II… non perdetevelo!

Andrea Vailati

"Un giorno troverò le parole, e saranno semplici." J. Kerouac

One thought on “Dragon Ball è tornato davvero?-Le novità sfidano i vecchi valori”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.