Home Cinebattiamo Drugs Trainspotting-Una sincera e onesta tossicodipendenza

Trainspotting-Una sincera e onesta tossicodipendenza

Introduzione alla rubrica : Drugs

When i put a spike into my vein

And i’ll tell ya, things arent’t quite the same

When i’m rushing on my run

And i feel just like Jesus’son

And i guess that i just don’t know

And i guess that i just don’t know

(Heroine, Velvet Undergound, 1967)

La droga. Tra i vari temi possibili, tra le migliaia di possibilità, rimane uno dei più affascinanti. Cosa ci attrae nella proibizione, nel tabù della società, o semplicemente nel commettere una cosa al di fuori della convenzione sociale, dalla società stessa considerata “deviante”?

Quello che questa rubrica si ripropone di fare non è di giudicare, di immedesimarsi, di incitare o di demonizzare le droghe. Quello che questa rubrica vuole fare, è di parlare di un argomento di cui tutti vogliono parlare, di sconfiggere con l’analisi cinematografica le costrizioni di argomentazione che spesso ci sono imposte. E , partendo da film che hanno impressionato l’immaginario pubblico e per questo fatto storia del cinema, cercare di analizzare oggettivamente il fenomeno droga , senza pregiudizi ne inibizioni mentali.

Buon divertimento.

Titolo film: Trainspotting

Regista:Danny Boyle
Durata:94 minuti
Data uscita: 1996
Titolo originale: Trainspotting

“Scegliete la vita…ma perché dovrei fare una cosa così? io ho scelto di non scegliere la vita, ho scelto qualcos’altro. Le ragioni? non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l’eroina.”

 

Come portare in un film una storia di tossicodipendenti, scritto da un ex tossicodipendente (Irvine Welsh), senza le pretese di essere un film perbenista o il rischio di risultare un incitamento a drogarsi?

Bella domanda.

Ma non si pone il problema: Trainspotting è tante cose, violento, sporco, affascinante e cool, ma di base un film estremamente realistico. E nel trasporre la realtà, in qualsivoglia forma, non c’è mai il rischio di dare un idea che non sia l’unica che si può dare: quella vera.

La verità è che la droga è una attrazione irresistibile, un argomento di conversazione tanto vietato quanto ormai divenuto banale e reiterato. E ogni cosa che contiene un po’ di proibizione e tanto sentito dire diventa, automaticamente, una cosa che non ti esce più dalla testa.

E cos’è allora Trainspotting? Perché è così amato?

Perché parla di droga. Perché ti dice, finalmente, che la gente si fa di eroina per un motivo: perché è fantastica. Non ha paura di dirlo, perché questo è un film che nella realtà ci mette più di un piede. Perché Irvine Welsh si faceva, e sa quello di cui parla, e ti mostra, che con la stessa semplicità con cui ti puoi bucare, che smettere è semplicemente orrendo.

E il fatto che i personaggi siano irresistibili, che Spud sembri davvero immortale , che Sick Boy sia sempre puntualmente trendy, che Renton non si prenda l’HIV , non deve ingannare. Perché allora ci verrebbe da dire: che cazzo di figata, lo faccio anche io. In tutta onestà, è venuto in mente anche a me.

E’ incredibile però che questo film, per quanto ci lasci amare i suoi personaggi, per quanto ci rapisca con le sue ambientazioni, per quanto rispetti clamorosamente un cliché underground di sballo di divertimento, riesca a disgustarci, a toglierci quella convinzione dalla testa appena finisce.

Perché Transpotting è lo sguardo di un innamorato:

con gli occhi lucidi, con le mani sui fianchi e la valigia pronta, guarda l’eroina seduta sul divano che piange, e suo malgrado è costretto a dire: ti amo, ma fai schifo.

 

 

Leggi anche: T2:Trainspotting 2- Tutto molto divertente

Andrea Vailati
"Un giorno troverò le parole, e saranno semplici." J. Kerouac

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

La Fantascienza tra Favola e Realtà – Star Wars e Blade Runner 2049

La fantascienza è un genere di narrativa che trova la sua prima espressione nel romanzo letterario e, prendendo le mosse da possibili scenari della...

Attraverso il Cinema: Merleau-Ponty e l’arte cinematografica

Merleau-Ponty. «Il film non si pensa, ma si percepisce». (Maurice Merleau-Ponty) Con queste parole Maurice Merleau-Ponty, a partire dalla conferenza Le cinéma et la nouvelle psychologie tenuta...

Il significato di Blow-Up – Husserl, il Fenomeno, l’Assenza

Parlare del significato filosofico di un'opera come Blow-up (1966) è un invito a leggerla sotto una prospettiva che probabilmente Antonioni non avrebbe accettato. In...

Il significato di Cast Away – Non da soli, ma con il Tempo

Cast Away è un film del 2000 diretto da Robert Zemeckis con protagonista Tom Hanks che, agli albori della rivoluzione digitale, ci fa tornare...