Home (Non) è un paese per Festival Il Bif&st Intervista con Salvatore Allocca e Nabiha Akkari per Taranta on the road

Intervista con Salvatore Allocca e Nabiha Akkari per Taranta on the road

Dopo la visione del sorprendente Taranta on the road, abbiamo avuto modo di scambiare due chiacchiere con il regista del film , Salvatore Allocca, e l’attrice protagonista, Nabiha Akkari (protagonista tra gli altri di “Lezioni di cioccolato 2” e del campione di incassi  “Che bella giornata”, con Checco Zalone).

Vorremmo, tra l’altro, fare un ringraziamento speciale ai due artisti per la disponibilità e la gentilezza con cui hanno acconsentito a concederci questa breve intervista, qualità che nel mondo dello spettacolo non sono assolutamente date per scontato.

Intervista a Salvatore Allocca

 

Piccola produzione, piccolo regista, piccola attrice è stato un p0′ il fulcro della  presentazione che ha fatto Nabiha Akkari prima dell’inizio del film. Ma può un film “piccolo”, quindi anche un piccolo spaccato, su di un territorio specifico, parlare di un argomento così grande come l’immigrazione?

 

Si sicuramente, sono i piccoli uomini che fanno la storia. Da una piccola storia si può raccontare uno spaccato che poi è globale. Qui si parla di immigrazione da un lato ma anche di quel sentimento comune che coinvolge questa nostra generazione, un precaria ed un po’ liquida, di ritrovare un proprio sogno, a volte volendo andar via a volte cercando una compiutezza, che finché non raggiungiamo non viviamo bene!

E’ voluta questa linea di connessione tra varie difficoltà e limiti tra le culture messe in campo, questa comunione di limiti e barriere mentali?

Si, assolutamente, il discorso è far emergere che le differenze tra loro e noi sono parte di una stessa umanità. Non sono colori e la cultura a farci diversi. Ognuno può pensarla come crede, ed è giusto così.

Una scena molto forte è stata quella della donna araba che, d’improvviso inizia a ballare la pizzica. Volevate rendere l’idea di libertà della donna, costretta da una società che le impedisce di potersi esprimere?

La pizzica è tematica, ci siamo fatti agli scritti di De Martino: la ripresa della storia della pizzica, citata nel film, è assolutamente voluta e totalmente funzionale. Come danza ballata dalle donne per liberarsi dai pensieri e per sfogare la rabbia, e ambientando la storia in Puglia, ci è sembrato essenziale inserirla in questo contesto e con questa valenza.

Intervista a Nabiha Akkari

 

Il fatto che una donna araba balli come una donna tarantina, dona al suo personaggio un carattere di universalità e di abbattimento di barriere?

Nei paesi arabi, si balla in maniera molto simile. In questa scena ci sono moltissime emozioni differenti, una somma di sentimenti. E’ presa dal ritmo, dal momento. Si, è universale perché tutte abbiamo bisogno di liberarci, il ritmo è universale. E’ stata una scena che, girandola, mi ha preso completamente: l’operatore ballava con me, ed ero talmente presa, come in una trans, e mi sono addirittura rotta la mano sbattendo contro la macchina da presa!

Un ultima domanda, inerente ad un tema che è centrale ma che è stato trattato con molta delicatezza nel film: quello della accoglienza e dell’incontro delle culture, in una società attuale che è sempre più razzista e che è sempre meno incline al dare ospitalità. Tu hai reso un personaggio forte, deciso, risoluto, una donna forte e determinata. Quanto di te c’è in questo tema e in questo personaggio?

Io lascio rispondere i miei film: in tutti c’è un filo conduttore, un tema comune. Ogni volta che arriva un tema per me sensibile, ho bisogno di lavorarci. Quando incontri una sceneggiatura così, che ha elementi molto importanti per me, essendo anche figlia di immigrati francesi della prima generazione, lo faccio con entusiasmo.

Io però non penso che la gente che rifiuta gli immigrati sia razzista: quando sei in una condizione di debolezza, psicologica o fisica, hai paura della diversità, di quello che viene da fuori, dello straniero, perché non lo puoi controllare e non lo capisci. Per me bisogna lavorare con queste persone, che hanno paura della diversità, sia culturale che sessuale, cercare di capirsi meglio.

Andrea Vailati
"Un giorno troverò le parole, e saranno semplici." J. Kerouac

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Nuovi Sguardi – Intervista a Dario Bocchini sul corto Ride With The Guilt

Due donne avvolte dal rosso e il giallo, predominanti nell’intero short film di Dario Bocchini, regista e sceneggiatore indipendente di cortometraggi con sede a...

Nuovomondo – Spaccato di un’Italia migrante

Nuovomondo di Emanuele Crialese - Lo spaccato di un'Italia migrante a cavallo dei secoli XIX e XX Attraverso il cinema abbiamo cercato di realizzare un...

La sposa turca – I paradigmi di una solitudine a due

In tedesco il titolo del film La sposa turca è Gegen die wand (“Contro un muro”), eco che richiama la scena iniziale del film...

Mommy – Tra Amleto ed Edipo nel film di Xavier Dolan

Mommy - Tra Amleto ed Edipo nel film di Xavier Dolan L’Amleto è una delle opere più complesse fra le drammaturgie shakespeariane, oggetto di studio...