Home Serie TV e Netflix Dottor House - L'onestà e la superstizione del dolore

Dottor House – L’onestà e la superstizione del dolore

Porre fine al dolore è meglio del dolore?

Ecco uno dei punti determinanti dell’episodio finale di Dottor House, episodio dal simbolismo e dall’impatto narrativo davvero di enorme portata.

Nello sviluppo del suddetto, infatti, Dottor House affronterà il più sincero e profondo percorso che egli abbia mai compiuto, addentrandosi nella propria esistenza attraverso le figure femminili chiavi della sua vita, in un processo di discesa nelle sue emozioni più primordiali.

Ma facciamo un passo indietro.

Parlando del dolore, tocchiamo uno dei temi più complessi e intrecciati dell’intera serie sul grande diagnosta misantropo. La sua personalità, quanto mai complessa, attraverso tale chiave di lettura ci rivela una duplice condizione di esistenza, due livelli di realtà, quello in cui teme il dolore e quello in cui ne ha bisogno. Da ora definiremo queste condizioni come l’onestà(timore) e la superstizione(necessità) del dolore. Iniziamo da quest’ultima.

 1. La Superstizione del Dolore

Ecco il primo livello di esistenza, quello più in superficie, quello del Dottor House dipendente dal dolore. Egli si manifesta nel sociale come un essere cinico che basa tutta la sua vita nell’affermazione della logica. Ogni suo rapporto è da lui spulciato razionalmente, ogni atteggiamento umano segue delle dinamiche rintracciabili, nulla è più interessante del fantomatico “puzzle”.

Egli dunque condanna qualsiasi atteggiamento che non possa essere motivato, egli condanna la religione e la metafisica ma, in vero, è egli stesso un superstizioso.

Di che si tratta?

Per spiegare tale prospettiva occorrerà una piccola premessa. L’essere umano è un centro di forze assolutamente caotiche: ragione, sessualità ed emozioni si scontrano e si muovono nell’uomo come particelle termiche. Egli però necessita il controllo, egli necessita una gestione razionale e gerarchica dell’intero sistema umano, il caos lo terrorizza. Ma l’uomo non può vincolare le sue emozioni, queste hanno bisogno di esprimersi, non seguono una logica concatenabile e non appartengono all’area della dimostrazione.

Risalire alle loro origini è complesso, lasciarle il via libera altrettanto, così tentiamo di giustificarle, logicizzarle spesso fallendo, così le portiamo nel campo della ragione, dove i danni sono inimmaginabili.

Come risolviamo delle paure che non hanno logica?

Come affrontiamo delle emozioni che non sappiamo come arrivino?

Gli esseri razionali divengono vittima di un conflitto che non potrà mai risolversi attraverso la ragione, poiché non tutto ha una forma che segua la nostra fantomatica logica.

Così subentra il concetto di rituale. Una qualunque azione, abitudine o gestualità che l’essere umano compie con frequenza per scaricare la tensione emotiva che non riesce a gestire. Dalla dinamica più banale dell’incrociare le dita se si spera che qualcosa avvenga prosegue in condizioni ben più complesse, come quelle di dover soffrire per esprimere il proprio genio.

Ecco tornarci al punto, Dottor House che ogni irrazionalità spergiura e disintegra è, in vero, assolutamente vincolato alla necessità di soffrire. Necessità è una parola scelta con criterio, poiché egli ne fa un duplice utilizzo: in primis concentra ogni suo terrore delle emozioni, impossibili per lui da gestire, in un dolore compulsivo che focalizza una gran parte della sua attenzione, così da sfuggire alle reali complicazioni della sua vita.

In secundis fa del dolore una conditio sine qua non del suo genio, delineando una vera è propria superstizione razionale, dove per una sorta di equilibrio logico, egli non può non soffrire per essere un genio, non può accedere alla semplicità per cogliere la complessità.

 2. L’Onestà del dolore

Ecco il secondo livello di esistenza, quello più profondo e nascosto. Dottor House è un essere umano ed in quanto uomo è condizionato da un perenne stato di incertezza e timore. Per quanto si possa manifestare un monopolio della ragione, saremo sempre affiancati dall’emotività. Egli è terrorizzato dai rapporti umani, terrorizzato dal lasciarsi andare, dal donarsi all’altro, ma questo non significa che egli non provi nulla.

Le sue storie d’amore rivelano alcuni tratti di questo meraviglioso scudo di cinismo che egli ha imposto alla sua realtà, risultando sì forte nel sociale ma fortemente traballante nell’intimo. Egli prova emozioni e persino sentimenti piuttosto primordiali che , essendo sempre rimasti nascosti, risultano ancora profondamente infantili, eppure, paradossalmente più puri. Nella sua enorme complessità psichica che quasi gli impedisce di vivere, l’unico accesso alla vita sarebbe per via emotiva, ma questo implica lasciarsi andare, abbandonarsi, non avere il controllo assoluto.

Egli ne è terrorizzato dunque canalizza tutto nel suo atteggiamento distruttivo, crudele e tagliente che, coadiuvato dalla superstizione del dolore gli permette non tanto di esistere quanto di resistere. Ma in questo tunnel egli non affronterà mai se stesso, non potrà mai accedere alla reale condizione di dolore che reprime, quella di accettarsi, di accettare l’altro, di accettare che Wilson stia morendo.

Ecco l’onestà del dolore, quella che Dottor House ci mostra a piccole dosi in tutta la seria per poi ricoprirla di rituali e razionalità, quella di non trovare sotterfugi alla reale condizione delle cose, quella di non fuggire più nei suoi schemi e nella sua gamba mal ridotta, quella di accettare che ciò che è reale non è del tutto razionale.

Così infine egli squarcia il suo velo di maya esistenziale, risalendo, o forse scendendo, nei meandri della sua profondità emotiva, ben più complessa di ogni strategia di difesa da lui applicata, per poi trovare la sua risposta.

Andrea Vailati
"Un giorno troverò le parole, e saranno semplici." J. Kerouac

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

The Wrestler e l’ideale dell’ostrica

L’incontro verte ormai al termine. L’Ayatollah è a terra, aspetta solo di essere “schiantato” dalla Ram Jam, la mossa finale con cui il campione...

Chi è la famiglia Silente? – Ariana e Aberforth

Il mondo di Harry Potter è un mondo magico, che ha accompagnato quanti di voi staranno leggendo, magari ormai adulti, da quando erano solo...

L’adolescenza nella commedia sentimentale: Lady Bird e Notte prima degli esami

Spesso e per fortuna, sia la letteratura che il Cinema ci regalano – e spuntano come fiori di primavera – racconti, poesie e frammenti...

Il Cinema Giudiziario – Racconti di Giustizia Umana

Poche persone amano la Legge e tutto il contorto mondo che gira attorno a essa; un complesso universo fatto di ingenti codici, polverosi tribunali,...