Home Cinebattiamo Blow - La vita in un soffio

Blow – La vita in un soffio

 

Blow è un film che si ama… o si ama. Difficile conoscere che esista o possa esistere, una recensione negativa su questo piccolo capolavoro e qualora esistesse, probabilmente, è la più ingannevole e menzognera recensione di sempre. Johnny Depp ritorna ad essere quello sontuoso ed impeccabile di Donnie Brasco, Minuti contati, Nemico pubblico e più recentemente quello sociopatico e astuto, ammirato in Black Mass. In Blow vediamo probabilmente uno dei migliori Depp di sempre, l’attore di quelle performance esaltanti ed uniche che lo hanno consacrato tra i più talentuosi e più pagati dei nostri tempi. Un attore passato da registi e produttori quali Michael Mann, Tim Burton, Gore Verbinski.

George Jung è un ragazzino che ammira profondamente suo padre, è il suo vero ed unico eroe. Sua madre continua a lamentarsi degli altalenanti e sempre insoddisfacenti guadagni del marito, una donna instabile che fugge da casa per poi ritornare puntualmente, riconquistata dal marito. Il piccolo George invece non fa altro che stimarlo e amarlo, il caro padre è tutto per lui ed in cuor suo detesta la madre proprio per quelle stucchevoli, rancorose e nevrotiche scenate verso il padre.

Ma le difficoltà economiche della famiglia fanno capire al piccolo George una semplice cosa, non farà una vita di sacrifici e pochi guadagni come suo padre. George sarà diverso dal suo eroe preferito, promettendo a se stesso che farà tutt’altro nella propria esistenza. O quantomeno questa è la sua idea primordiale e l’utopica illusione.

La California, in cui si trasferirà con l’amico di sempre, l’extra-extralarge Tonno, sarà il contesto ideale per far sbocciare il suo amore per Barbara, il suo amore per i facili guadagni del narcotraffico e la proficua partnership con il barbiere Derek, fornitore primario di marijuana. Si parte dalla vendita al dettaglio per le libidinose e soleggiate coste californiane, l’ascesa di ‘Boston George‘ inizia da questo momento. Gli anni più felici per George saranno questi, dopo ci sarà la morte dell’amata Barbara, la prigione, la conoscenza deleteria con l’instabile compagno di cella Diego Delgado e la conoscenza della sostanza più richiesta e remunerativa di sempre : la cocaina.

George sarà a capo di un’organizzazione con Derek e Diego e altri due soci, gli illeciti proventi non faranno che crescere in modo esponenziale così come le “conoscenze altolocate” nel settore che saranno di gran prestigio, Carlos Lehder e Don Pablo Escobar su tutti. Il conteggio dei contanti diventa una noia, la relazione con Mirtha ha preoccupanti sbalzi umorali, dall’esaltazione alla rabbia, dall’amore all’odio. Quello sperperare denaro diventa addirittura una pratica difficile, quando si possiede ormai ogni cosa.

L’inizio di Blow è costruito con la notissima, piacevolissima e talvolta abusata tecnica del flashback, quel ricordo iniziale è il frangente in cui George sta per essere incastrato dai suoi colleghi-amici di malaffare. In questo ambiente soci e amici possono essere chiamati ‘fratelli’ o ‘Giuda’ da un istante all’altro, il lasso temporale di un flebile, dolce e ingannevole soffio. Quel soffio che ha fatto evaporare via i milioni di dollari nel deposito di Panama, lo stesso fugace soffio della passione per Mirtha (Penelope Cruz), lo stesso soffio che ha portato via l’amata Barbara e quel soffio che ha allontanato e riavvicinato un figlio a suo padre.

Quello che sarebbe dovuto essere l’ultimo felice ed estatico guadagno criminale prima di poter portare la figlia in California, diviene l’ultimo atto per il ‘Boston George’. Ora ci sarà solo la prigione, il rimorso, la vita monotona e semplice di un comune ‘George’, in un comune carcere.

Il momento in cui il detenuto George Jung registra su audiocassetta un messagio vocale al padre, è forse il frangente emotivo più struggente e poetico dell’intero film. Un figlio a cui è stato negato dalla madre il permesso di visita ad un padre ormai morente, un figlio che utopicamente credeva di fuggire da una vita di sacrificio e monotonia quotidiana, un figlio che non voleva rivivere con sua moglie i litigi dei suoi genitori. La ciclicità degli eventi, l’utopico inganno e il malessere, faranno capire al protagonista di essersi tristemente sbagliato. George è “un uomo la cui ambizione supera di gran lunga il talento” come dice egli stesso nel corso del suo monologo interiore nel finale di pellicola.

“Che tu possa avere sempre il vento in poppa, che il sole ti risplenda in viso e che il vento del destino ti porti in alto a danzar con le stelle”

Blow incarna la forza spirituale del cinema, l’azione che squarcia una dimensione, l’emozione altrui che in qualche modo finisce con l’appartenerti. L’adorata figlia di George, non era mai andata a trovare suo padre in carcere prima del 2001, anno in cui la storia della vita di suo padre si materializzò in una pellicola.

La forza pura e indistruttibile del cinema ha fatto sì che la figlia Kristina Sunshine Jung sia andata a trovare suo padre nel 2002, affermando di essersi pentita per non averlo mai incontrato, come se la sua mente lo avesse in qualche modo rimosso. Ma il cinema può tutto. George Jung è uscito dal carcere federale di Otisville nel 2014, il film riportava invece il 2015 come anno di scarcerazione. Blow è una maledetta storia vera.

Blow è il vero racconto di un soffio leggero, un momento di poesia e miraggio, l’amara realizzazione di un triste epilogo. La storia di un tradimento inatteso e di un amore infranto. L’illusione ammaliante della visione che si infrange sul veemente impatto del reale.

Blow, è l’ingannevole e dolce soffio della vita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

La vera storia di Oskar Schindler – Tra film, romanzo e vite salvate

Vi sono film, nella vita di ognuno di noi, che restano impressi nella memoria. Per sempre. Ma soprattutto vi sono pellicole di cui una...

5 (+1) film in Bianco e Nero nel 2000 da recuperare assolutamente

Chi ha detto che il bianco e nero coincida col "classico", se non addirittura spregevolmente col “vecchio”? La rinuncia al colore nel panorama cinematografico...

In Morte, Vita – Departures e il rituale della partenza

In Morte, vita. Potremmo dire che di questo si occupa il Nokanshi, in giapponese “colui che accompagna alla partenza”. Basterebbe questa parola per stigmatizzare il rapporto...

The Witcher e Rancore – Cos’è il Sangue di Drago?

Perdersi nel racconto di una storia, rincorrendo la propria immaginazione, rivela indirettamente l’efficacia delle capacità di chi quella storia la racconta. Esiste un accordo...