Home Cinebattiamo Il Merito di una Sceneggiatura Il Merito di una Sceneggiatura: 4 commedie meravigliosamente riuscite – Pt. 2,...

Il Merito di una Sceneggiatura: 4 commedie meravigliosamente riuscite – Pt. 2, Un’ottima annata.

Il Merito di una Sceneggiatura.

Il cinema è un’arte potenziale, un’arte che si sviluppa nel tempo e nei luoghi, un’arte fatta di intrecci. Tanti membri partecipano alla stesura di un’opera filmica, membri umani e membri concettuali. Il cinema è un’arte di infinite possibilità, un’arte che ingloba e si determina in tante forme.  Ma cosa porta un film a fiorire, quale concime rende i suoi fiori meravigliosi?
Ogni film ha i suoi motori primari e secondari, esistono film dove ogni parte, quella estetica, musicale, narrativa sono equamente rilevanti ed esistono film che premiano un elemento su tutti. Ecco una rubrica che proverà ad analizzare vari film la cui sceneggiatura, meravigliosamente sviluppata, ha determinato un risultato davvero rimarcabile.
Eccoci con uno studio su “Il Merito di una Sceneggiatura”, il cui oggetto concettuale, i cui tempi narrativi, la cui caratterizzazione dei personaggi, talvolta, possono, silenziosamente, connettersi tra loro verso una perla la cui rarità non può che tramutarsi in un sorriso consapevole di uno spettatore incantato, nella dolcezza, nella tristezza o nella paura.

4 Commedie meravigliosamente riuscite

(Pt. 2, Un’ottima annata.)

[per leggere pt.1  Il Lato positivo-Rincorrendo un frammento, inconsciamente possiamo finire sulla strada giusta, clicca QUI)

Questo articolo proverà ad addentrarsi nei meandri del variegato mondo delle commedie.

Oggi spesso sminuite a cinema da famiglia, a cinema di passaggio, dove non c’è nulla su cui soffermarsi, le commedie hanno in realtà una tradizione davvero importante. Certo, dalla Commedia dell’arte Italiana ad oggi ne è passato di tempo, dal cinema di Sordi e Vittorio De Sica ad American Pie c’è una muraglia cinese in quanto a decrescita cinematografica ma esistono ancora grandi commedie,  la cui sceneggiatura ha saputo narrare emozioni, risate e riflessioni morali, di quelle sempre verdi ma non per questo dimenticabili.

Proviamo ad analizzare Il Merito di una Sceneggiatura in 4 commedie, divise in 4 parti per 4 articoli.

[p.s. Woody Allen non è considerato in quanto essendo un vero e proprio fondatore di un sottogenere trattare un suo film implicherebbe trattare uno stile profondamente unico e sui generis, per lui ci sarà una rubrica apposita.]

Pt.2 : Un’ottima annata – L’emozione è un ricordo perpetuo della bellezza del vivere

L’emozione è un ricordo perpetuo della bellezza del vivere, dimenticarsene è peggio che sprecare un ottimo bicchiere di vino.

Esistono temi cinematografici oramai rarefatti nel cinema hollywoodiano, a tal punto da portarci spesso a screditarli con toni pregiudizievoli quasi vincolanti.

Certo, si è a tal punto fatto un certo tipo di cinema, quello dal pathos servito su un piatto d’argento, degli amori e degli eroi con i loro percorsi già deducibili dopo pochi minuti, che è giusto ritenere alcuni topoi cinematografici alquanto ossidati.

Eppure, un cliché diventa un cliché per una ragione e, quando, in quei rari casi, una sceneggiatura sa mostrarsi in un film sì ovvio, ma meravigliosamente connotato di quella dolce ovvietà, allora quel primordiale amore per le grandi emozioni può tornare, per un breve istante, felicemente a galla.

Un indimenticabile esempio recente è quello di La La Land, ma oggi parliamo di Un’Ottima Annata.

Iniziamo ad analizzare dunque Il Merito di questa Sceneggiatura:

Lo sviluppo narrativo è perfettamente in linea con il classico percorso di riscoperta del protagonista, dove un giovane broker arrivista, Max (alias Russel Crowe), in principio cinico, apatico e profondamente machiavellico, disposto persino a vendere il vigneto dello zio un tempo amato ed oggi morto e dimenticato, diviene infine un uomo che ha ricordato il valore dell’emozionarsi per la vita e del rinunciare all’avidità materialista così alienante.

Ma il modo in cui ciò avviene è davvero meravigliosamente riuscito.

L’emozione in questo film è data dall’incontro tra due epoche della vita del protagonista, il dolce passato ed il freddo presente, il cui intreccio crea un conflitto emotivo semplice, ma molto catartico, in un frequente utilizzo di flashback splendidamente armonizzato con il ritmo e con l’obiettivo sceneggiaturale del film.

Vediamo infatti come una tenuta con vigneto oramai abbandonata che, almeno così sembrerebbe, produce un vino di bassissima qualità, coincide perfettamente con l’aridità del protagonista. Ma la memoria, quella degli odori e degli istanti involontari tanto cara a Proust, riempie ogni secchezza, nel ricostruire un splendore passato, nel riconnettere il protagonista a quella profonda ed impareggiabile empatia con lo zio e nel portare lo spettatore ad innamorarsi, con la giusta lentezza, di un bicchiere di vino.

Max ti ho mai detto perché fare il vino è per me fonte di grande piacere? Io amo fare il vino perché questo nettare sublime è semplicemente incapace di mentire, vendemmiato presto o tardi non importa, il vino ti bisbiglierà in bocca sempre con completa e imperturbabile onestà ogni volta che ne berrai un sorso. [Zio Henry]

Ogni personaggio ha una sua splendida caratterizzazione, continuativa e crescente, coerente e con i giusti tempi della commedia romantica.

Dalla coppia di lavoratori da sempre parte di Chateau La Siroque( il suddetto vigneto), l’uno il vignaiolo che parla con le viti e l’altra la moglie governante dalla grande dolcezza, che balla a suon di jazz con un fare di ambigua sensualità, ad ogni personaggio secondario, la cui esistenza è complessivamente necessaria.

Come l’avvocato che mostra la buffonaggine del cinismo, quasi screditandolo nello sviluppo e la meravigliosa giovanissima Marion Cotillard, semplicemente pura, che sa, con la sua dolcezza incontaminata svelare e scindere i due lati di Max, porlo nella lucidità di capire chi lui realmente voglia essere.

La giovane, forse, figlia illegittima dello zio Henry, è quella ciliegina sulla torta nel portare il protagonista a sbattere contro l’uomo che è diventato, la cui cattiveria deve fare i conti con la vera essenza di un uomo rifugiato in sé stesso.

Tutto ciò mostra Un’ottima annata come una commedia ben riuscita, dai giusti ritmi, dalla musica avvolgente, dalla semplicità coerente e compiuta, dalle scene comiche e dalle emozioni più cinematografiche.

Ma c’è quel “di più” , e quel di più che la rende così piacevole e così coinvolgente è dato da una poetica energia sottostante a tutto il film, un collante che agisce pian piano sulla strada della trama, il cui merito non può che andare al personaggio dello Zio Henry.

Egli compare e scompare, lo conosciamo in un perpetuo ricordo, come una guida per un ragazzino curioso, come un saggio del vizio del vivere e del saperlo fare.

Così si carica di un fascino un po’ decadente, le cui frasi, anche semplicemente poiché dette da lui, si rivelano piccole chiavi di lettura sulla vita nella sua più sincera essenza, la cui poesia è data dalla possibilità di abbandonarsi, in un’eterna sospensione dalla realtà, alla passione per l’amare ogni cosa, inebriarsi di ogni sorso di emozione.

L’obiettivo sceneggiaturale di questa piccola splendida commedia è forse dunque, semplicemente, comprendere quell’autentico atteggiamento emotivo, perché ogni bicchiere di vino possa raccontarci tutta la sua storia.

 

Leggi anche: Dunkirk – Il particolare musicale che vale un’intera colonna sonora

Andrea Vailati
"Un giorno troverò le parole, e saranno semplici." J. Kerouac

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Il fascino di Vlad – Tutti (o quasi) i Dracula della storia del cinema

Esistono miti che non cesseranno mai di essere; nella nostra memoria non mancano quei personaggi iconici che attraversano la letteratura, il cinema e qualsiasi...

Giuliana ed Elisabeth – Tra Il Deserto Rosso e Persona

I. Il Deserto Rosso A Ravenna, questa “città astratta” - come la definisce Antonioni -, “la natura è distrutta, violentata, umiliata”. Ciò che prima cresceva...

Tommaso Buscetta: Tradito o Traditore?

Un vecchio Robin Hood. Chi è veramente “Il Traditore”? Il film, uscito nelle sale lo scorso maggio, offre agli spettatori un affascinante ritratto dell’antieroe...

OSCAR 2020 e il ritorno degli Autori

Dopo la digestione di una delle cerimonie più attese dell'anno, è giusto prendersi una pausa di riflessione. Non si può ignorare certamente il profondo...