Home Cinebattiamo Orizzonti di gloria - La prima guerra di Kubrick

Orizzonti di gloria – La prima guerra di Kubrick

Prima guerra mondiale. Il peso di una complessa quanto improvvisata operazione militare passa di sottoposto a sottoposto fino al comandante Dax (Kirk Douglas) il quale, nonostante la quasi certa perdita di gran parte dei suoi uomini, nonostante l’esito sia del tutto incerto e tutt’altro che assicurato, si vede costretto ad accettare a causa delle pressioni esercitategli dal generale Mireu.

L’operazione sarà un disastro.

Orizzonti di gloria è un titolo ironico, tale senso lo aveva già nel romanzo di Humphrey Cobb, il quale aveva ripreso il titolo “Paths of Glory” da un verso di Thomas Gray: «i sentieri della gloria non conducono che alla tomba». La gloria che dovrebbe spingere i soldati in guerra spinge prevalentemente i comandanti, disposti a tutto pur di non ammettere che una particolare missione sia impossibile da compiere.

Prendere l’ imprendibile avamposto tedesco ‘’Formicaio’’ a qualunque costo.

D’altronde cos’è la vita di un soldato davanti alla gloria dell’intera nazione?

Cos’è il singolo in una moltitudine che aspetta solo il proprio turno per morire?

Paths of glory è una chicca non da poco, in soli 88 minuti Stanley Kubrick ti trasporta, sporco di fango al fianco dei soldati in prima linea, nelle fredde trincee della prima guerra mondiale, descritte da delle memorabili lunghe carrellate che seguono a passo i tour del generale Mireu prima e la marcia del comandante Dax dopo.

Trincee e salotti, in una duologia di locations aspramente paradossale quanto reale, nei salotti si decide cosa succederà nelle trincee e in un costante susseguirsi di contrasti fotografici e sociali la trincea diventa metafora e assorbe le inquietudini di chi la popola, i sogni diventano speranze, la speranza di morire senza soffrire troppo.

Il comandante Dax le percorre entrambe, è lui il filo tra i due mondi, l’eroe classico.  Dax è l’elemento positivo, fa il possibile per gli uomini che gli sono stati affidati, sfida le convenzioni e i suoi superiori perché sente che l’umanità dei singoli si sta perdendo dietro le ideologie patriottiche dei pochi al comando.

Dopo il fallimento dell’operazione viene messo su un processo, ogni reggimento sceglie un soldato, che viene processato. Dax, che prima dello scoppio della guerra casualmente era proprio un avvocato, si offre volontario per difendere gli imputati.

Kubrick non inventava i suoi film di sana pianta, solitamente leggeva un libro che gli piaceva, lo rileggeva, magari anche un’altra dozzina di volte, dopodiché lo trasformava in una sceneggiatura aggiungendo considerazioni di natura personale, personaggi o anche cambiando radicalmente parti della trama.

Orizzonti di gloria è del ’57, nonostante la ferma, fredda e dura critica e condanna nei confronti della guerra, dello Stato e dell’uomo in generale, il personaggio del comandante Dax rappresenta comunque una voce di speranza, il bene nel male.

Tale figura emblematica sarà completamente assente in Full Metal Jacket, sempre Kubrick ma nell’87. Trent’anni in cui il regista non ha cambiato opinione anzi, in questi trent’anni l’America è cambiata, la prima guerra mondiale non è il Vietnam, non sono neanche lo stesso campo da gioco.

‘’Questa fotografia sarà sempre una buona fotografia, non ho bisogno di aspettare 50 anni per saperlo, lo so anche adesso’’ – Kirk Douglas a proposito della fotografia di Paths of glory.

Effettivamente il bianco/nero di George Krause è estasiante, accentua i contrasti e crea un sorta di patina sull’intera pellicola. Così le figure si staccano ulteriormente dallo sfondo, dalle trincee composte di legno e fango, dal campo di battaglia, che ci appare come un oceano di fango agitato dalle granate nemiche, e dagli sfarzi ricchi di dettagli e di piante dei salotti dei generali. Oltre alle già citate lunghe carrellate nelle trincee la regia alterna rapidi scatti e primi piani dal basso verso l’alto a lunghe riprese cariche di tensione. Si avverte immediatamente l’alto tasso tecnico della regia, già matura e avanzata, d’altronde Paths of glory è il quarto film girato da Kubrick ed il primo a portarlo davvero alla ribalta, essendo considerato il ‘’primo capolavoro indiscusso’’ del regista.

Kirk Douglas che oltre ad essere l’interprete principale del film era anche il produttore, insistette per il finale originale, contro la volontà di Stanley che era più indirizzato verso un lieto fine, e contro la logica dei distributori del tempo che infatti ne ostacolarono l’uscita in Europa, in Germania arrivò nel 60, in Francia non prima del 75 e in Spagna addirittura nell’86 (inspiegabilmente tra l’altro in quanto gli avvenimenti narrati riguardano l’esercito francese e la Spagna non viene nemmeno mai nominata).

Comunque sia nonostante il finale non proprio lieto fine, che non vi svelo così ve lo andate a vedere, nel finale finale, ultimo minuto di film più o meno c’è una scena molto significativa. A causa del format ‘’ti presento un film non ti faccio spoiler così poi lo vedi fidati vedilo’’ non entrerò nei dettagli ma mi limiterò a dire che a parer mio è un po’ quella firma, quel segno che lascia l’artista sulla tela per dire ‘’c’est moi’’, ed è proprio un Kubrick quella scena ragazzi, ti mostra che anche dietro tutte le divise, il sangue e il fango del mondo c’è un qualcosa, un qualcosa capace di farti provare emozioni, tipo la ghiandola pineale di Cartesio, e ce l’hanno tutti gli uomini, indistintamente.

Il patriottismo potrà essere fuori di moda, ma là dove c’e un patriota c’è un onest’uomo.

Comandante Dax-”Ma non è stata sempre l’opinione di tutti. Samuel Johnson disse qualcosa di diverso sul patriottismo”

GM-”Cosa, se posso chiederlo?”

CD-”Nulla, generale”

GM-”Che intende dire, nulla?”

CD-”Nulla, niente di molto importante”

GM-”Colonnello, quando io faccio una domanda è sempre importante. Dunque, chi era quest’uomo?”

CD-”Samuel Johnson..”

GM-”Benissimo. Dunque, che cosa disse del patriottismo?”

CD-”Che era l’ultimo rifugio delle canaglie. Mi scusi, nessuna allusione personale”

Leggi anche: Aguirre, furore di Dio – La Natura e la Follia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

David Cronenberg – Indagatore della Mente, profeta della Nuova Carne

Quando la mente erra per sentieri oscuri e inesplorati, anche il corpo ne risente. I tratti somatici del viso si irrigidiscono e la tensione...

Il Finale di The Departed – L’etica allo specchio

Molte esperienze di vita rendono l'uomo consapevole del fatto che i paradossi albergano nella sua anima. The Departed, film di Martin Scorsese del 2006, narra...

Call Me By Your Name e Damien Rice- It’s just that it’s Delicate

«We might kiss when we are alone When nobody's watching We might take it home We might make out when nobody's there It's not that we're scared It's just...

Aster, Eggers, Peele e la rinascita del cinema horror

Aster, Eggers, Peele e la rinascita del cinema horror Dopo un periodo in cui le pellicole horror di qualità in sala scarseggiavano, negli ultimi anni...