Home Serie TV e Netflix Mr Robot - Il moderno Dottor Jekyll

Mr Robot – Il moderno Dottor Jekyll

“E’ dunque da attribuirsi più all’esigente natura delle mie aspirazioni che a una mia speciale degradazione, il motivo per cui si separarono in me, con un solco più profondo, le ragioni del bene e del male che dividono e compongono ad un tempo la duplice natura dell’uomo”

(Dottor Henry Jekyll)

Difficile non pensare al romanzo di Robert Luis Stevenson affrontando la visione di Mr Robot, capolavoro partorito dalla mente geniale di Sam Esmail. Elliot, il protagonista, incarna il ruolo di moderno Dottor Jekyll, che a causa della propria mente divisa e frammentata, crea una doppia personalità dalla dubbia morale, proprio come Mr Hyde, affrontando un percorso senza ritorno verso le profondità dell’animo umano, influenzate dal mondo esterno, di cui siamo parte integrante e vittima.

E noi spettatori, come l’avvocato Utterson, assistiamo impotenti di fronte alla complessità della natura umana.

Quanto è profonda la tana del Bianconiglio?

 “Per quanto io fossi in preda di un profondo dualismo, le due nature in me coesistevano in perfetta buonafede, ed ero ugualmente me stesso sia quando, sciolto ogni freno, ero immerso nella vergogna, sia quando mi affaticavo a lavorare per il progresso della scienza o per dare sollievo al dolore e alla sofferenza”

Restiamo folgorati dal personaggio di Elliot, in quanto soggetto stra-ordinario nella sua bipolarità accentuata.  Esperto di sicurezza informatica di giorno, nella vita privata si erge a giustiziere della rete, mascherando il suo status di stalker informatico che tratta le persone come computer da hackerare per scoprirne i segreti più intimi. Sociofobico e sociopatico, è afflitto da deliri e allucinazioni che gli causano problemi nel relazionarsi con le altre persone e lo immergono in uno stato di ansia e paranoia.

La sua mente costruisce un alter ego, Mr Robot appunto, per dare libero sfogo alla parte malvagia e paranoica. Questo rappresenta non solo un lato del carattere poliedrico di Elliot, ma ne è anche l’esatta replica della figura paterna, pesantemente assente nella sua infanzia. Mr Robot rappresenta quindi il capro espiatorio di Elliot, giustificando la sua indole malvagia nascosta nel profondo, che lo incanala in una trama finemente ordita per la distruzione di una multinazionale e salvare l’umanità dal controllo coatto.

Two players, two sides. One is light, one is dark.

“Ma l’intrinseco dualismo delle mie intenzioni grava su di me come una maledizione, e mentre i miei propositi di pentimento cominciavano a perdere mordente, la parte peggiore di me, così a lungo appagata, e di recente messa alla catena, prese a ringhiare. […] e come accade a chi persegue vizi privati alla fine cedetti agli assalti delle tentazioni. […] e questa breve condiscendenza al male che avevo in me finì per distruggere l’equilibrio della mia anima.”

Con lo sviluppo della trama, l’evoluzione di Elliot spinge il dualismo interno della propria mente ad un livello più profondo e ancora più frammentato. Come accade per il Dottor Jekyll, le due personalità si scindono e prendono vita e coscienza propria. Elliot non ricorda i momenti vissuti nel corpo dell’alter ego, né le sue intenzioni. Perciò è ora impossibile arginare la sua parte corrotta e di conseguenza tutte le azioni malvagie che perpetra.

La divisione ora è completa. Da una parte Elliot, che cercava nella solitudine del suo triste appartamento un modo per aiutare le persone (catalogandole nella sua iconica raccolta di CD); e che, allo stesso tempo, teneva lontane e silenziate senza interagire con loro. Dall’altra Mr Robot, che fa parte di un sistema più grande di lui, ed è mosso da quel sentimento che non conosce limiti, l’odio, che si trasforma in vendetta per creare tabula rasa di tutto il male che lo disgusta.

Se inizialmente tra Elliot e il suo alter ego c’era un forte dualismo che si sviluppava per lo più come un forte diverbio, fatto di urla e intensi faccia a faccia, adesso lo scontro si è fatto più silenzioso, ma non per questo meno attivo e pericoloso. Su di uno sfondo reale e facilmente riconducibile al nostro, in cui le multinazionali e i colossi aziendali tirano i fili che sorreggono il mondo e il capitalismo decide le sorti e le strade da percorrere verso il futuro, l’uomo è sempre più afflitto da nevrosi e solitudine, in uno sdoppiamento di personalità figurativo tra identità reale e identità virtuale, sempre più preponderante, come un cancro che agisce sotto pelle, mentre fuori il corpo appare sano.

Elliot così, nella sua iperbole, finisce per rappresentare tutti noi, figure sempre più complesse che si muovono come malati in questo mondo contemporaneo, prigioniero della ragnatela del web. Mentre le persone intorno a lui (e a noi) fingono di volerlo assistere e cercano invece di sfruttarlo e di accelerare la sua malattia, per sentirsi meglio con loro stessi, in un mondo che si sorregge interamente sulla degenerazione della legge di Darwin.

Raggiunta una tale profondità dell’animo umano, percorrere la strada a ritroso è certamente impossibile. La parte malvagia è ormai troppo radicata per poter essere estirpata.

L’unica soluzione sarà quella di porre fine alla vita dell’involucro?

“Ma facendo uscire sempre più spesso da me Hyde, la sua natura si rafforzava. Capii che se avessi continuato sarei divenuto lui in manera permanente, e che si trattava di scegliere in termini definitivi. Ecco dunque: nell’atto di deporre la penna e di sigillare la mia confessione, io metto fine alla vita di questo infelice Henry Jekyll.”

 

 

 

LEGGI ANCHE: Penny Dreadful – Chi è Prometeo: Il Dottor Frankenstein o La Creatura?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Un giorno di pioggia a New York – Tra amore e nostalgia

Un giorno di pioggia a New York è il nuovo film di Woody Allen. Come una vecchia melodia piacevole alle orecchie, riassaporiamo il mondo...

Perchè il protagonista dell’ultimo film di Woody Allen si chiama Gatsby

"E così remiamo, barche controcorrente, risospinte senza posa nel passato." Così finiva il grande romanzo di Fitzgerald, stigmatizzando nel personaggio di Gatsby l'impossibilità contemporanea di...

Woody Allen – Perchè l’Amore?

Woody Allen, nome d’arte di Allan Stewart Konigsberg, nasce a New York nel 1935. Noto a tutti come uno dei più grandi registi che...

Vertigo – Il Simulacro

Vertigo - Il Simulacro "Se mi lascio trasformare come vuole, se faccio quello che dice, riuscirà ad amarmi?"   No, non ci riuscirà. Perché quello non è...