Home Cinebattiamo Fight Club - la violenta scoperta del nostro ego

Fight Club – la violenta scoperta del nostro ego

Fight Club è uno dei film più riusciti di sempre, il cinefilo mediamente esperto lo urlerebbe (e giustamente lo fa) a gran voce. Il tandem espressivo e iconico Norton-Pitt si biforca nelle due divergenti personalità di uno stesso soggetto.

FC prima di essere un film cult del grande regista David Fincher del 1999, era stato un romanzo di Chuck Palahniuk del 1996 ed ora è appena ritornato il sequel in veste di graphic novel, firmato da Palahniuk-Stewart.

Un’iperbolica forma di disturbo bipolare, che a tratti confluirà in un dualismo dissociativo della personalità, scandisce le azioni e vicissitudini del protagonista Jack (mai nominato) e ciò contribuirà a creare caos nella mente dello stesso protagonista, causando la più totale impreparazione per l’ignaro spettatore. Jack è un borghese in ogni singolo aspetto, è un giovane uomo composto, stressato dal suo lavoro, consumato ed afflitto dalla monotonia del quotidiano, insoddisfatto.

Il Fight Club è un’associazione segreta di uomini che vogliono fuggire dalla schiavitù del sistema, uomini finiti in questo meandro labirintico di ferocia e sangue, per sentirsi in qualche modo, nonchè paradossalmente, ‘vivi’. La violenza ed il dolore degli scontri corporali insegna che l’uomo non è ciò che possiede, cosa faccia per vivere o quanti soldi abbia in banca, l’uomo è innanzitutto un animale, e quel desiderio di atrocità e quelle urla miste di sfogo e dolore, altro non sono che la sua manifesta appartenenza a quel regno animale.

Uomo ferino e animale sociale nel Fight Club, coabitano finalmente nella pace dei sensi e della violenza. Fight Club è una riappropriazione indebita ed al contempo legittima della natura umana; i soprusi della finanza, le malefatte della politica, la sfasata realtà commerciale che affoga nell’eccessivo consumismo (l’arredo-mania, secondo Jack) sono distrazioni e aberrazioni moderne, violenze meno pure. Soltanto questo nuovo e atipico ‘Club’, può rinsavire il deluso e depresso uomo moderno.

Fight Club

Tyler Durden (Brad Pitt) è colui che nella pellicola interloquisce per la prima volta col protagonista (anche se si tratta di un flashback). Nel vero primo dialogo tra i due, Tyler racconta dell’esistenza di quest’avamposto della clandestinità e della ferocia brutale, Tyler sarà il primo a scardinare le certezze borghesi del protagonista. Tyler è l’alter ego sicuro, coraggioso, affascinante di Jack, Tyler non è schiavo del sistema mondiale, ma è un fautore e creatore di un altro divergente stile di vita‘, ne è il protagonista e vuole condividere questa creazione con Jack e altri delusi.

Il Fight Club è una mediazione, è l’Io, quella fase interstiziale tra l’Es sporco e irrazionale e il Super-io controllato e anestetizzato dalle leggi morali. In quest’avamposto clandestino di sudore e sangue, adrenalina e fratellanza tutti sono liberi e tutti si rispettano proprio perchè uguali, come selvagge fiere nella foresta. Lo struttura della personalità secondo Freud giunge in nostro soccorso a spiegare la profondità e l’arguzia di questa pellicola. E colpo dopo colpo, Jack scopre che

Il Fight Club, è decisamente quello che fa per lui

Tyler annichilisce i fragili ideali legati allo stile di vita di Jack, divenendo una sorta di guida spirituale che accompagna Dante-Jack nell’Inferno. Ma il Fight Club è un piacevole Inferno parallelo, infiammato di gioia estatica e adrenalina, e se esiste uno strano ed eccentrico Virgilio come Tyler, esiste anche una Beatrice, molto meno pura e molto di più disinibita. Marla Singer è una squinternata, partecipa come Jack ad incontri di alcolisti anonimi, di malati terminali o di depressi, solo per riuscire a trovare un rifugio notturno o per ottenere qualche pasto gratuito.

Il film svilupperà una trama esaltante e ricca di colpi ad effetto, il più sensazionale ed imprevedibilmente sconcertante, sarà rappresentato dall’epilogo stesso : ciò che si riteneva essere un dialogo, era in realtà un monologo.

Jack è Tyler, Tyler è Jack.

 fight club

Quel ‘Fight Club’ è una stanza chiusa, proiezione dell’istinto selvaggio di una mente lucida ma al contempo inconsapevolmente disturbata. Una visione frutto di una proiezione mentale, un luogo metaforico dove ritrovare se stessi tramite la violenza e la fratellanza. Il FC è la finestra aperta del disturbo bipolare di Jack.

Il battesimo dell’anima purificata, la catarsi dell’essenza.

L’essere subordinato, l’uomo soffocato da legge, controllo e convenzioni sociali, che si riappropria di qualcosa. Coscienza, comodo e società che si mettono in mezzo ad un processo\meccanismo naturale, offuscando una verità primordiale: oltre all’istinto di conservazione è proprio l’essenza ferina a governarci, o quantomeno che coabita nel nostro essere. Fight Club insegna questo, e molto di più.

Chiunque non abbia ancora visto Fight Club, è colpevole di un delitto… ma può redimersi, aprire le sudicie e consumate porte del ‘club di combattimento’ e guardare se stesso, proprio perchè

Fight Club, è la febbrile e violenta scoperta del nostro io.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Il Sospetto- l’ambiguità di un bicchiere di latte

Alfred Hitchcock: "Ma le è piaciuta la scena del bicchiere di latte?" François Truffaut: "Quando Cary Grant sale le scale, è molto bella." Alfred Hitchcock: "Avevo...

Quentin Tarantino e Christoph Waltz – Compagni di Viaggio

Questa è una storia un po' particolare, di quelle che non accadono spesso. La storia tra due compagni di viaggio che si sono incontrati...

Camus e i Coen – Lo Straniero che non c’era

I due protagonisti si parlano, anche stando in silenzio. Nella pellicola dei fratelli Coen dal titolo L’uomo che non c’era (2001), Ed Crane sembra...

N. W. Refn e Ryan Gosling – La poetica del silenzio dell’antieroe

C'è stato un periodo che ha segnato lo spartiacque per la carriera di Nicolas Winding Refn, ovvero quello della realizzazione di Drive. Non solo...