Home Cinebattiamo Carlito’s Way - La redenzione di un gangster

Carlito’s Way – La redenzione di un gangster

Questa pellicola autografata da Brian De Palma è decisamente un caposaldo massimo del genere gangster-movie. Carlito’s Way, è un altro di quei film passati nello stivale italico con la rapidità di un fulmine ed il poco clamore di una classica e prevedibile pioggia autunnale. Strano a dirsi, ancora di più a credersi.

Questo film ripropone lo splendido matrimonio artistico ‘De Palma-Al Pacino‘ e dopo il primogenito Scarface (1983), in questo articolo si parlerà del secondogenito (1993), una pellicola magistrale che reclama le più giuste e meritocratiche attenzioni. Un film che dal punto di vista empatico-psicologico, probabilmente, riesce anche a superare il livello del cult eterno con l’antieroe Tony Montana protagonista.

Se il protagonista Carlito Brigante nel corso della storia deve intraprendere un tortuoso cammino di redenzione, lo spettatore che ha ignorato questa pellicola annovera nella lista dei suoi peccati, una delle nefandezze più abiette e meschine. Carlito Brigante è un portoricano appena uscito di prigione, un’anima vagante in cerca di redenzione e rinnovamento di spirito, un’anima purtroppo ancora vincolata ad un ambiente criminale che non vuole renderlo libero.

Carlo Brigante ha compreso la dura lezione di vita del carcere, esperienza che segna profondamente chiunque. La scelta di Carlito è ormai segnata, allontanarsi dal contesto criminale e fuggire per sempre da quella realtà. Ma i sogni e le buone intenzioni si infrangono rapidamente in quell’ambiente compromesso, malsano e avido, pertanto Carlo, implorato da un suo giovanissimo nipote, accetta di accompagnarlo ad un’acquisto di una partita di cocaina. Inizia l’ingresso nel nuovo inferno, località simbolica, metafisica, e talvolta letteralmente terrena, che il buon Brigante conosce già alla perfezione.

Carlito's way

La scena cult del biliardo viene descritta sontuosamente da una resa scenica formidabile, un piano-sequenza spettacolare. Quello che doveva essere un fugace scambio di una trattativa illecita, diventa un inganno; il nipote di Carlito viene sgozzato. Carlito dopo aver osservato la sagoma del killer riflessa negli occhiali dello scagnozzo riesce ad estrargli la pistola e ad uccidere e stendere tutti quei balordi, riportando una semplice ferita. Brian De Palma è anche un maestro di tecnica.

L’incipit rappresenta l’epilogo stesso della storia, i primi minuti del film sono accompagnati da un sonoro sordo, malinconico, svuotato e drammatico. Una carcassa di un uomo ferito che impatta sordamente sul terreno, il rumore di una pistolettata rallentata e la figura di Carlito Brigante che viene sballottolata su una barella del pronto soccorso. Una sviolinata triste, e il focus che ripropone lo stravolto punto di osservazione di uno dei gangster più amati di sempre.

Brigante è rilasciato, è finalmente un uomo libero dopo cinque interminabili anni di prigione, il suo inseparabile amico è l’avvocato David Kleinfeld (Sean Penn), avvocato penalista che è stato decisivo per le fortune giudiziarie di Carlito ed al contempo avvocato che deve molti dei suoi successi proprio al suo assistito che è riuscito a garantirgli altri malavitosi clienti. Un’amicizia, una partnership, un rapporto cementificato da fiducia e rispetto.

Se Carlito vuole intraprendere un cammino di redenzione, David sta repentinamente imboccando il cammino dell’autodistruzione, l’avidità di guadagno, un imbroglio pericoloso ad un boss di origini sicule e la passione smodata per la cocaina, stanno minando la sua carriera e la sua vita stessa.

Carlito viene risucchiato nella spirale della tensione e del pericolo, anche per colpa del suo amico David, il gangster comprende che la maledetta trappola di questa sporca vita, prosegue anche, se non soprattutto, proprio dopo la pena detentiva. Brigante è ancora in trappola.

Carlito's way

Carlito, è ormai stanco e consumato, l’uomo incontra la ballerina Gail, donna di cui era perdutamente innamorato, una coppia divisa dall’esperienza carceraria. Ora l’uomo non cerca solo redenzione, espiazione e cambiamento, può azzardare un’altra richiesta alla vita: “vivere l’ultimo sogno“. La somma di settantacinquemila dollari è ciò che serve per concretizzarlo, il frutto dei proventi del nightEl Paraiso“, nome evidentemente programmatico e rivelatorio.

La dicitura che appare ad inizio film è eloquente: “Escape to Paradise“, assaggiare uno spicchio di puro paradiso in compagnia della donna amata, dopo il sangue, la violenza e la miseria dell’inferno vissuto. Fuggire in Paradiso, il cammino, la via di Carlo Brigante (Carlito’s way) ha nel mirino la meta più irragiungibile, un luogo la cui esistenza stessa, non è cosa appurata.

L’orgoglio ed il desiderio di sognare, devono necessariamente rimarcare l’ultima espressione di uno dei gangster più romantici ed amati del cinema. Questa è la strada di Carlito.

Carlito's way

Il vecchio gangster non può assaporare la tranquillità e la gioia del paradiso, tutto si è frenato ad un utopico miraggio. Prima di prendere quell’ agognato e ambito treno per Miami, primo passaggio per il viaggio ‘verso il paradiso‘, Carlito dopo aver seminato i mafiosi siciliani, viene fatto fuori da Benny Blanco, gangster pazzoide e megalomane della nuova leva che ha avuto una soffiata dal ‘presunto’ amico di Carlito, Pachanga.

Il cammino di redenzione intrapreso resta sospeso, fermo a metà strada. Ora non resta che la speranza per “un nuovo e migliore Carlito“, la speranza che moglie e figlio vivano lontani e sereni, per sempre. Un epilogo amaro e commovente. L’illusione e la speranza si incontrano nell’ultimo sguardo perso, orgoglioso e sognante di Carlito, la visione sognante dell’amata donna che balla felice nel tramonto di un lido lontano. L’utopia muta in un’amara e dolce visione.

Carlito's way

Il paradiso per un criminale così non può esistere, ma forse per quel “nuovo e migliore Carlito”, c’è ancora una speranza…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...

Ungaretti e la Guerra | Poetico Cinematografico

Breve nota al lettore o alla lettrice: le sezioni in evidenza che seguono sono tratte da L’Allegria, da Il Sentimento del Tempo e da Il...

Aaron Sorkin e il biopic – Il mito nella cultura americana

Il biopic è un genere azzardato da affrontare. Si rischia di rimanere intrappolati in una bolla agiografica, oppure di cadere in una demonizzazione di...