Home I nuovi arrivati Hostiles - La drammatica necessità della violenza

Hostiles – La drammatica necessità della violenza

“L’anima americana è essenzialmente isolata, stoica e assassina. Non si è ancora mai disciolta”.

Dopo questa citazione di D.B Lawrence, il film si apre con una scena di estrema violenza. Siamo nel New Mexico del 1892. Una donna, Rosaline, viene attaccata nella sua casa da una tribù di indiani che uccidono il marito e le figlie, ma lei sopravvive. Nella scena successiva, vediamo il protagonista, il capitano dell’Unione Joe Blocker, catturare e torturare una famiglia di indiani.

Proprio quest’uomo viene incaricato dal presidente degli Stati Uniti in persona di scortare il capo indiano Falco Giallo, malato terminale, nella sua terra natia. Peccato che i due siano acerrimi nemici. Spietati macellai e crudeli assassini, si sono combattuti per anni, decimando l’uno i compagni dell’altro. Inizialmente, riluttante, Joe esegue gli ordini. Sul cammino, Joe incontra Rosaline, che decide di unirsi al drappello.Hostiles

Il tema centrale è chiaramente la violenza, ma Hostiles non vuole essere una critica alla violenza, bensì un’affermazione di essa. Il messaggio che cerca di trasmetterci è la necessità della violenza e dell’ostilità nella natura umana. Tutti i personaggi infatti sono tenuti in vita da un odio lacerante verso il diverso e da una necessità impellente di uccidere altri esseri umani. Perciò proprio nel Far West del 1892 dove la legge dell’homo homini lupus è l’unica legge, la violenza regna sovrana e non può non mancare. Gli indiani non sono più solo nemici come nei film di John Ford, ma sono anche componenti essenziali della natura stessa del Far West americano.

Però, quando si passa dall’anarchia del Far West alla democrazia degli Stati Uniti d’America, dove uccidere è un reato, tutti vanno in crisi. Nel momento in cui il clima di ostilità viene meno, viene meno anche quella possibilità di compiere il male che aveva tenuto in vita soldati e indiani. Perciò tutti sprofondano in una spirale di depressione e desiderano unicamente morire. Infatti fra terra spalata, preghiere e cadaveri, si respira un’aria di morte e ineluttabilità difficile da ignorare.Hostiles

La problematica del film non è certo nuova. È il dramma dei reduci che ci aveva descritto Francis Ford Coppola in Apocalypse Now o il conflitto infinito de I Duellanti di Ridley Scott. Hostiles quindi è sicuramente un Western atipico, che ricorda molto la malinconia dei film di Sam Peckinpah e la violenza dei libri di Cormach Maccarthy, piuttosto che il respiro epico del classico Western Hollywoodiano alla John Ford.

Dal punto di vista estetico, Hostiles è impeccabile. Lineare e canonico è il montaggio di Tom Cross, che crea un ritmo lento, quasi implosivo. Di ampio respiro la fotografia del giapponese Masanobu Takayanagi, che sa ben sfruttare la profondità di campo, offerta dal paesaggio statunitense, per trasmettere un senso di desolazione e pericolo incombente. Ansiogena infine la musica di Max Richter che accresce sempre di più la tensione del racconto.Hostiles

L’unico vero problema sta nella sceneggiatura, in particolare nella costruzione del protagonista. Sovraccaricato nella psicologia, risulta difficile da essere inquadrato come personaggio: inizialmente sembra odiare gli indiani responsabili della morte di un suo amico, poi sembra averli uccisi solo eseguendo degli ordini, infine confida al suo nemico di sempre di non poter fare a meno di lui per vivere. L’arco di trasformazione è essenziale in ogni storia, ma il cambiamento di mentalità di Joe è reso in maniera troppo netta: si passa da un odio viscerale a un affetto incondizionato per gli indiani, che risulta improbabile per il tempo e il luogo in cui è ambientata la vicenda. Viceversa il personaggio di Rosaline, proprio perché ben caratterizzato e sviluppato nel suo passato e nelle sue motivazioni, risulta estremamente credibile in ogni sua azione e sentimento.Hostiles

Dunque, per concludere, Hostiles è sicuramente un film ben girato, ma a causa dei suoi problemi di sceneggiatura, risulta difficile da apprezzare  fino in fondo. La recitazione e la regia, per quanto accurate possano essere, non riescono a sopperire a basilari problemi di scrittura che rendono l’opera essenzialmente incompleta e confusa nel suo insieme. Risulta molto difficile alla fine del film infatti togliersi di dosso la sensazione che manchi qualcosa nella resa finale del prodotto, viene meno nello spettatore un forte sentimento di empatia, proprio perché Hostiles nasce da quello che è un’ ottimo soggetto iniziale, ma che di fatto si sviluppa come una sceneggiatura incompleta.

 

Leggi anche: Il Petroliere- Anche l’oltreuomo può crollare

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Billy Butcher – Amore e Guerra

Billy Butcher, un nome e un destino: butcher, infatti, significa macellaio. Ed è così che si presenta il personaggio interpretato da Karl Urban in...

Perché Joel Miller? | The Last Of Us

Bill: «Ti racconto una storia. C'era una volta qualcuno a cui tenevo davvero, una persona... qualcuno di cui mi prendevo cura. Ma in questo...

Tenet – Nolan e Rancore nella Macchina del tempo

Nolan e Rancore. Il primo dietro una macchina da presa, il secondo dentro la macchina del tempo: entrambi riavvolgono la storia del mondo. Esattamente...

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...