Home Cinebattiamo Inside Man - Monologo immaginario di uno spettatore

Inside Man – Monologo immaginario di uno spettatore

Nero.

 

Ma cos’è? Diavolo non vedo niente, è tutto nero!

Aspetta, c’è un tizio che parla. Dice di chiamarsi Dalton Russell.

Chi?

Silenzio! Dalton ha detto di prestare attenzione a ciò che dice perché non lo ripeterà. Dice di aver risposto alla tua prima domanda.

Ma dove si trova?

Oh, ma allora t’è chiaro o no che devi fare silenzio? E’ in una cella di una prigione, ma vuole sottolineare che non è lì in attesa. Dice di aver risposto alla tua seconda domanda.

Ma cosa fa in cella?

Secondo te che fa?

Boh, avrà commesso un qualche reato. Ma non ha detto per che cosa è lì?

No. Dallo sguardo credo che devi farti i cazzi tuoi!

Ma allora che cazzo sta facendo ora?

Dalton sta progettando la rapina perfetta ad una banca. Tra qualche giorno vedrai. Dice di aver risposto alla tua terza domanda. Ah, aspetta! Dalton ha detto che ha risposto anche alla tua quarta domanda.

Quale?

Il Quando.

E ora? Cosa gli devo domandare?

Beh…rimane un’ultima domanda.

Cosa?

Il Perché.

Perché è un ladro forse?!?!

Bravo. Ha detto Dalton che stavolta hai risposto tu alla quinta domanda. E’ un ladro, ed oltre le ovvie motivazioni economiche, è quello che sa fare. Stavolta è Dalton a chiederti qualcosa.

Cosa?

Il Come.

E che ne so io?

Ha detto che adesso te lo svelerà.

 

Banca

Dalton

 

Ah ecco, finalmente l’agognata rapina in banca. Ma perché tutto questo? Perché subito dopo usciti di prigione?

Beh, se non lo sapessi, Dalton è un “Robin Hood” dei nostri giorni. “Rubare ai ricchi per dare ai poveri”, è questo il suo motto. In prigione arrivano i giornali eh! Anche lui è consapevole che viviamo la più grande crisi economica dopo la “Grande Depressione” del 29′. E anche Dalton è consapevole che tutto nasce lì, in America. Precisamente proprio qui, a New York. Magari intorno al Toro, a Wall Street. Amico, Gordon Gekko è passato, la Lehman Brothers ha chiuso. Cazzo ma li leggi i giornali? Il mondo va a rotoli, la gente non sa più se lo stipendio basterà a coprire le spese. Dalton cerca soltanto di… “ridistribuire un po’ il reddito”. Poi capirai il perché ora e perché la Manhattan Trust.

Perché?

Ho detto dopo testa di cazzo!

Ok ok, calmo, scusa. Chi sono questi due neri?

I detective Keith Frazier e Bill Mitchell.

Bravi?

Beh, nì. Frazier ha le sue “gatte da pelare”. E’ sotto inchiesta per colpa di uno spacciatore. Dice che forse Frazier ha preso 140.000 dollari sottobanco. Pensa che il caso non sarebbe stato nemmeno il suo se il negoziatore, Grossman, non fosse in ferie. Attento però! Frazier sa il fatto suo, non è uno stupido. Mitchell è il suo compagno di squadra. Ma è Frazier a comandare.

Famiglia? Moglie? Figli?

Si, è stato sposato, ma non è andata bene. Ora sta con una collega, una gran gnocca! Non ha figli, teme che lo stipendio non basti. Che ti devo dire, di questi tempi non ha tutti i torti.

Ma Dalton? Non avevi detto che era il “Robin Hood” dei giorni nostri? Da quando in qua Robin Hood pesta un ostaggio per aver mentito?

Qualche volta non basta solo “la carota”, è necessario anche “il bastone”. Vedi, il bambino ha potuto tenere la sua PsP.

Perché fa spogliare gli ostaggi? E perché poi è vestito come un diavolo di imbianchino?

Capirai, capirai. Dai tempo al tempo. Non vedi che adesso gli ostaggi e i rapinatori sono vestiti uguali?!?!

Ah scusa. Ma chi era quel signore anziano che veniva avvisato della rapina? Il proprietario della Manhattan Trust?

Sì, esatto. Arthur Case. Una vecchia volpe. Quel bastardo scoprirai che ha fatto.

Chi è questa tizia?

Mrs. White. Un avvocato, uno dei migliori di New York. Pare che traffichi con tutti i personaggi più loschi della “Grande Mela”. E’ molto influente, non sottovalutarla. Le sue amicizie in certi ambienti pesano. E sì, pesano e come.

Inside Man

Frazier mi sembra davvero in gamba, non ha voluto fare la prima mossa con Dalton. Gioca di rimessa.

Te l’ho detto, non è uno stupido. Certo, sarà una lunga partita a scacchi.

Questi che interroga chi sono?

Sono gli ostaggi. Stai vedendo il prima e il dopo. Ti manca l’ora.

La polizia non le manda a dire “eh” con gli ostaggi.

Si, lo sai come sono i poliziotti in America. Sono duri, specie nei confronti di chi sembra qualcosa che non è.

Che vuoi dire?

Hai visto Vikam, il secondo ostaggio rilasciato? Solo perché aveva una valigetta in mano ed era di origini arabe, per loro era un terrorista. Gli ostaggi della banca sono quasi tutti neri, che pensi che sia casuale? I più deboli sono sempre impotenti nei confronti del loro destino. Bello, è New York! Questa città è così maledettamente cinica che non se ne frega un cazzo di discriminare qualcuno in più o qualcuno in meno.

La White che voleva dire a Frazier in macchina?

Semplice, è la “catena alimentare”. Il più forte mangia il più debole. Il più grande mangia il più piccolo. I banchieri “mangiano” i politici, i politici i poliziotti, i poliziotti i criminali, i criminali i cittadini, i bianchi i neri, gli ispanici, gli arabi. Cazzo! Non siamo tutti uguali. Certo, il talento “spariglia le carte in tavola”. Guarda Dalton.

Ed ora in banca? Ma è Case l’americano di cui parla Dalton?

Esatto. Case è un bastardo arricchitosi con l’Olocausto. Ecco perché la Manhattan Trust. Lì dentro una cassetta di una sicurezza contiene documenti che provano quanto affermato. Se solo venissero “a galla”, Case sarebbe finito.

Ha ragione Dalton, “i soldi non danno la felicità”. Cazzo ma ha fatto fuori un ostaggio!

Pare così…intanto Frazier è fuori. Ha vinto, perdendo. E’ questa la merda che tutti i giorni la gente deve ingoiare. Dobbiamo sempre scendere a compromessi. E perché? Perché siamo gli ultimi della classe. Attento, colpo di scena.

Stanno uscendo tutti, ostaggi e rapinatori. Così non capiranno mai chi sono “i buoni e i cattivi”.

Perché tu tutti i giorni lo capisci chi sono “i buoni e i cattivi”? E’ questo il bello.

Hai ragione. Dalton alla fine non aveva ucciso nessuno. Addirittura le armi erano finte. Lo ha fatto esclusivamente per i diamanti. Quei diamanti insanguinati di Case.

Hai visto, gli stereotipi rimangono stereotipi. “Il rispetto è la moneta più importante”. La rispettabilità la compri, il rispetto lo conquisti. Guarda Case e Dalton.

L’apparenza inganna, la realtà è diversa.

 

Inside Man

 Post Scriptum: ora credo che Frazier abbia i soldi per l’anello di fidanzamento. Magari non solo per quello…

Leggi anche: La 25 Ora – L’emarginazione di chi non ha scelta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

The Prestige e la Meraviglia Aristotelica

The Prestige e la Meraviglia Aristotelica Come ha fatto l'uomo a divenire quello che è attualmente? Cosa lo ha spinto a un percorso continuo di...

Jack Torrance – Luccicanza o Follia?

Jack Torrance è uno dei grandi villain del grande schermo, anche se la parola "cattivo" per un personaggio del genere suona davvero banale e...

Tre colori: Film blu – La libertà è un naufragio?

Può una creazione ribellarsi al suo creatore? È possibile che essa, nel corso del suo accadere, sovverta a tal punto i propri fini da...

Malèna, cammina, lei, nella Bellezza

«Cammina, lei, nella bellezza, come la notte a latitudini serene e sotto cieli trapuntati a stelle; e tutto il meglio di splendore e buio s’accorda nel suo aspetto...