n

Home Cinebattiamo 10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

n

Il +1 Ad Honorem si divide in 5 momenti cinematografici imprescindibili:

1) Carlito’s Way –  Il Romanticismo

Tutto ciò che si può dire di questo assoluto culmine del cinema, dalla rarità poetica inestimabile, è che null’altro fu se non il testamento romantico di un uomo che ci ha provato a salvare il suo mondo, ed infine, pensandoci, non è detto che non ce l’abbia fatta.

  Carlito’s Way – La redenzione di un gangster

2) Apocalypse Now – L’Orrore

Il disvelarsi della menzogna umana, la perversa fascinazione per l’unica verità, eternamente distruttiva, anche al culmine della sua consapevolezza. Vi abbiamo dedicato un articolo intero, solo per provare a sussurrarvi cosa l’Orrore sia: Apocalypse Now – Che cos’è l’Orrore

3) Blade Runner – L’Essenza

 

L’essenza della vita, al di fuori dalla vita umana, al di sopra della coscienza dell’uomo, o meglio di quella di cui ha controllo. Il cinema, nella sua possibilità di esagerare il possibile, può accedere a ciò che potenzialmente possibile è, ma impossibile viverne le onde. Lacrime della pioggia.

Leggi anche: Blade Runner – L’essenza della vita

10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

4) Il Grande Dittatore – La Speranza

Ascoltare, sempre di più in questo mondo si è dimenticato il peso delle parole, quanto queste possano essere intrise di emozione, di umanità e di speranza, e quanto queste possano anche distruggere tutto.

5) American Beauty – La Bellezza

LEGGI ANCHE: American Beauty – Sul Significato Esistenziale della Bellezza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Noir Assurdo – The Big Sleep, The Big Lebowski e Inherent vice

Il genere noir ci ha abituati nel corso dei decenni ad assistere a storie sempre più vicine all’esperienza della modernità. Fin dai suoi albori,...

Hannah Arendt – Le origini del totalitarismo narrativo

La filosofa Hannah Arendt, dopo «due guerre mondiali in una generazione, separate da un’ininterrotta catena di guerre locali e rivoluzione», nel 1951 pubblica Le...

Il finale di Seven – Il mondo (non) è un bel posto

Nella stragrande maggioranza dei thriller polizieschi, l'epilogo prevede il ripristino dell'ordine. Non importa con quanta corruzione, violenza e cattiveria umana gli eroi si siano...

BLUE – Il testamento blu di Derek Jarman

«Blu è l'invisibile che diventa visibile». (Yves Klein) Blu è un fotogramma. Il rumore delle onde. Musica che accarezza, che rende la realtà  raccontata onirica, quando...