n

Home Cinebattiamo 10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

n

10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

2. Manhattan – Cose per cui vale la pena vivere (di Tommaso Paris)

Ecco, bella domanda. Woody Allen ha provato a risolvere tale insolubile enigma durante tutta la sua lunga vita, durante tutta la sua vasta cinematografia. Tutt’ora non ha trovato una risposta, e mai la troverà. Ma come esso stesso ci dirà, il compito dell’artista non è soccombere alla disperazione, ma cercare una cura alla futilità dell’esistenza.

Ecco che quindi è necessario trovare qualcosa per cui vale la pena vivere. Il nostro Woody manifesta la sua ricerca nel poetico Manhattan, un film che si erge come un’autentica dichiarazione d’amore per New York, sempre generatrice di bellezze e suggestioni perpetue, per la letteratura, per il cinema, per l’arte, ma soprattutto per l’Amore e la vita con tutte le sue sfaccettature ed assurdità.

In questo indimenticabile monologo Woody Allen ci mostra ciò che per lui significa vivere, si passa da Groucho Marx a Frank Sinatra, dalla pittura di Cézanne a Marlon Brando, dal L’educazione sentimentale di Flaubert al cinema svedese.

Per arrivare poi a ciò che vi è di più autentico ed essenziale, il viso di Tracy. Woody Allen ci mostra come alla fine tutto, ma veramente tutto, si chiude, come un ciclo esistenziale, da dove è iniziato. Dall’Amore.  Perché alla fine, come disse qualcuno, le emozioni sono tutto ciò che abbiamo. Manhattan si conclude con un autentico manifesto d’Amore alla vita, esistenzialmente parlando, e a tutto ciò che ne comporta.

Mi sembra più che doveroso, adesso, aggiungere alla lista alleniana quest’indimenticabile opera. Manhattan è decisamente qualcosa per cui vale la pena vivere.

LEGGI ANCHE: Per cosa vale la pena vivere? La parola a Woody Allen

 

10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Noir Assurdo – The Big Sleep, The Big Lebowski e Inherent vice

Il genere noir ci ha abituati nel corso dei decenni ad assistere a storie sempre più vicine all’esperienza della modernità. Fin dai suoi albori,...

Hannah Arendt – Le origini del totalitarismo narrativo

La filosofa Hannah Arendt, dopo «due guerre mondiali in una generazione, separate da un’ininterrotta catena di guerre locali e rivoluzione», nel 1951 pubblica Le...

Il finale di Seven – Il mondo (non) è un bel posto

Nella stragrande maggioranza dei thriller polizieschi, l'epilogo prevede il ripristino dell'ordine. Non importa con quanta corruzione, violenza e cattiveria umana gli eroi si siano...

BLUE – Il testamento blu di Derek Jarman

«Blu è l'invisibile che diventa visibile». (Yves Klein) Blu è un fotogramma. Il rumore delle onde. Musica che accarezza, che rende la realtà  raccontata onirica, quando...