n

Home Cinebattiamo 10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

n

10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

7. La 25 ora (di Francesco Gamberini)

Fuck you. Vaffanculo. Così recita un’innocua scritta sullo specchio di un bagno, ma è proprio questa scritta a scatenare tutta la rabbia di Mongomery Brogan. Da qui inizia un’ invettiva in stile dantesco contro l’intera città di New York e i suoi abitanti: un monologo a metà fra dialogo interiore e flusso di coscienza. Uno sfogo razzista in cui nessuno viene risparmiato: neri, ispanici, italiani, ebrei, gay, cinesi, tutti vengono criticati nei loro peggiori difetti. In modo chirurgico Monty nomina ogni singolo abitante della Grade Mela passando da etnia ad etnia, da strada in strada. Non c’è bontà nelle sue parole, niente politically correct. Solo una sfilza di luoghi comuni e stereotipi, solo una lunga serie di immagini che mostrano un’umanità degradata e senza alcuna speranza di redenzione. Lentamente poi il monologo diventa sempre più personale e colpisce anche amici e parenti. Nessuno si salva. Tutti diventano un bersaglio di odio. Tutti sono colpevoli. Anche New york stessa è colpevole. Ma colpevole di cosa…? Di continuare a vivere.La 25 Ora

Le sue parole sono cariche di disprezzo, ma c’è frustrazione nella sua voce e tanto dolore. Montgomery è un morto che cammina e il suo è un canto tragico. L’ultimo lamento di un condannato a morte, destinato a vivere il resto della sua vita in prigione. Il suo odio nasce unicamente dall’invidia verso chi ha ancora una possibilità: Infatti Monty sa che solo lui è colpevole e solo lui dovrà pagare per i suoi errori. Il monologo coglie alla perfezione il clima amareggiato, teso oltre ogni limite, della città dopo l’11 settembre, quando la paura e la disperazione erano diventate insostenibili. Recitato energicamente da un  Edward Norton in splendida forma, il monologo de “La 25a Ora” di Spike Lee, sia per scrittura che per realizzazione, è un gioiello della storia del cinema.

Leggi anche: la 25 Ora- L’emarginazione di chi non ha scelta

 

10 (+1) tra i Migliori Monologhi del Cinema

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Noir Assurdo – The Big Sleep, The Big Lebowski e Inherent vice

Il genere noir ci ha abituati nel corso dei decenni ad assistere a storie sempre più vicine all’esperienza della modernità. Fin dai suoi albori,...

Hannah Arendt – Le origini del totalitarismo narrativo

La filosofa Hannah Arendt, dopo «due guerre mondiali in una generazione, separate da un’ininterrotta catena di guerre locali e rivoluzione», nel 1951 pubblica Le...

Il finale di Seven – Il mondo (non) è un bel posto

Nella stragrande maggioranza dei thriller polizieschi, l'epilogo prevede il ripristino dell'ordine. Non importa con quanta corruzione, violenza e cattiveria umana gli eroi si siano...

BLUE – Il testamento blu di Derek Jarman

«Blu è l'invisibile che diventa visibile». (Yves Klein) Blu è un fotogramma. Il rumore delle onde. Musica che accarezza, che rende la realtà  raccontata onirica, quando...