Home Il Mondo tra Anime e Animazione Miyazaki e lo Studio Ghibli Si alza il vento- Il testamento di Hayao Myazaki

Si alza il vento- Il testamento di Hayao Myazaki

Si alza il vento, bisogna tentare di vivere

Si alza sempre il vento nei sogni di Jiro Hirokoshi e nei suoi sogni immagina sempre di volare, a bordo dei fantastici aerei del suo modello e mentore: Gianni Caproni. Jiro sogna il cielo, mentre la terra è devastata dalla guerra. Ma la sua passione per gli aerei è pura come il suo amore per Nahoko, la ragazza che ama. E mentre il mondo diventa sempre più caotico, Jiro si concentra sempre di più sul suo visionario progetto, trasformandosi da studente modello a ingegnere capo della Mitsubishi. Per questa società costruirà il suo progetto più ambizioso. Ma proprio quegli aerei che Jiro immaginava pieni di persone e di vita, diventeranno portatori di morte.

Nel 2013 Miyazaki decide di abbandonare la regia e annuncia il suo ritiro dal mondo del cinema. Si alza il vento è il suo film d’addio. Perciò, guardando il film non dobbiamo sorprenderci se non ci troviamo davanti al classico stile del regista. Certo il suo tocco è indistinguibile, ma quello che ci troviamo davanti è un Myazaki molto più adulto, maturo e consapevole della sua arte. Una fiaba o un film d’animazione per ragazzi non sarebbero mai stati sufficienti per sintetizzare l’intero lavoro di una vita. Sicuramente il regista giapponese riesce ad estasiare: i suoi film di sono quelli che meglio hanno saputo cogliere e trasmettere il senso della meraviglia. Guardando ogni inquadratura infatti si rimane estasiati e increduli di poter godere con gli occhi una simile esplosione dell’immaginazione umana. Tuttavia qui la meraviglia diventa psicologica, quasi simbolica con una velata malinconia di fondo che fa riflettere lo spettatore.Si alza il vento

Perciò la pellicola si ispira al cinema americano. Il film è un biopic, drammatico e sentimentale, che mostra la crescita di un individuo dai primi passi all’età adulta fino al naturale compimento del suo destino. Si alza il vento narra infatti la storia( romanzata ma non troppo edulcorata) di Jiro Hirokoshi vero progettista degli aerei Mitsubishi A5m, tristemente famosi per essere stati usati dai kamikaze durante la seconda guerra mondiale. Jiro è un uomo fuori dal tempo, impegnato unicamente nel suo progetto, per niente interessato alla guerra. Il suo unico obiettivo è esprimere la sua arte.

Fra progetti, riunioni e pranzi di lavoro però emerge anche la seconda linea narrativa: la storia d’amore con Nahoko. Il destino fa incontrare a Jiro una giovane pittrice, di cui subito si innamora. La storia tra i due è appassionante, ma tutt’altro che tranquilla: la ragazza infatti è malata di tubercolosi. Alla malattia sono dedicate sequenze  ispirate a La montagna incantata di Thomas Mann. Il film infatti è dotato della grazia e dell’incanto dei manga di Jiro Taniguchi e dei quadri impressionisti di Monet: l’animazione è volutamente imprecisa e comunica un maggiore senso di realismo. Per la scenografia invece il riferimento ai gendaijeki di Ozu è evidente: la ricostruzione storica del Giappone degli anni 30 non poteva non ispirarsi al grande regista giapponese. Infatti il realismo pieno di incanto e malinconia è un omaggio al suo cinema.Si alza il vento

Come sempre Miyazaki analizza il tema della guerra e della sua insensatezza nel mondo, ma qui in relazione a un’altro tema a lui caro: l’arte. Come può un aereo così perfetto seminare tanta morte? Come può un prodotto dell’ingegno umano essere il mezzo attraverso cui gli uomini si uccidono a vicenda? Il tema filosofico diventa quindi molto più complesso e la domanda che il film ci pone è: Quale è il vero valore dell’ingegno dell’uomo? Qual’è il destino dell’arte? Di certo Miyazaki si rispecchia in Jiro come non aveva mai fatto con nessun altro personaggio dei suoi film. Entrambi tabagisti, entrambi sognatori, entrambi liberi pensatori, ma non senza contraddizioni: pacifisti dichiarati e allo stesso tempo appassionati di aerei da guerra. Regista e personaggio vogliono esprimere al meglio il loro genio, ma vedono anche l’impossibilità di cambiare la natura umana.Si alza il vento

Per quanto possa elevarsi con l’ingegno, l’uomo sarà sempre spinto a uccidere l’altro uomo. Quindi, come Jiro guarda tristemente i suoi aerei che partono per la guerra, così Myazaki guarda con tristezza il suo ultimo film. Tuttavia proprio dal messaggio finale il film trae tutta la sua forza: bisogna tentare di vivere. Per quanto il dolore e la morte siano sempre presenti, non bisogna perdere la fiducia nella vita.Ciò che ci affida tra le mani Miyazaki è un messaggio di gratitudine verso la vita e verso il pianeta, un messaggio di pace, che invita sognare, nonostante le delusioni,  a vivere, nonostante tutto.

Leggi anche: Princess mononoke- Verso la genesi di una società ecologica

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

La vera storia di Oskar Schindler – Tra film, romanzo e vite salvate

Vi sono film, nella vita di ognuno di noi, che restano impressi nella memoria. Per sempre. Ma soprattutto vi sono pellicole di cui una...

5 (+1) film in Bianco e Nero nel 2000 da recuperare assolutamente

Chi ha detto che il bianco e nero coincida col "classico", se non addirittura spregevolmente col “vecchio”? La rinuncia al colore nel panorama cinematografico...

In Morte, Vita – Departures e il rituale della partenza

In Morte, vita. Potremmo dire che di questo si occupa il Nokanshi, in giapponese “colui che accompagna alla partenza”. Basterebbe questa parola per stigmatizzare il rapporto...

The Witcher e Rancore – Cos’è il Sangue di Drago?

Perdersi nel racconto di una storia, rincorrendo la propria immaginazione, rivela indirettamente l’efficacia delle capacità di chi quella storia la racconta. Esiste un accordo...