News

Walter White (forse) e Jesse Pinkman (sicuramente) stanno per tornare, questa volta al cinema

Sembra che dopo Better Call Saul stia per nascere un nuovo capitolo collegato all’universo multiforme di Breaking Bad (qui parliamo di BCS e di Saul Goodman) . Secondo Hollywood Reporter infatti Vince Gilligan starebbe lavorando su un film basato sulla serie cult. Il creatore di una delle produzioni che hanno fatto la storia del piccolo schermo sembra intenzionato a stupirci ancora una volta.

Ancora due ore di vita dopo Breaking Bad per Walter White?

A quanto pare, il lungometraggio avrà una durata di 2 ore. Come molti avevo sperato ed ipotizzato dopo l’annuncio di ieri mattina sullo sviluppo di un film su Breaking Bad, ora è finalmente stato rivelato che la pellicola sarà un sequel della serie tv e vedrà come protagonista Jesse Pinkman che sarà nuovamente interpretato da Aaron Paul. Non sappiamo se altri personaggi della serie compariranno nel film come già accaduto con la serie Better Call Saul.

Non ci sono notizie infatti in merito all’eventuale coinvolgimento di Bryan Cranston. Anche se l’attore che interpreta Walter White a confermato di essere a conoscenza del progetto ha dichiarato di non essere ancora stato chiamato per tornare a recitare nei panni del protagonista di Breaking Bad. La realtà dei fatti però è che tutti gli appassionati sognano il ritorno della coppia.

Le uniche certezze riguardano il “backstage” del progetto. Insieme a Gilligan lavoreranno alla storia anche i produttori esecutivi delle due serie Mark Johnson e Melissa Bernstein. Il Film Office del New Mexico intanto conferma che nella regione si svolgeranno a breve le riprese di un film dal titolo Greenbrier che, secondo gli addetti ai lavori, pare essere il titolo di lavorazione del progetto. Non sappiamo nemmeno se l’intenzione della produzione è quella di portare la storia al cinema oppure veicolarla attraverso piattaforme digitali quali Netflix o Amazon Prima Video. Come ci stupirà questa volta l’autore di Breaking Bad? Rivedremo i nostri eroi?

Non ci resta che attendere ulteriori sviluppi della vicenda. La speranza è che non si vada a rovinare un qualcosa di perfetto per solo scopo di lucro. La certezza invece sono le qualità dello stesso Gilligan e della produzione. Il sogno? Quella di sentire per l’ultima volta un grido, un frase che rompe il silenzio: “I am not in danger, Skyler. I am the danger“.

Se hai trovato questo articolo interessante leggi anche: L’ultima parola: La vera storia di Dalton Trumbo – Una parabola hollywoodiana di libertà e coraggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.