Home Settimane a Tema Ode alla Pixar WALL-E - Ritorniamo a casa

WALL-E – Ritorniamo a casa

La voce potente e malinconica di Peter Gabriel accompagna i titoli di coda del film. Noi siamo immobili, la nostra mente è ancora turbata dai mille impulsi che abbiamo ricevuto durante la visione, i nostri occhi improvvisamente si fanno vuoti e vitrei dopo aver nuotato in un oceano di bellezza.

Queste sono le prime sensazioni quando assistiamo alla fine di quest’opera meravigliosa; tutto ci saremmo aspettati, tranne un film di questa portata. Un film che diverte i più piccoli, che emoziona gli animi dei più sensibili, che conquista le menti più libere. Questo è WALL-E.

E’ un film anche doloroso, per certi aspetti; troviamo un’amarissima riflessione su di noi e sul nostro futuro, che, molto probabilmente, non sarà tanto roseo. Il capitalismo più sfrenato distrugge e corrompe la nostra sensibilità, ci abbindola con schermi giganteschi, ci viene propinato fin da piccoli, ci disabitua al contatto fisico.

Il robot addensa rifiuti WALL-E, seguendo la sua amata, riesce a lasciare il devastato pianeta Terra e raggiunge la Axiom, la nave spaziale da crociera su cui abbiamo trascorso 700 anni. Quel che vede qui è la stessa causa che ha distrutto il pianeta: noi umani. Superficiali, pigri, presuntuosi, viziati dalla nostra ingenuità. Questo è l’ultimo stadio dell’uomo che, negli albori della sua esistenza, inventò l’agricoltura; uno stadio in cui noi, grandi viaggiatori ed esploratori, non riusciamo neanche ad alzarci in piedi.

Eppure non tutto è perduto; abbiamo ancora un celato senso primordiale di appartenenza, una sorta di legame con le nostre origini, con la nostra madre terra. La sonda EVE, di cui WALL-E è innamorato, riporta dalla terra una piccola e fragile pianta, un nuovo accenno di vita dopo secoli di desertica nullità.

Il comandante della Axiom si appassiona a quello che, in fondo, è il suo passato, il passato di tutti noi; inizia a fare ricerche su ricerche, scoprendo che, forse, quel che ci siamo lasciati alle spalle meritava molto più della nostra vigliacca indifferenza. Non è lui il solo essere umano che subisce un cambiamento; John e Mary, due passeggeri della nave, “per colpa” della goffa ingenuità di WALL-E riescono a scoprire, probabilmente per la prima volta nella loro vita, la bellezza dei sensi; la vista per ciò che li circonda, il contatto fisico con il prossimo, una mano che si posa sull’altra, e, dunque, l’amore.

Il personaggio di WALL-E, nonostante sia composto solamente da circuiti, riesce a provare dei sentimenti in un modo molto più sincero degli umani; ed è proprio la sua purezza, quella caratteristica tipica dei reietti, che riesce, anche inconsapevolmente, a risvegliare le nostre coscienze.

Abbiamo però anche l’esatta antitesi di Wall-E, ovvero Auto, il timone della Axiom. Anche lui è un robot, e ed anche lui prova sentimenti umani, ma che sono diametralmente opposti a quelli di Wall-E: paura del cambiamento, una diabolica astuzia e l’orgoglio. Proprio l’orgoglio, e nella fattispecie l’orgoglio umano, è la stessa “malattia” di cui soffre HAL 9000 di 2001: Odissea nello spazio, che qui rivive proprio in Auto, sia a livello concettuale che fisico.

Per tanto, mentre gli umani hanno subito una “devoluzione” sia mentale che fisica, i robot si sono evoluti, assumendo le stesse nostre qualità e brutalità. E, a dimostrare questa tesi, è proprio il finale dove, senza addentrarci nello spoiler, capiamo che il sentimento puro va ben oltre una sequenza di circuiti e componenti sostituibili. E’ un disegno che spaventa parecchio, questo del film, un ritratto anche abbastanza inusuale nel cinema contemporaneo. Ed è questa spietata analisi che rende WALL-E uno dei più grandi capolavori della nostra epoca; un’opera che gioca magistralmente con le nostre emozioni, facendoci ridere, emozionare e riflettere.

Un film che, però, alla fine decide di dare una seconda chance all’essere umano; viene data una nuova occasione per ricominciare da capo, con la sincera speranza che questa volta vada un po’ meglio.

Leggi anche:  Ratatouille – Il Sapore Agrodolce della Malinconia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

5 (+1) film in Bianco e Nero nel 2000 da recuperare assolutamente

Chi ha detto che il bianco e nero coincida col "classico", se non addirittura spregevolmente col “vecchio”? La rinuncia al colore nel panorama cinematografico...

In Morte, Vita – Departures e il rituale della partenza

In Morte, vita. Potremmo dire che di questo si occupa il Nokanshi, in giapponese “colui che accompagna alla partenza”. Basterebbe questa parola per stigmatizzare il rapporto...

The Witcher e Rancore – Cos’è il Sangue di Drago?

Perdersi nel racconto di una storia, rincorrendo la propria immaginazione, rivela indirettamente l’efficacia delle capacità di chi quella storia la racconta. Esiste un accordo...

Lady Vendetta – L’incipit del film di Park Chan-wook

Lady Vendetta è il capitolo conclusivo della “trilogia della vendetta” del Maestro sudcoreano Park Chan-wook. La pellicola è stata presentata nel 2005 alla Mostra...