Home Sottosuolo Italiano Undead- L’horror italiano che non ha paura di osare.

Undead- L’horror italiano che non ha paura di osare.

“Legge No-Vax approvata in tutta Europa” 

“Legge No-Vax ora in tutto il mondo”

“Nuovo batterio causato dall’assenza di vaccini”

“Il nuovo batterio trasforma le persone in mostri. La fine è vicina!”

Così recitano i titoli dei giornali che compaiono all’inizio di Undead. Le urla, gli strepiti, il rumore. Poi, all’improvviso, il silenzio di un supermercato vuoto. In mezzo agli scaffali disordinati si sentono dei sospiri, dei bisbigli. Lentamente la telecamera ci fa conoscere i protagonisti della storia: una famiglia normale, come tante. Adam, il padre; Lilith, la madre e Judith, la loro bambina. I tre sono spaventati, soli e in preda al panico. Un’orda di Zombie riesce a far breccia nel supermercato. I tre vengono attaccati. Tutto sembra perduto, quando inaspettatamente si sente un colpo di pistola. Una guardia di sicurezza del supermercato, Isacc, apre il fuoco contro gli zombie, salvando la famiglia.

Dopo una breve anti climax, entra in scena un quinto personaggio. Entrato da una finestra sul retro, Robert, un biochimico, esorta tutti a spostarsi nella banca sull’altro lato della strada. I sopravvissuti escono subito fuori dal supermercato. Arrivati sul posto, riescono ad aprire la saracinesca che chiude l’entrata. Robert però nota un morso sulla spalla di Adam, sintomo del contagio. Dopo un momento di tensione, lascia la saracinesca ed entra per primo nell’edificio. Gli zombie si precipitano verso di loro. Isacc cerca di fermarli, ma non ha abbastanza colpi per ucciderli tutti. Così Adam, tra le urla e i pianti di moglie e figlia, viene spinto contro gli assalitori, mentre Robert e Isacc serrano la grata, abbandonandolo al suo destino di morte.

Undead

Fulminante, visionario, agghiacciante. Questo è solo l’inizio dell’episodio pilota di Undead, una nuova webserie, di cui presto tutti parleranno. La serie in questione, come si può capire, appartiene al genere horror post apocalittico, ma impreziosisce il tutto, usando l’elemento zombie nella migliore tradizione americana targata George A. Romero. Ad alcuni l’ennesima serie a tema Zombie potrebbe non piacere. Ancora? Non ne abbiamo avuto abbastanza degli Zombie? Siamo stufi dei vari Walking Dead, Wayward Pines e tutto il resto! Vero, ma se vi dicessi che Undead è una serie completamente Made in Italy?

Cosa!? Made in Italy!? Sì esatto, quello che avete appena letto è il plot di una serie online totalmente prodotta, girata e distribuita in Italia! Il progetto infatti è nato nel 2017 in ambito amatoriale, grazie a contributi e campagne crowdfounding, ma poi si è sviluppato sempre di più. Per la seconda stagione infatti è stata coinvolta la casa di produzione Netsity, fondata con l’unico obiettivo di finanziare le idee e i progetti di giovani registi indipendenti.

La serie infatti è stata concepita e realizzata da Giorgio Romano, regista milanese maestro del genere Horror. Romano era tristemente noto per il processo in cui fu accusato di maltrattamento di animali sul set de L’isola dei morti – terrore nel pacifico. Tuttavia dopo una breve parentesi teatrale, ha saputo dare una svolta alla sua carriera con la sua opera più matura: Undead. La regia infatti è molto curata:stile documentaristico, telecamera a mano, montaggio frenetico, musica ansiogena. La crudezza delle immagini è terrificante, ma si impone al pubblico, mostrando, senza alcun filtro, la vera natura dell’orrore. Romano dirige due incredibili attori emergenti: in primis Livia Trentini, già consacrata come la bambina di Undead, nei panni di Judith e poi il co-protagonista Tommaso Alliuti, nei panni di Robert, scoperto da Romano mentre lavorava come artigiano nella bottega del padre.

Qualcuno potrebbe obiettare che i nomi e i luoghi ricordano la cultura americana, ma questi riferimenti fungono solo da richiamo, da citazione colta per lanciare la serie su un mercato più internazionale. Del resto l’horror made in America ha fatto scuola, ma la sua eredità è universale.Undead

Ma qual è il messaggio che la serie vuole dare? Undead è una serie politica! Una serie che parla, discute e vive di politica. Il suo obiettivo infatti è lo stesso dei grandi film horror made in Usa degli anni 70’: denunciare la deriva della società e l’alienazione umana, attraverso l’iperbole fantascientifica.
In un mondo in cui la globalizzazione e il consumismo sono sempre più imperanti, chi sono i veri zombie? Undead vuole scioccare, scandalizzare, spaventare la società, proprio per permettere agli spettatori di riconoscersi in quei mostri che vedeva sullo schermo.

Perché, in fondo, quei mostri siamo noi! Gli zombi siamo noi. E noi abbiamo scelto di esserlo! Quell’epidemia che sconvolge il mondo di Undead, trasformando ogni essere umano in un non-morto, è la stessa epidemia che ha sconvolto il nostro mondo. La perdita dei nostri valori, la sterilità, il disagio ci travolgono ogni giorno, mentre dimentichiamo sempre di più la nostra vera essenza.

Per vedere gli episodi di questo capolavoro, vi lasciamo in streaming gli episodi su questo link

Leggi anche: Suspiria- Fuori dalla paura

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

A Ghost Story e gli Evanescence – My Immortal

Quando dall’esistenza viene sottratta la capacità di amare e quella di soffrire, non resta molto di noi, fantasmi del mondo. Spazio e tempo si...

Fire (Pozar)- Il suggestivo corto animato di David Lynch

L'11 maggio 2020 il regista David Lynch ha sorpreso i suoi fan aprendo un canale Youtube, il David Lynch Theater. In particolare, Lynch si...

First Reformed e California Dreamin’ – L’inverno della fede

«All the leaves are brown, and the sky is gray I've been for a walk on a winter's day». Così si apre California Dreamin', uno dei grandi pilastri del...

Il finale de Il Petroliere – I’m finished!

I'm finished! Hai finito, Daniel. Sei finito, Il Petroliere. Non ti stai rivolgendo solo al tuo maggiordomo, Daniel, tu stai parlando con te stesso e...