google-site-verification=Z-iiMQ70202XbeRqAJMdql9f6sCrAIa8gk6Gr_Nm7q4
Home Serie TV e Netflix Walter White - Fenomenologia del cambiamento

Walter White – Fenomenologia del cambiamento

Walter White, interpretato da Bryan Cranston nella famosissima serie tv “Breaking bad”, è uno dei personaggi più complessi e meglio caratterizzati della storia del piccolo schermo, un perfetto connubio fra un alto livello di espressività emotiva e un freddo e meticoloso calcolatore, è una personalità resiliente capace di assumere diverse forme e, talvolta, di trascenderle. Ma procediamo per gradi: Walt, brillante professore di chimica, si trova per una serie di concausali eventi ad insegnare nella scuola di Albuquerque. Vive con la moglie Skyler, incinta della loro secondogenita, e il figlio Walter Jr. “Flynn”, affetto da una paralisi cerebrale che  lo costringe a servirsi di stampelle per poter condurre le comuni attività motorie.

walter white

A fronte delle difficoltà economiche della famiglia, egli si trova costretto a svolgere un secondo lavoro come dipendente di un autolavaggio. A questo si aggiunge il profondo senso di insoddisfazione di Walt, che oltre a non veder sfruttate a pieno le sue potenzialità di chimico, deve sopportare gli scherni del suo titolare, dei suoi amici e familiari, i quali lo vedono come un uomo debole, remissivo e taciturno. Un uomo sofferente, ma che si sforza di non far pendere le sue disgrazie professionali sulle spalle degli altri, cercando di non far mai mancare nulla ai suoi cari.

Da Walter White ad Heisenberg

Vista la situazione, la vita di Walter è piatta, senza più nessuna pretesa o significativa aspirazione.  Fino a quando non gli viene diagnosticato un cancro terminale ai polmoni: è in questo spazio temporale della storia che scocca una scintilla nel protagonista, un vero e proprio detonatore, un botto all’improvviso. Come il tonfo di un orologio da parete che per anni è stato attaccato ad un chiodo, e che inspiegabilmente di colpo precipita nel vuoto infrangendosi sul pavimento, fermando le lancette ad un orario preciso.

E’ in quell’arco di tempo, in quel breve arco di tempo, che tutto cambia per il nostro personaggio.  Sapendo di avere un’aspettativa di vita molto ridotta, in seguito al casuale incontro con Jesse Pinkman, un suo ex studente diventato uno spacciatore di poco conto, Walter decide di cucinare i cristalli di metanfetamina sotto lo pseudonimo di Heisenberg per poter produrre ricchezza e garantire un futuro economico stabile alla propria famiglia.

 

Un uomo razionale, dallo spiccato moralismo scopre inevitabilmente per amore o per necessità una parte di sé fino ad ora sottoposta a censura onirica, che mai pensava di poter tirar fuori. Walt diventa la terra di mezzo della duplice natura umana: da un lato un uomo virtuoso, che ha fatto della buona condotta il suo codice identificativo, dall’altro uno spregiudicato criminale disposto a tutto pur di raggiungere il suo obiettivo, sgretolando definitivamente ogni possibilità di redenzione convenzionalmente accettata. La figura di Heisenberg rappresenta dunque il moderno Dottor Jekyll che, cosciente delle sue potenzialità, arriva a trasformare se stesso in un altro individuo di nome Hyde mediante l’uso delle proprie abilità scientifiche, con l’unico scopo di affermare la propria personalità e il proprio ingegno. Destino vuole però che in ambedue i casi  gli eventi e i programmi sfuggano di mano.

Dalla necessità economica all’ esigenza esistenziale

walter white

Il prodotto di Walter si rivela di qualità nettamente superiore rispetto alla concorrenza, con una purezza del 99,1%. Una metanfetamina perfetta, frutto della sua ben nota genialità. Notato il successo, la metamorfosi kafkiana di Walter può dichiararsi conclusa, ora la finalità non è solo quella di migliorare definitivamente la qualità della vita della propria famiglia, ma di marchiare il suo nome a fuoco nel perverso mondo della criminalità. Forte dei suoi risultati decide quindi di sfruttare le sue conoscenze scientifiche per prendere il controllo del mercato della droga.

All’apogeo del suo delirio di onnipotenza  si vede costretto a scalare le gerarchie criminali facendo piazza pulita dei suoi oppositori, che essi siano pericolosi trafficanti o miserabili approfittatori, senza tralasciare i vari sotterfugi architettati ad arte per evitare che Hank, suo cognato e agente della DEA, nel bel mezzo della sua creazione, possa  intralciare il suo percorso.

Un’impresa che ha poco di eroico, ma tanto di leggendario. Heisenberg incarna due realtà antitetiche: l’asfissiante arrivismo coltivato dal pressante desiderio di ribalta, condito da un marcato cinismo, ed un immancabile senso di protezione, amore e responsabilità nei confronti di chi ama, Jesse compreso.

Walt non è che la dimostrazione di come l’essere umano, da un punto di vista antropologico, possa essere paragonabile ad una sorta di “arancia meccanica”, una bomba ad orologeria composta da freni inibitori pronti a saltare in caso di un’imprevista detonazione.

“D’altronde, la chimica è questo: studio delle sostanze, studio dei cambiamenti. Gli elettroni cambiano i loro livelli di energia. Le molecole cambiano i loro legami. Gli elementi si combinano e cambiano in composti. E’ il riassunto microscopico dell’esistenza stessa. E’ la costante, è il ciclo: creazione e dissoluzione, poi di nuovo creazione poi ancora dissoluzione, è crescita poi decadimento, poi trasformazione! Ed è affascinante, davvero”.

Leggi anche: Walter White (forse) e Jesse Pinkman (sicuramente) stanno per tornare, questa volta al cinema

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Quentin Tarantino e i Meta-Personaggi

Tarantino e i meta-personaggi. “Se pensate di vedere doppio non regolate il vostro televisore perché, beh, in qualche modo è così!” (C’era una volta a… Hollywood) Il...

Joker danza sulle note di I started a joke dei Bee Gees

Ballare. Il tratto (o uno dei tratti) che rende il Joker di Phoenix unico è in quel momento: il momento in cui le spalle s'irrigidiscono,...

La società di Gotham non è quella reale

"Gotham ha fatto il suo tempo. Come Costantinopoli e Roma prima ancora, la città è diventata terreno fertile per sofferenze e ingiustizie. Impossibile salvarla,...

Arancia Meccanica – La Melodia dell’Ultraviolenza

Arancia Meccanica è una delle opere cinematografiche più intense e provocatorie del novecento, una pietra miliare per il cinema che mira a curare l'introspezione...