Home (Non) è un paese per Festival Venezia 76: The King - La responsabilità del potere

Venezia 76: The King – La responsabilità del potere

In Inghilterra, all’inizio del XV secolo, Enrico IV deve fronteggiare battaglie in Scozia e Galles ma, causa problemi di salute, deve affidare il potere al primogenito Hal, che prende il nome di Enrico V. Il nuovo re deve quindi confrontarsi con la possibilità di entrare in conflitto con la Francia.

Il regista David Michod e l’attore Joel Edgerton adattano parte della saga dell’ Enriade, a cavallo fra l’ Enrico IV e l’ Enrico V di William Shakespeare per un kolossal storico ambizioso, che mira contemporaneamente a intrattenere le masse con un’estetica spettacolare e a proporre una profonda riflessione sulla guerra e il potere, attraverso dei protagonisti tormentati e dalle innumerevoli sfaccettature.

A vestire il ruolo del protagonista è il sempre più lanciato Timothée Chalamet, un giovane uomo che si trova davanti la difficile missione di dover governare un regno e fronteggiare delle guerre. Il film porta su schermo la storia di un uomo che cerca di distaccarsi dal passato, dal sè stesso del passato, e imporre la propria identità e ideologia, confrontandosi allo stesso tempo con quella tradizionale. Da re, egli cerca di evitare la guerra, ma ciò non sarà possibile per molto tempo.

Venezia 76: Joker – L’Oscura Trasformazione

Michod dirige un film discreto, un lavoro decoroso, ottimo tecnicamente e che riesce ad intrattenere a sufficienza. Al netto di qualche problema di ritmo e di alcune lungaggini di troppo (specialmente nel finale), il film non annoia principalmente grazie alla regia di Michod che, con bellissime carrellate e panoramiche lente combinate con un buon uso di primi piani e campi lungi, riesce a dare una giusta dose di eleganza e compostezza al film.

Edgerton (interprete di Falstaff, oltre che sceneggiatore) e Michod riscrivono Shakespeare con discreta inventiva anche se l’opera manca di una totale coesione: il protagonista è ben interpretato e delineato, mentre i comprimari appaiono spesso buttati nella mischia a caso e non caratterizzati a dovere, come il Delfino di Francia di Robert Pattinson.

Il regista australiano gestisce molto bene il montaggio, e la fotografia è ottima e descrive molto bene l’ambientazione. Si nota un’accuratezza anche a livello di scenografie e costumi, mentre a livello di sceneggiatura abbiamo inesattezze e superficialità che stonano con il lavoro meticoloso svolto a livello tecnico. Non tutte le potenzialità sono infatti rispettate: tematiche profonde e importanti non sono prese in considerazione, e dei conflitti psicologici tra i personaggi vengono appena accennati.

The King risulta quindi un prodotto piacevole e godibile, un intrattenimento realizzato con mestiere e capacità tecniche. Si trova sopra la media di molti kolossal prodotti oggi giorno, ma con della accortezze e delle finezze in più sarebbe stato ancora migliore.

Leggi anche: Venezia 76: The Laundromat – Il marcio del potere e della corruzione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...

Ungaretti e la Guerra | Poetico Cinematografico

Breve nota al lettore o alla lettrice: le sezioni in evidenza che seguono sono tratte da L’Allegria, da Il Sentimento del Tempo e da Il...

Aaron Sorkin e il biopic – Il mito nella cultura americana

Il biopic è un genere azzardato da affrontare. Si rischia di rimanere intrappolati in una bolla agiografica, oppure di cadere in una demonizzazione di...