Home News e Animali Notturni Matthias e Maxime di Xavier Dolan - è arrivato il trailer ufficiale

Matthias e Maxime di Xavier Dolan – è arrivato il trailer ufficiale

Xavier Dolan è tornato, stavolta sul serio.
Perché per quanto l’esperimento La mia vita con J. F. Donovan possa aver sorpreso, nel bene e nel male, si coglie la differenza tra l’ardore, la voglia di girare un film prettamente hollywoodiano e l’ispirazione che può dare il tornare, dopo più di tre anni, a girare un film in casa propria. Si coglie, già dal primissimo trailer.

La scintilla, la causa che sarà scatenante ci è subito rivelata: due amici, Matthias e Maxime, dovranno darsi un bacio nella scena di un cortometraggio. Di lì in poi, l’intero minuto e mezzo restante ci restituisce tutto ciò che non vedevamo dai tempi di E’ solo la fine del mondo: le atmosfere rarefatte, gli sguardi che penetrano tra futili discorsi, le catarsi e le implosioni culmini di quella poetica del non detto che Dolan ci ha insegnato ad amare.

Dolan

Torna il volto del regista stesso, che interpreterà Maxime, forse il più fragile dei due, il più vulnerabile, e torna anche colei che ha accompagnato il giovane talento fin dai primi anni della sua sorprendente carriera: Anne Dorval (presente in 4 dei suoi primi 5 film). A interpretare Matthias, invece, sarà la figura inedita di Gabriel D’Almeida Freitas, all’apparenza l’opposto dell’amico: forte, sicuro e carismatico.

Non è più il ventenne prodigio de Gli amori immaginari, né il venticinquenne dall’energia travolgente di Mommy: è un regista maturo, più cosciente, che a trent’anni torna dove tutto ebbe origine per raccontarsi nuovamente. Stavolta col suo volto in primo piano, elemento che negli ultimi anni cominciava a farci sentire la sua mancanza.
In fondo, la sua intera carriera non è che un perpetuo e ininterrotto raccontarsi: da Francis a Louis, da Hubert a Laurence. Con ancora la forza travolgente di una giovinezza che non sembra aver intenzione di tramontare.

Dopotutto, un enfant prodige non può invecchiare.

https://youtu.be/1S4iMqqh6cc

Leggi anche: E’ solo la fine del mondo – Il dramma sta nell’assenza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Noir Assurdo – The Big Sleep, The Big Lebowski e Inherent vice

Il genere noir ci ha abituati nel corso dei decenni ad assistere a storie sempre più vicine all’esperienza della modernità. Fin dai suoi albori,...

Hannah Arendt – Le origini del totalitarismo narrativo

La filosofa Hannah Arendt, dopo «due guerre mondiali in una generazione, separate da un’ininterrotta catena di guerre locali e rivoluzione», nel 1951 pubblica Le...

Il finale di Seven – Il mondo (non) è un bel posto

Nella stragrande maggioranza dei thriller polizieschi, l'epilogo prevede il ripristino dell'ordine. Non importa con quanta corruzione, violenza e cattiveria umana gli eroi si siano...

BLUE – Il testamento blu di Derek Jarman

«Blu è l'invisibile che diventa visibile». (Yves Klein) Blu è un fotogramma. Il rumore delle onde. Musica che accarezza, che rende la realtà  raccontata onirica, quando...