Home (Non) è un paese per Festival Visioni Fantastiche- il programma del nuovo Festival ravennate

Visioni Fantastiche- il programma del nuovo Festival ravennate

Alla conferenza stampa del 5 Ottobre, La Settima Arte è anche venuta a conoscenza del programma di un nuovo e affascinante Festival, anch’esso ideato da Start Cinema: Visioni Fantastiche. Realizzato nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MIUR e MIBAC, Visioni Fantastiche è un festival incentrato sulla valorizzazione del cinema fantastico.

L’evento, che si terrà tra il 21 e il 19 Ottobre 2019, è rivolto ad un pubblico giovane. Per quale motivo? Qual è il suo scopo?

Ce lo dice chiaramente Agostina Melucci, Dirigente dell’Ufficio X- Ambito Territoriale di Ravenna:

E’ importante che le nuove generazioni conoscano bene il linguaggio cinematografico, perché esso possiede un grande valore formativo e culturale. Oggigiorno, si è persa molto l’abitudine di andare al cinema. Invece, il fascino della sala cinematografica va coltivato: momenti non solo di svago, ma anche di educazione alla bellezza e al pensiero critico. Assistere a buone narrazioni stimola sia la sfera intellettiva sia la sfera emotiva, elementi che non possono essere tra loro separati“.

Veniamo dunque al ricco programma che offre Visioni Fantastiche.

Elemento cardine sarà il Concorso Internazionale di corti e lungometraggi, che vedrà una partecipazione attiva degli studenti coinvolti. Adottando difatti il modello del Giffoni Film Festival, i ragazzi non solo assisteranno alle proiezioni, ma svolgeranno il ruolo di veri e propri giurati (denominati appunto Visionari), divisi in cinque sezioni in base alla fascia di età:

  • Visionari 6+ : vede una selezione di film soprattutto animati, in cui la componente fantastica è rappresentata in modo leggero e divertente;

  • Visionari 9+ : comprende un approccio più profondo e consapevole al genere fantastico;

  • Visionari 12+ : invita i ragazzi ad una riflessione più intima e personale;

  • Visionari 16+ : vede un incontro tra racconto fantastico e realistico;

  • Visionari 18+ :  propone temi più complessi e maturi.

Elemento in comune è dunque il genere fantastico, rappresentato e analizzato in tutte le sue sfumature.

                                                                        ( “Captain Morten and the Spider Queen” )

Poi, ci sono i dieci Laboratori, rivolti a tutti gli studenti e incentrati su un apprendimento pratico e tecnico del cinema. Questa sezione, che prevede un massimo di 30 studenti per laboratorio, ha avuto subito un ottimo riscontro: le iscrizioni si sono infatti chiuse in breve tempo.

Ancora, interessantissime le Master Class: interventi frontali, gratuiti e accessibili a tutti, tenuti da esperti del settore su temi cinematografici e televisivi differenti. Ad esempio, “Cinema e Filosofia: l’amicizia alle soglie del tempo“, tenuta dalle docenti Emanuela Serri e Rossella Giovannini; oppure “Cattivi seriali“, tenuta dal professor Alessandro Iannucci e dallo scrittore Andrea Bernadelli.

Per stimolare la creatività dei partecipanti, prevista anche la sezione Spazi Interattivi, laboratori aperti a tutti e divisi in due categorie: “La Stanza dei Lego”, in cui i partecipanti realizzeranno scene di film utilizzando LEGO e “Realtà Virtuale”, un’esperienza di virtual reality con l’utilizzo di visori VR.

Da non perdere la sezione Special Selection: una selezione dei migliori cortometraggi provenienti dal storico festival tedesco Kurzfilmtage di Oberhausen. In particolare, si assisterà alla visione dei suggestivi cortometraggi di Vera Neubauer.

A scandire le serate del festival, ci sarà invece Anteprime Fantastiche: la proiezione gratuita di cinque film inediti, provenienti da tutto il mondo e dalle tematiche in perfetta linea con la filosofia del Festival.

Come al Ravenna Nightmare Film Fest, anche a Visioni Fantastiche sta molto a cuore la valorizzazione del proprio territorio. In collaborazione con l’Emilia Romagna Film Commision, si terrà la sezione ShowCase Emilia-Romagna, con la proiezione di quattro tra i migliori cortometraggi realizzati in regione.

Per quanto riguarda invece il ramo ospitalità, venerdì 25 ottobre alle ore 18.00, si terrà l’incontro con la conduttrice televisiva Marta Perego, autrice del libro Le Grandi Donne del Cinema, in collaborazione con ScrittuRa Festival.

Ciliegina sulla torta, la sezione Omaggio ai Maestri, che quest’anno sarà dedicata nientemeno che ad Hayao Miyazaki, il più importante regista di animazione degli ultimi anni. Oltre al documentario Never Ending man- Hayao Miyazaki, saranno presentate due tra le sue migliori opere: Il mio vicino Totoro e Ponyo sulla scogliera.

Un programma corposo e accattivante, che non vediamo l’ora di scoprire. Visioni Fantastiche rappresenta una vera e propria novità per il territorio ravennate, ma non solo: si tratta dell’unico evento cinematografico in regione a prevedere un così diretto contatto con gli studenti. Un Festival che si propone di comunicare ai giovani la grande forza intellettiva ed emotiva del Cinema, attraverso sezioni stimolanti ed imperdibili.

Leggi anche: Nuovi Luoghi: Visioni Fantastiche e dove trovarle

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

La vera storia di Oskar Schindler – Tra film, romanzo e vite salvate

Vi sono film, nella vita di ognuno di noi, che restano impressi nella memoria. Per sempre. Ma soprattutto vi sono pellicole di cui una...

5 (+1) film in Bianco e Nero nel 2000 da recuperare assolutamente

Chi ha detto che il bianco e nero coincida col "classico", se non addirittura spregevolmente col “vecchio”? La rinuncia al colore nel panorama cinematografico...

In Morte, Vita – Departures e il rituale della partenza

In Morte, vita. Potremmo dire che di questo si occupa il Nokanshi, in giapponese “colui che accompagna alla partenza”. Basterebbe questa parola per stigmatizzare il rapporto...

The Witcher e Rancore – Cos’è il Sangue di Drago?

Perdersi nel racconto di una storia, rincorrendo la propria immaginazione, rivela indirettamente l’efficacia delle capacità di chi quella storia la racconta. Esiste un accordo...