Home (Non) è un paese per Festival Raccontando la Mostra del Cinema di Venezia

Raccontando la Mostra del Cinema di Venezia

Emozione. Emozione è la prima parola che viene in mente quando si ripensa alla propria esperienza alla Mostra del Cinema di Venezia.

E’ molto bello pensare come uno dei tre più grandi e importanti festival cinematografici al mondo (gli altri Cannes e Berlino) è proprio nella nostra Italia. Italia che, appunto insieme a Francia e Germania, ha avuto un ruolo centrale per la Storia del Cinema, sia per quanto riguarda l’aspetto produttivo che quello artistico e più strettamente cinematografico.

La Mostra del Cinema di Venezia è il festival cinematografico più antico: il primo risale infatti al 1932, e nel 2019 è arrivato alla 76esima edizione. E il giorno 27 agosto, un caldissimo martedì pomeriggio, verso le 16, arrivare per la prima volta nella zona del Festival è stata un’enorme e indescrivibile emozione.

Raccontando la Mostra del Cinema di Venezia

Ritrovarsi faccia a faccia con il Palazzo del Cinema e la sua imponenza, le sue scritte gigantesche e il celebre tappeto rosso riempie gli occhi e il cuore. Essere in quel luogo che tutti ammiriamo e vediamo in televisione e nelle foto delle star su Instagram non sembra vero al primo impatto, è incredibile.

E si va al piano terra del Palazzo del Casinò a ritirare l’accredito e la borsa con il programma contenente indicazioni di luogo, ora, categoria su ogni film di ogni sezione e ogni evento che avrà luogo in quei meravigliosi e ricchissimi 11 giorni. E poi si vola al terzo piano per chiedere informazioni all’ufficio stampa e approfittare per vedere la sala stampa dove si andranno a scrivere le recensioni dei film del Festival.

Venezia 76: Ema – Danzare mentre il mondo va in fiamme

La zona della Mostra comprende tutto, qualsiasi cosa serva: più di un bar per colazioni, pranzi veloci e spritz vari, ristorante, shop, giardino con wifi, bancomat, gelateria, infopoint, deposito bagagli, diversi sale per riunioni e incontri e altre per scrivere, terrazza vista mare. L’aria che si respira non è di tutti giorni, anzi, unica.

La vita alla Mostra del Cinema di Venezia non si ferma mai, ma ti travolge ininterrottamente. Un  Festival fatto di Cinema e di persone. E’ meraviglioso condividere la propria passione con altre persone viverla al 100% in quei 11 giorni.

Raccontando la Mostra del Cinema di Venezia.

La Mostra del Cinema di Venezia offre una gran varietà di scelte  e proposte, dai film più attesi del Concorso principale, alla sezione Orizzonti che si occupa dei film più curiosi, alla Settimana Internazionale della Critica fino alle Giornate degli autori, occupata da registi nuovi che hanno qualcosa di interessante da dire. E ci si siede nelle numerose e bellissime sale a disposizione – le più famose e frequentate la Sala Grande e la Darsena – e ci si lascia trasportare della magia del Cinema.

Ma non solo film, anche masterclass con grandi Autori, cerimonie e incontri veri, la bellezza di rivedere sul grande schermo i Classici del passato restaurati e la novità della Realtà virtuale, sempre più in espansione grazie ad una sezione apposita dedicata sulla suggestiva isola del Lazzareto Vecchio, a un minuto di vaporetto dalla PalaBiennale.

Inutile spendere altre parole su un evento così noto. Sottolineo solo che la Mostra d’arte cinematografica  curata da Alberto Barbera sotto la direzione della Biennale di Venezia di Paolo Baratta va sperimenta, vissuta, goduta.

Venezia 76: Joker – L’Oscura Trasformazione

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Billy Butcher – Amore e Guerra

Billy Butcher, un nome e un destino: butcher, infatti, significa macellaio. Ed è così che si presenta il personaggio interpretato da Karl Urban in...

Perché Joel Miller? | The Last Of Us

Bill: «Ti racconto una storia. C'era una volta qualcuno a cui tenevo davvero, una persona... qualcuno di cui mi prendevo cura. Ma in questo...

Tenet – Nolan e Rancore nella Macchina del tempo

Nolan e Rancore. Il primo dietro una macchina da presa, il secondo dentro la macchina del tempo: entrambi riavvolgono la storia del mondo. Esattamente...

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...