Home Uncategorized Il Finale di La La Land - Ode al come sarebbe stato...

Il Finale di La La Land – Ode al come sarebbe stato se

Il finale è sempre un momento difficile di un film, tra aspettative, presunte deduzioni, non sappiamo mai cosa accadrà dentro di noi dopo averlo visto. Deve avere un tono conclusivo, deve lasciarci qualcosa, raggiungere un apice emotivo, insomma gli spettano davvero tanti ruoli.

La La Land è riuscito in un qualcosa di davvero magico.

Un sogno non è la realtà, ma piuttosto una prospettiva su di essa, forse però una vita fatta solo di sogni non può concretizzarsi, perché il sogno pretende di più dalla realtà, pretende tutto quello a cui può aggrapparsi, amore e passione, gioia e tristezza, riuscire a realizzarsi ma non dover rinunciare a niente. Ecco il punto, loro ce l’hanno fatta, lui con il suo club, lei oramai una diva, ma forse non del tutto.

Si erano giurati amore eterno, ma allora perché non sono lì insieme ad amarsi?

Ecco che, per sbaglio, per caso, ma perché in fondo doveva succedere, non poteva non succedere, i loro sguardi si incontrano nel “loro” locale. Qui il capolavoro.

La La Land riesce a raccontarci, o meglio a mostrarci, il fantomatico “come sarebbe stato se” che sempre accarezzerà le nostre vite. Un’immagine, o meglio una sequenza, o meglio un’intera vita di enorme complessità, perché il “come sarebbe stato se” ha a che fare con troppe diverse sfaccettature di un essere umano, il ricordo, il rimpianto, la malinconia ed il sogno. Perché il “come sarebbe stato se” non è mai stato realmente ne mai sarà, ma allora come può esistere?

Vive nel ricordo ma il ricordo per definizione non è mai il reale passato, è sempre un nostro modo di vedere la storia, modificandone gli eventi in favore delle emozioni, vive nella malinconia perché ci affondiamo in qualcosa che non è più e mai più sarà, vive nel rimpianto perché avremmo voluto che così fosse a tal punto da “saper creare” quel mondo in cui così sarebbe stato, vive nel sogno perché abbiamo la capacità di creare una storia, una fiaba in cui quel “come sarebbe stato se” è davvero esisto, e La La Land ce lo mostra con una forza visiva, melodica ed emotiva indimenticabile.

Viviamo la loro storia, viviamo loro che vivono la loro storia, ma infine non è così che le cose sono andate, o forse si perché loro l’hanno saputo sognare, infine il cuore ci stringe forte perché quel sorriso d’addio non sarà mai abbastanza, perché loro si ameranno per sempre ma in realtà no, perché un sogno non è qualcosa da cui siamo capaci di svegliarci.

Andrea Vailati
"Un giorno troverò le parole, e saranno semplici." J. Kerouac

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

La vera storia di Oskar Schindler – Tra film, romanzo e vite salvate

Vi sono film, nella vita di ognuno di noi, che restano impressi nella memoria. Per sempre. Ma soprattutto vi sono pellicole di cui una...

5 (+1) film in Bianco e Nero nel 2000 da recuperare assolutamente

Chi ha detto che il bianco e nero coincida col "classico", se non addirittura spregevolmente col “vecchio”? La rinuncia al colore nel panorama cinematografico...

In Morte, Vita – Departures e il rituale della partenza

In Morte, vita. Potremmo dire che di questo si occupa il Nokanshi, in giapponese “colui che accompagna alla partenza”. Basterebbe questa parola per stigmatizzare il rapporto...

The Witcher e Rancore – Cos’è il Sangue di Drago?

Perdersi nel racconto di una storia, rincorrendo la propria immaginazione, rivela indirettamente l’efficacia delle capacità di chi quella storia la racconta. Esiste un accordo...