Home Cinebattiamo C'era una volta a Hollywood - La scena del Massacro

C’era una volta a Hollywood – La scena del Massacro

Dopo l’acclamazione al 72esimo Festival di Cannes e il successo di critica e pubblico, l’ultima opera di Quentin Tarantino conquista anche un ruolo importante nell’edizione 2020 dei Premi Oscar. In lizza per 10 categorie, tra cui miglior film e miglior regia, C’era una volta a Hollywood gode di un meritato successo a livello mondiale.

Il nono (e penultimo) lavoro dell’autore americano rappresenta la somma dei desideri di ogni cinefilo, oltre a essere uno dei film più completi e maturi del regista. C’era una volta a Hollywood contiene tutte le cifre stilistiche di Tarantino, messe in scena con invidiabile consapevolezza e meravigliosa eleganza.

C'era una volta a... Hollywood: il film più ricco, di grande intelligenza e maturo di un Autore che sa emozionare e stupire.

La straordinaria regia, con i suoi sinuosi movimenti di macchina, i suoi campi lunghi mozzafiato e gli intensissimi primi piani, ci trasporta nella Los Angeles del 1969, costruita perfettamente e meticolosamente dalle scenografie, arricchita dai già iconici costumi, e illuminata dalla vitale e splendida fotografia di Robert Richardson.

Un tale palcoscenico è popolato da un ottimo cast, forte di personaggi di spicco anche all’interno della filmografia del regista. Rick Dalton e Cliff Booth, l’eccezionale coppia composta da Pitt e DiCaprio, si fanno strada tra le colline di Hollywood, abitate dalla bellissima Sharon Tate, dall’importante marito Roman Polanski e dai tremendi seguaci di Charles Manson.

Molte sequenze sarebbero da imparare a memoria, da vedere e rivedere. La tesissima e magistrale scena nella “Comune” di Charles Manson, tanto minacciosa e angosciante quanto ingegnosa. Oppure l’incantevole sequenza nella quale Sharon Tate entra in un cinema per vedere un film in cui lei è protagonista, godendosi lo spettacolo con i presenti.

C'era una volta a  Hollywood: il film più ricco, di grande intelligenza e maturo di un Autore che sa emozionare e stupire.Tuttavia, la scena più importante di C’era una volta a Hollywood, soggetto di questa analisi, è il finale, ovvero il Massacro di Cielo Drive.

Il film, essendo ambientato nel 1969, mette in scena uno degli eventi più celebri e tragici del Novecento e della storia del cinema. La notte tra l’8 e il 9 agosto quattro seguaci della Famiglia Manson fecero irruzione nella villa dei Polanski, uccidendo brutalmente Sharon Tate, incinta di otto mesi e mezzo, e altre quattro persone.

Nel film però, le cose vanno diversamente: tre fanatici irrompono nella villa di Rick Dalton, per vendicarsi degli insulti e delle minacciate fatte dall’attore poco prima. I tre decidono di cambiare programma e invadere la villa di Dalton anziché quella di Polanski, per condannare la violenta ipocrisia hollywoodiana.

Tuttavia, dopo una divertente, sanguinosa e meravigliosamente grottesca lotta tra i tre membri della famiglia Manson, Cliff Booth, Rick e la moglie hanno il sopravvento, uccidendo gli hippie. L’unico ferito è Cliff, portato in fretta in ospedale dopo due parole a cuore aperto con Rick.

C'era una volta a Hollywood: il film più ricco, di grande intelligenza e maturo di un Autore che sa emozionare e stupire.

Ed è alla fine di questo splendido pezzo di puro intrattenimento che tutto assume un senso ben preciso.
Tarantino sceglie di far “recitare” Rick e Cliff, rendendoli agenti e mettendoli al centro dell’azione, dopo vari fallimenti e rifiuti in pellicole di vario genere. In particolare decide di salvare Sharon Tate dal suo atroce destino, spostando l’eccidio nella villa vicino.

La Tate, il suo bambino in grembo e i quattro amici rimangono così incolumi, come Rick e il suo entourage; muoiono invece i tre membri della Famiglia, presunti agenti del Male, portatori di morte, ragazzi deviati dal carisma disturbante e dalle idee deliranti di Charles Manson.

Come nell’eccezionale Bastardi senza gloria, Tarantino modifica la Storia a suo piacimento grazie ai mezzi della Settima Arte: ribaltando le prospettive, il mito di Sharon Tate vive così per sempre grazie all’autore americano. Sorprende e spiazza il pubblico, comunicando così l’aspetto più bello del Cinema stesso, ovvero la possibilità di riscrivere gli eventi storici per far regnare la Magia pura e unica del vero Cinema.

C'era una volta a Hollywood: il film più ricco, di grande intelligenza e maturo di un Autore che sa emozionare e stupire.
C’era una volta a Hollywood

Dopo aver evitato il massacro, Rick viene invitato dalla stessa Sharon a salire a casa sua: il cancello si apre, l’attore sale la strada e raggiunge la diva e gli amici, mentre una musica celestiale suona in sottofondo, come se la compagnia fosse arrivata in Paradiso. D’altronde, come suggerisce il “C’era una volta” del titolo, il film è una favola, una travolgente e commovente favola.

Tarantino dimostra di saper emozionare e stupire, come il più bel Cinema è in grado di fare.

Utilizza il linguaggio della Settima Arte per esaltare la stessa, cambiare il corso degli eventi passati e dimostrare che la Magia esiste ancora.
L’Arte è libera e ha la potenza e le facoltà di comunicare qualsiasi messaggio, narrato con la voce di uno dei più innegabili e grandi Autori della celluloide, nel pieno della sua consapevolezza e genialità.

Leggi anche: Scene da Oscar 2020: Parasite

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Per un’estetica della violenza – L’arte della depravazione in Alex Delarge

Era il 1971 quando la cinepresa mostrò al mondo il ghigno di Alex Delarge, insolente e depravato protagonista delle vicende di Arancia Meccanica. È...

Lo Straniero racconta il metacinema dei fratelli Coen

Lo Straniero racconta il metacinema dei fratelli Coen «Nel lontano Midwest conoscevo due tipi, due tipi di cui voglio parlarvi. Si chiamavano Joel ed Ethan....

C’era una volta a… Hollywood – Tarantino e il metacinema

Metà in greco significa "attraverso". La parola metacinema presuppone una riflessione sul cinema attraverso lo stesso. Il soggetto e l'oggetto vengono così a congiungersi...

Nuovo Cinema Paradiso – La nostalgia del cinema

Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore vide la luce nel 1988. La prima edizione della durata integrale di 173 minuti non riscosse molto successo,...