Home News e Animali Notturni Pacchetto quarantena – Il kit perfetto per gustarsi A Discovery of Witches

Pacchetto quarantena – Il kit perfetto per gustarsi A Discovery of Witches

A Discovery of Witches.


In questi giorni così difficili, surreali e incerti, in cui ci troviamo costretti a rimanere a casa, abbiamo pensato di alleggerire un po’ la quarantena riempiendo le vostre giornate (qui vi spieghiamo il perché). Infatti, con questo nuovo formato non vogliamo limitarci a suggerirvi dei film o delle serie da vedere, ma vogliamo proporvi dei veri e propri “pacchetti”.

In questo modo, vi potremo tenere compagnia. E non solo attraverso una serie. Ma accompagnandovi nella visione e nel vivere l’atmosfera e le ambientazioni in cui abitano i vostri personaggi preferiti a trecentosessanta gradi. Un’esperienza quasi immersiva. I kit quarantena includono, precisamente, una serie tv da accompagnare al libro o al fumetto da cui trae origine la serie o che si associa a questa. Il tutto da gustare con una bevanda o un piatto connesso alla serie. Proprio come se fosse un vero menù! Il kit che vi consigliamo oggi è quello di A Discovery of Witches.

A Discovery of Witches, la serie

Diana Bishop è una brillante storica e, al tempo stesso, una strega che ha rinnegato la sua natura, in un mondo dove demoni, streghe e vampiri vivono e lavorano accanto agli esseri umani.

Un giorno, durante una ricerca nella biblioteca Bodleiana dell’Università di Oxford, chiede in prestito un misterioso manoscritto che in molti stavano cercando e che risveglia un passato lontano.

Conosce, così, Matthew Clairmont, misterioso e affascinante genetista e vampiro di 1500 anni, che la aiuterà a difendere il manoscritto e ciò che contiene.

Una serie che fa coesistere reale e fantastico – con un retrogusto sentimentale – in un contesto contemporaneo.

Accompagnare con:

La serie televisiva britannica, prodotta da Bad Wolf e Sky Productions, è basata sulla Trilogia delle anime (All Souls Trilogy) di Deborah Harkness, docente di storia presso la University of Southern California di Los Angeles, ed è intitolata proprio come il primo romanzo della trilogia: A Discovery of Witches.

Il libro della vita e della morte (in inglese, A Discovery of Witches), infatti, è un romanzo storico che racconta la storia di una strega dei giorni nostri. La protagonista, inavvertitamente, evoca un antico manoscritto incantato contenuto nella Biblioteca Bodleiana.

Così facendo, attira l’attenzione delle creature magiche che vivono tra gli umani. Soprattutto però, di streghe e vampiri molto potenti e disposti a tutto per ottenere l’antico manoscritto.

Il romanzo, in base alle dichiarazioni della stessa Harkness, è nato come una sorta di esperimento: un giorno, infatti, in una libreria di un aeroporto, la scrittrice aveva notato la moltitudine di romanzi che riguardavano i vampiri e la magia.

È partita così, quindi. Da quello spunto e dai suoi studi di magia e occulto, che le sono stati di ispirazione.

Le sono venuti in soccorso, poi, anche eventi da lei stessa vissuti in prima persona: come Diana, la protagonista, anche l’autrice ha speso molte ore nella sala di lettura della biblioteca Bodleiana e, proprio durante alcune ricerche, ha scoperto un antico e – da tempo ritenuto perduto – libro di incantesimi: il celebre Libro di Soyga.

Al romanzo A Discovery of Witches, tradotto in più di trentasei lingue, sono seguiti gli altri due volumi della trilogia: L’ombra della notte e Il bacio delle tenebre.

Servire con:

Vi consigliamo di accompagnare la visione della vostra serie con un bel calice di vino rosso.

In alternativa, potreste optare per una tazza bollente di tè.

Dove vedere A Discovery of Witches:

Tutta la prima stagione di A Discovery of Witches è disponibile su Sky Go e su Now Tv. Correte a guardarla dunque, se non lo avete ancora fatto! Tutto questo in attesa della seconda e della terza stagione, già annunciate per la gioia di tutti i fan.

Non solo A Discovery of Witches, leggi anche: Pacchetto quarantena – Il kit perfetto per gustarsi The Witcher

Roberta Rutigliano
Galeotto fu il Giffoni Film Festival nel lontano 2003. Da quel momento il cinema è entrato prepotentemente nella mia vita e non l’ha lasciata più, come solo le passioni, quelle viscerali, sanno fare. Adoro guardare le serie tv in compagnia di Amélie, la mia piccola Jack Russell Terrier. In tasca una Laurea in Giurisprudenza e un master in Comunicazione e Marketing del Cinema, ma tanti sogni ancora nel cassetto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Perché Joel Miller? | The Last Of Us

Bill: «Ti racconto una storia. C'era una volta qualcuno a cui tenevo davvero, una persona... qualcuno di cui mi prendevo cura. Ma in questo...

Tenet – Nolan e Rancore nella Macchina del tempo

Nolan e Rancore. Il primo dietro una macchina da presa, il secondo dentro la macchina del tempo: entrambi riavvolgono la storia del mondo. Esattamente...

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...