Introduzione

Home Cinebattiamo Kubrick - Il simbolismo musicale di Arancia meccanica

Kubrick – Il simbolismo musicale di Arancia meccanica

Introduzione

Stanley Kubrick e lo stesso Anthony Burgess erano grandi amanti di musica, per questa ragione la musica non può che essere parte integrante e protagonista indiscussa di Arancia meccanica.

L’incipit e la scelta di Wendy

La pellicola si apre con Funeral of the Queen Mary, motivo che tornerà durante tutto il film, e in molte altre scene salienti: il brano fu originariamente scritto da Henry Purcell, un importante compositore e artista inglese di età barocca della seconda metà del ‘600. Egli divenne uno dei massimi esponenti musicali della sua epoca, ebbe molti incarichi di corte, tra cui scrivere la marcia funebre della regina Maria, moglie di Guglielmo III. La musica che si può ascoltare nel film, però, è un arrangiamento dell’originale di Purcell ad opera dell’artista Walter Carlos.

Walter Carlos nacque negli Stati Uniti nel 1939, studiò musica per tutta la vita, fu allievo di Vladimir Ussachevsky, pioniere della musica elettronica. Seguì le orme del suo maestro, diventando il primissimo musicista a usare il “moog”, un sistema di sintetizzatori basati su tastiera, ideati dall’ingegnere Robert Moog. Walter, in seguito, si sottopose ad un intervento per cambiare sesso, prendendo il nome di Wendy, continuando sulla via della sperimentazione artistica per tutta la sua vita.

La maggior parte dei grandi classici intoccabili della musica vengono in Arancia Meccanica volutamente dissacrati da Wendy e Kubrick, per lanciare un chiaro messaggio di ribellione alla cultura di massa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Tenet – Nolan e Rancore nella Macchina del tempo

Nolan e Rancore. Il primo dietro una macchina da presa, il secondo dentro la macchina del tempo: entrambi riavvolgono la storia del mondo. Esattamente...

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...

Ungaretti e la Guerra | Poetico Cinematografico

Breve nota al lettore o alla lettrice: le sezioni in evidenza che seguono sono tratte da L’Allegria, da Il Sentimento del Tempo e da Il...