Home Classifiche I 5 (+1) migliori film di Giuseppe Tornatore

I 5 (+1) migliori film di Giuseppe Tornatore

Giuseppe Tornatore non ha di certo bisogno di presentazioni.
Il regista nativo di Bagheria negli anni ha saputo conquistarsi un ruolo di punta nel cinema italiano e internazionale grazie ad uno stile riconoscibile che mescola sapientemente tecnica, sentimentalismo ed un’enorme cinefilia.
In occasione del suo compleanno, riscopriamo alcuni dei titoli che ne hanno segnato la carriera.
Una premessa, tuttavia, è doverosa: per chi scrive, Tornatore rappresenta una fonte di ispirazione inesauribile. Questa lista, dunque, è frutto di scelte molto sofferte e di esclusioni eccellenti, dal momento che sarebbe opportuno recuperare tutta la filmografia di questo grande regista.

In occasione del compleanno di Giuseppe Tornatore, ecco la nostra personalissima classifica dei migliori film di un regista unico.
Giuseppe Tornatore

5. La Sconosciuta (2006)

La Sconosciuta narra la storia di Irena, ex prostituta ucraina che trova lavoro a Milano, presso la famiglia Adacher. La ragazza si lega sempre di più alla loro figlia e sembra trovare una nuova pace. Tuttavia i traumi del passato, i ricordi di un dolce amore interrotto e lo spettro del suo aguzzino non tardano a manifestarsi.
Dopo una serie di film più apertamente sentimentali, Tornatore compie un brusco cambio di rotta, cimentandosi in un thriller ad alto tasso tensivo. Gettando una fitta coltre sulla personalità di Irena, il regista centellina con sapienza quando e, soprattutto, come svelarne la storia. Questo lavoro di sottrazione fa sì che lo spettatore sia parte attiva di questo mistero da svelare.
Un mistero che, come in tutti i grandi thriller, ha dei risvolti imprevedibili. Il tutto viene ulteriormente impreziosito dalla vena sentimentale di Giuseppe Tornatore e dalla stupenda colonna sonora di Ennio Morricone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Noir Assurdo – The Big Sleep, The Big Lebowski e Inherent vice

Il genere noir ci ha abituati nel corso dei decenni ad assistere a storie sempre più vicine all’esperienza della modernità. Fin dai suoi albori,...

Hannah Arendt – Le origini del totalitarismo narrativo

La filosofa Hannah Arendt, dopo «due guerre mondiali in una generazione, separate da un’ininterrotta catena di guerre locali e rivoluzione», nel 1951 pubblica Le...

Il finale di Seven – Il mondo (non) è un bel posto

Nella stragrande maggioranza dei thriller polizieschi, l'epilogo prevede il ripristino dell'ordine. Non importa con quanta corruzione, violenza e cattiveria umana gli eroi si siano...

BLUE – Il testamento blu di Derek Jarman

«Blu è l'invisibile che diventa visibile». (Yves Klein) Blu è un fotogramma. Il rumore delle onde. Musica che accarezza, che rende la realtà  raccontata onirica, quando...