Home (Non) è un paese per Festival Biografilm Festival - Una nuova edizione online tutta da scoprire

Biografilm Festival – Una nuova edizione online tutta da scoprire

Biografilm festival, da sempre punto di riferimento imprescindibile nel panorama festivaliero italiano, propone anche quest’anno documentari e film di fiction che raccontano i cambiamenti sociali, politici, culturali in atto nel mondo di oggi. 

Tutti i film saranno disponibili gratuitamente su Mymovies: il grande pubblico potrà vedere una serie di pellicole inedite, sconosciute alla distribuzione nazionale. La direttrice Leena Pasanen, subentrata quest’anno alla direzione artistica, prevede già che l’offerta dei titoli in streaming diventerà una caratteristica fissa del festival, mantenuta anche nelle prossime edizioni.

 «È una grande emozione presentare al pubblico di Biografilm l’opera di alcuni maestri, di tanti talenti già noti e premiati, e al tempo stesso puntare sulle opere prime, ben il 45% nei due concorsi. Seguire e valorizzare i talenti emergenti, che magari potranno essere i maestri e le maestre del futuro, è stato motivo di ispirazione per tutto il nostro lavoro di selezione.»

In tutto sono 41 i film selezionati: opere di talenti già noti e premiati, ma anche nuovi esordi. Ad aprire Biografilm festival sarà proprio la talentuosa regista italiana Valentina Pendicini con Faith, proiettato in anteprima mondiale all’ultima edizione dell’ IDFA (International Documentary Filmfestival Amsterdam).

Concorso Internazionale e Biografilm Italia

Saranno due le sezioni competitive del Festival: il Concorso Internazionale, che raccoglierà affascinanti documentari provenienti da tutto il mondo e Biografilm Italia, che invece si concentrerà produzione italiana.

Biografilm
Barzakh (Barzaj), di Alejandro Salgado (Spagna, 2019, ’72)

Nel Concorso internazionale, i film proiettati saranno:

  • Barzakh (Barzaj), di Alejandro Salgado (Spagna, 2019, ’72), anteprima italiana
  • Because of My Body, di Francesco Cannavà (Italia, 2020, ’83), anteprima mondiale
  • The Earth is Blue as an Orange (Zemlia blakytna niby apel’syn), di Iryna Tsilyk (Ucrina, Lituania, 2020, ’74), anteprima italiana
  • Ecstasy (Êxtase), di Moara Passoni (Stati Uniti, Brasile, 2020, ’72), anteprima italiana
  • Faith, di Valentina Pedicini (Italia, 2019, ’93), anteprima italiana
  • It Takes a Family (De skygger vi arver), di Susanne Kovács (Danimarca, 2019, ’59), anteprima italiana
  • King Of The Cruise, di Sophie Dros (Paesi Bassi, 2019, ’74), anteprima italiana
  • Noodle Kid (La yi wan mian), di Huo Ning (Cina, 2019, ‘107), anteprima italiana
  • Sing Me a Song, di Thomas Balmès (Francia, Germania, Svizzera, 2019, ’99), anteprima italiana
  • This Train I Ride, di Arno Bitschy (Francia, Finlandia, 2019, ’77), anteprima italiana
  • Wake Up on Mars (Réveil sur Mars), di Dea Gjinovci (Francia, Svizzera, 2019, ’74), anteprima italiana
  • Walchensee Forever, di Janna Ji Wonders (Germania, 2020, ‘110), anteprima italiana

Biografilm
In a Future April (In un Futuro Aprile), di Francesco Costabile e Federico Savonitto (Italia, 2019, ’80)

In Biografilm Italia, i film proiettati saranno:

  • The House of Love (La casa dell’amore), di Luca Ferri (Italia, 2020, ’77), anteprima italiana
  • In a Future April (In un Futuro Aprile), di Francesco Costabile e Federico Savonitto (Italia, 2019, ’80), anteprima italiana
  • La nostra strada, di Pierfrancesco Li Donni (Italia, 2020, ’70), anteprima mondiale
  • La Pallina sulla conca, di Francesca Iandiorio (Italia, 2020, ’60), anteprima mondiale
  • Parola d’onore (Sons of Honour), di Sophia Luvarà (Italia, Paesi Bassi, 2020, ’84), anteprima mondiale
  • Sqizo, di Duccio Fabbri (Italia, Stati Uniti, 2020, ’70), anteprima mondiale
  • Tuttinsieme, di Marco Simon Puccioni (Italia, 2020, ’82), anteprima mondiale
  • West Of Babylonia, di Emanuele Mengotti (Italia, 2019, ’82), anteprima mondiale

    Biografilm
    Stanley Kubrick in Kubrick by Kubrick

Biografilm Art & Music

Nei film della sezione Art & Music, gli artisti e le artiste si auto-raccontano, attraverso la propria arte: musica, pittura, letteratura, arte si fondono in un’unica visione. Da tutte le parti del mondo i talenti di ieri e di oggi esplorano nuovi orizzonti del cinema mondiale.

  • Abbas by Abbas, di Kamy Pakdel (Francia, 2019, ’53), anteprima internazionale
  • Being Eriko (Erikos verdener), di Jannik Splidsboel (Danimarca, Norvegia, 2020, ’75), anteprima internazionale
  • Gli anni che cantano, di Filippo Vendemmiati (Italia, 2020, ’90), anteprima mondiale
  • Half Dream (Ban Meng), di Dandan Liu (Germania, 2019, ’86), anteprima internazionale
  • Keyboard Fantasies: The Beverly Glenn-Copeland Story, di Posy Dixon (Regno Unito, 2019, ’63), anteprima italiana
  • Kubrick by Kubrick (Kubrick par Kubrick), di Gregory Monro (Francia, Polonia, 2020, ’72), anteprima italiana
  • Margaret Atwood: A Word After A Word After a Word is Power, di Peter Raymont e Nancy Lang (Canada, 2019, ’92), anteprima italiana
  • My Rembrandt, di Oeke Hoogendijk (Paesi Bassi, 2019, ’95), anteprima italiana

    Biografilm
    Unfit – The Psychology of Donald J. Trump, Dan Partland (Stati Uniti, 2020)

Contemporary Lives

Contemporary Lives offre nuove prospettivesulla nostra contemporaneità. Quest’anno in particolare figurano vari temi, fra cui i meccanismi del potere, la giustizia sociale, la relazione con il proprio corpo e la libertà di esprimersi.

  • #Unfit – The Psychology of Donald J. Trump, di Dan Partland (Stati Uniti, 2020, ’83), anteprima italiana
  • Always Amber, di Lia Hietala e Hannah Reinikainen (Svezia, 2020, ’76), anteprima italiana
  • Angels on Diamond Street, di Petr Lom (Paesi Bassi, Norvegia, 2019, ’88), anteprima italiana
  • Fat Front, di Louise Unmack Kjeldsen e Louise Detlefsen (Danimarca, 2019, ’87), anteprima italiana
  • The Forum (Das Forum), di Marcus Vetter (Germania, Svizzera, 2019, ’92), anteprima italiana
  • Love Child, di Eva Mulvad (Danimarca, 2019, ‘110), anteprima italiana
  • Merry Christmas, Yiwu, di Mladen Kovačević (Svezia, Serbia, Francia, Germania, Belgio, Qatar, 2020, ’94), anteprima italiana
  • Self Portrait, di Katja Høgset, Margreth Olin e Espen Walli (Norvegia, 2020, ’77), anteprima italiana
  • Termite (Mouriyaneh), di Masoud Hatami (Iran, 2019, ’86), anteprima italiana
  • We Were Not Born Refugees (No nacimos refugiados), di Claudio Zulian (Spagna, 2020, ’82), anteprima mondiale

    Biografilm
    I Walk, Jørgen Leth (Danimarca, 2019)

Meet the Masters

Ma non è finita qui! Quest’anno nasce una nuova sezione all’interno del festival: Meet the Masters. La sezione è composta dalle ultime opere di tre filmakers che il festival vuole mettere in evidenza. Ciascuna di queste tre proiezioni sarà seguita da un’intervista con il regista, per approfondire la sua visione del mondo e del cinema. I film in questione sono:

  • I Walk, di Jørgen Leth (Danimarca, 2019, ’90), anteprima italiana
  • Irradiated (Irradiés), di Rithy Panh (Francia, Cambogia, 2020, ’88). anteprima italiana
  • Master Cheng (Mestari Cheng), di Mika Kaurismäki (Finlandia, Cina, Regno Unito 2019, ‘114)

Informazioni di accesso al festival

Sarà possibile prenotare un posto nella sala virtuale del festival, accedendo al sito www.mymovies.itnell’arco delle 24 ore successive all’inizio della proiezione. I film e gli incontri con gli autori saranno disponibili gratuitamente, in lingua originale con sottotitoli in italiano, per tutte le persone che si collegano alla piattaforma dal territorio italiano.

Biografilm Festival si svolge con il contributo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, del Comune di Bologna, della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e con la main partnership di Unipol Gruppo Finanziario. Con la partnership di Emilia-Romagna Film Commission, Gruppo Hera, CO.TA.BO e Cannamela. Con la media partnership di Sky Cinema, Sky Arte e Mymovies.it Biografilm Festival fa parte di Bologna Estate 2020, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna.

Leggi anche: Intervista a Daniele Vicari – Questo film non si doveva fare 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...

Ungaretti e la Guerra | Poetico Cinematografico

Breve nota al lettore o alla lettrice: le sezioni in evidenza che seguono sono tratte da L’Allegria, da Il Sentimento del Tempo e da Il...

Aaron Sorkin e il biopic – Il mito nella cultura americana

Il biopic è un genere azzardato da affrontare. Si rischia di rimanere intrappolati in una bolla agiografica, oppure di cadere in una demonizzazione di...