Home Cinebattiamo Enciclopedia dell'Anti-Eroe Polly Shelby - La principessa zingara

Polly Shelby – La principessa zingara

I gangster più famosi del momento sono i Peaky Blinders e sono degli zingari della Birmingham degli anni venti del ‘900, che si amano, pur essendo i “cattivi”, non solo per le scene epiche che regalano, ma soprattutto per la complessità dei personaggi al loro interno, come l’indimenticabile Polly Shelby.

Polly Shelby è una donna forte e fragile allo stesso tempo, è il collante e la coscienza dei Peaky Blinders, i gangster di Netflix.

Una vita faticosa

Pollyanna Shelby, o semplicemente Polly, proviene da una famiglia di zingari, figlia di Mr. Shelby e di Birdie Boswell, sua nonna era considerata una principessa zingara.

Polly racconta che suo padre era spesso ricercato dalla legge, così erano spesso costretti a dormire nei boschi. Questo ricordo la accompagnerà per tutta la vita, segnandole un legame indissolubile con la natura e con lo spirito più dionisiaco della propria personalità.

Polly ha avuto una vita difficile, a sedici anni è rimasta incinta, ma il padre del bambino è scomparso, così è stata costretta ad abortire. In seguito ha sposato lo zingaro Mr. Gray, da cui ha avuto due figli: Michael ed Anna Gray. Pur essendo un brav’uomo, suo marito era alcolizzato e morì ubriaco, schiacciato da una barca nel fiume, lasciando Polly sola con due figli. Le autorità locali giudicarono Polly genitore incapace di provvedere ai due bambini e le furono portati via con violenza dai servizi sociali. Questo episodio segnò per tutta la vita la donna, che non si perdonò mai di non aver saputo proteggere i propri figli.

Il suo istinto materno l’ha portata ben presto alla guida dei cinque nipoti: Arthur Jr., Thomas, John, Finn e Ada; è stata per ciascuno di essi madre, guida, coscienza. Durante gli anni della Prima Guerra Mondiale ha gestito da sola gli affari illeciti dei Peaky Blinders, mentre i nipoti si trovavano sul fronte, divenendo a tutti gli effetti un leader della società.

Polly Shelby è una donna forte e fragile allo stesso tempo, è il collante e la coscienza dei Peaky Blinders, i gangster di Netflix.

Sebbene al ritorno dei tre fratelli, la gestione degli affari sia andata nelle mani di Thomas, l’intelligente e scaltro secondogenito, Polly Shelby resta il cuore pulsante della famiglia. Una figura ricca e densa di pathos e di grandi contraddizioni. In Polly coesistono due nature: l’affarista spietata e la zingara selvaggia.

Una donna in carriera

Durante il corso della serie la si vede anteporre a tutto il resto affari e famiglia, quest’ultima va difesa e protetta a tutti i costi. In questo senso Polly è il collante, è la confidente di Thomas e la tesoriera della società, è solo grazie al suo temperamento fiero e razionale che spesso riescono a cavarsela.

«Vorrei proporre un brindisi. Una famiglia unita non conoscerà mai la sconfitta».

Polly Shelby è una donna forte e fragile allo stesso tempo, è il collante e la coscienza dei Peaky Blinders, i gangster di Netflix.

Polly è la donna in carriera, è la donna emancipata che basta a se stessa, ha chiuso il suo cuore agli uomini e ha votato la sua vita a proteggere il suo nucleo. La si vede con la sigaretta in bocca e un bicchiere di whisky seduta al tavolo degli uomini, in un mondo spesso inaccessibile per le donne; seduta a quel tavolo non solo da donna, ma da voce forte, che viene ascoltata. Polly uccide, mente, ruba, caparbia e orgogliosa delle proprie origini, senza mai apparentemente aprire il suo cuore.

«Gli uomini e i loro peni non cessano mai di stupirmi».

Dietro lo specchio

Dietro quello sguardo profondo, si cela un abisso: la terra e la libertà. Polly Shelby è una donna spezzata per aver perso i figli, per essere stata incapace di proteggerli, per dover sottoporsi alle convezioni sociali. Nel momento in cui riesce a ritrovare un figlio, si vede emergere tutta la sua fragilità di donna, la perdita dell’orgoglio pur di salvarlo, le mani macchiate di sangue per vendicare l’onore ferito; eppure, nel momento delle delusioni, si rivede lo spirito che arde e che antepone ancora affari e famiglia a tutto.

Polly Shelby è una donna forte e fragile allo stesso tempo, è il collante e la coscienza dei Peaky Blinders, i gangster di Netflix.

Polly è una guerriera selvaggia, come Thomas, è alla ricerca della natura e della fuga. Nel corso delle stagioni sono i boschi l’unico luogo in cui gli Shelby zingari si sentono sicuri, in cui ritrovano se stessi e quietano i loro spiriti. Perciò si vedono spesso svanire per notti intere assorbiti dal buio della notte e dall’oscurità della foresta, per riemergere all’alba pronti per la guerra, è la natura il porto sicuro.

La principessa zingara

Secondo le leggende esiste una comunità di zingari irlandesi: i Travellers, a cui i creatori della serie fanno spesso riferimento. Si narra che i Travellers derivino dallo stagnaio che fuse i chiodi per la croce di Cristo e che, da allora, furono destinati a non avere patria. La famiglia dei Peaky Blinders rispecchia molte delle tradizioni e delle leggende legate alla comunità, compresa la figura di Polly.

Polly Shelby è una donna forte e fragile allo stesso tempo, è il collante e la coscienza dei Peaky Blinders, i gangster di Netflix.

Polly inizialmente sembra rifiutare la sua “sensibilità zingara”, finché inizia ad avere dei sogni ricorrenti sulla morte della figlia. Da quel momento il suo spirito zingaro sembra chiamarla a gran voce; fin quando, sul punto di morte, gli spiriti diventano parte di lei, una sorta di terzo occhio le si acuisce, facendole acquisire la capacità di parlare con i morti, sentire gli spiriti e premonire il futuro.

«Quando sei già morto, sei libero».

In realtà l’esperienza che l’ha segnata le ha dato la consapevolezza della vita, non è più spettatrice ma protagonista: decide di riaprirsi all’amore, al rischio ed alle delusioni. Quello che acquisisce non sono poteri soprannaturali o paranormali, ma una più spiccata sensibilità agli eventi, senza mai perdere la forza che la contraddistingue dal primo episodio. Polly è, in questo senso, un personaggio dinamico, in divenire. Da donna forte e spregiudicata della prima stagione, a donna segnata dalle delusioni e dalle morti, fino a saggia matriarca incurante e libera dalle opinioni della società.

Leggi anche: Peaky Blinders – By order of the fucking style!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Noir Assurdo – The Big Sleep, The Big Lebowski e Inherent vice

Il genere noir ci ha abituati nel corso dei decenni ad assistere a storie sempre più vicine all’esperienza della modernità. Fin dai suoi albori,...

Hannah Arendt – Le origini del totalitarismo narrativo

La filosofa Hannah Arendt, dopo «due guerre mondiali in una generazione, separate da un’ininterrotta catena di guerre locali e rivoluzione», nel 1951 pubblica Le...

Il finale di Seven – Il mondo (non) è un bel posto

Nella stragrande maggioranza dei thriller polizieschi, l'epilogo prevede il ripristino dell'ordine. Non importa con quanta corruzione, violenza e cattiveria umana gli eroi si siano...

BLUE – Il testamento blu di Derek Jarman

«Blu è l'invisibile che diventa visibile». (Yves Klein) Blu è un fotogramma. Il rumore delle onde. Musica che accarezza, che rende la realtà  raccontata onirica, quando...