Home Sottosuolo Italiano Nuovi Sguardi (Interviste) Due chiacchiere con Federico Favot, sceneggiatore de I Cesaroni

Due chiacchiere con Federico Favot, sceneggiatore de I Cesaroni

 

Due chiacchiere con Federico Favot, sceneggiatore de I Cesaroni

Partiamo dalle basi. Cosa voleva dire essere sceneggiatore vent’anni fa e cosa vuol dire esserlo oggi? In rapporto anche con il resto della troupe.

Federico Favot

Sono cambiate tante cose in questi ultimi anni. Solo quindici anni fa in Italia si scriveva quasi esclusivamente per Rai e Mediaset. Ora invece l’offerta si è moltiplicata (Sky, Netflix, Amazon, etc.) e quindi la richiesta di contenuti è aumentata. La figura dello sceneggiatore italiano comincia a essere apprezzata anche all’estero, grazie a titoli quali Gomorra, Suburra, 1992 e altri. Quindi ora uno sceneggiatore per la prima volta può pensare a serie o film per il mercato internazionale, qualcosa di insperato quando ho iniziato la mia carriera.

Riguardo al rapporto con il resto della troupe possiamo dire che, forse, è aumentato il rispetto per la figura dello sceneggiatore al quale, in alcuni casi, è stato concesso di non fermarsi alla scrittura, ma di seguire anche le riprese e il montaggio dei prodotti (cominciamo a vedere anche qui, nei titoli di testa, i credits creative producer/showrunner oltre a quelli “a series created by”). Questo, chiaramente, è un vantaggio perché chi ha ideato la serie può dare il suo contributo anche nelle fasi successive della lavorazione dato che il prodotto audiovisivo non si conclude con l’atto della scrittura. Anzi, quello possiamo dire essere probabilmente l’inizio.

Entriamo nello specifico: tra i tuoi prodotti più conosciuti compare sicuramente I Cesaroni. Cos’è cambiato nei prodotti seriali italiani da I Cesaroni alle moderne serie teen come Baby?

Federico Favot

È cambiato tutto, direi. Oggi possiamo spingerci con generi e tematiche che qualche anno fa non si potevano affrontare. C’era l’esigenza di essere “generalisti a tutti i costi” e quindi, per forza, non potevi raccontare storie con troppi spigoli. Ora, invece, quegli spigoli vengono richiesti e quindi lo sceneggiatore è chiamato a delle sfide più interessanti a livello di narrazione. E, come ho già detto, ora i titoli vengono pensati anche per il mercato internazionale.

Tu non sei solo sceneggiatore. So, per esperienza diretta, che insegni, alla Scuola Holden, scrittura seriale. Credo che per tutti i neofiti sia importante: cosa differisce tra il saper scrivere/avere l’idea creativa e renderla effettivamente appetibile per il mercato?

Federico Favot

Eh, questo è un argomento spinoso, soprattutto per chi inizia. Non è facile, quando cominci a scrivere, capire che la sceneggiatura è un pezzo di un puzzle molto più grande e che quindi quello che scriviamo ha delle “conseguenze reali” poi sul set, sugli attori, sui costi… quindi a mio avviso bisogna imparare le regole della narrazione e poi saperle anche “piegare” alle esigenze produttive e del mercato. Niente paura: un po’ alla volta si può imparare tutto. La teoria è chiaramente fondamentale, ma è la pratica – quotidiana – che fa la differenza.

Tu sei molto eclettico. È da qualche anno che hai intrapreso l’Hacking Creativity, una sorta di “live interview” a episodi, un po’ alla Montemagno se vogliamo. Qual è l’idea di Hacking Creativity e cosa vuoi portare di nuovo con essa?

Federico Favot

Hacking Creativity è un podcast sulla creatività che ho fondato con il mio amico Edoardo Scognamiglio. In ogni episodio intervistiamo persone creative e cerchiamo di “hackerare” i loro metodi e le loro idee. È un progetto che amo molto e che ci sta regalando belle soddisfazioni: gli ascolti sono buoni e soprattutto abbiamo la possibilità di parlare con tante persone super interessanti. Non si smette mai di imparare. E se poi impari dai migliori… cosa si può chiedere di meglio?

Intervista a Federico Favot, sceneggiatore dei Cesaroni, una chiaccherata tra carriera, Scuola Holden e progetti presenti e futuri.

Qualcuno, me compreso, si starà chiedendo… cosa bisogna aspettarsi da Federico Favot nel futuro prossimo?

Federico Favot

Mi piacerebbe saperlo. Scherzi a parte, sto lavorando a tante cose diverse perché ho da sempre questo problema: mi annoio rapidamente. Così ho capito che quando ho più progetti “in caldo” riesco a saltare da uno all’altro e, a) evito di annoiarmi e b) i progetti si alimentano a vicenda. Mi spiego meglio: lavorando a un podcast narrativo mi viene in mente un pezzetto di storia che è perfetto per una serie tv, oppure scalettando un romanzo mi accorgo che a quel film che ho nel cassetto mancava proprio quel tipo di personaggio. La mia testa funziona così.

Leggi anche: Intervista a Fabrizio Guida – Verso il mondo, verso gli altri, verso se stessi

Nicolò Frasson
L'arte è solo una: si ciba d'immaginazione e si veste di invenzioni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

David Cronenberg – Indagatore della Mente, profeta della Nuova Carne

Quando la mente erra per sentieri oscuri e inesplorati, anche il corpo ne risente. I tratti somatici del viso si irrigidiscono e la tensione...

Il Finale di The Departed – L’etica allo specchio

Molte esperienze di vita rendono l'uomo consapevole del fatto che i paradossi albergano nella sua anima. The Departed, film di Martin Scorsese del 2006, narra...

Call Me By Your Name e Damien Rice- It’s just that it’s Delicate

«We might kiss when we are alone When nobody's watching We might take it home We might make out when nobody's there It's not that we're scared It's just...

Aster, Eggers, Peele e la rinascita del cinema horror

Aster, Eggers, Peele e la rinascita del cinema horror Dopo un periodo in cui le pellicole horror di qualità in sala scarseggiavano, negli ultimi anni...