Home News e Animali Notturni L’importanza di una brano: i 7 show con le sigle più iconiche...

L’importanza di una brano: i 7 show con le sigle più iconiche della TV

Bisogna ammetterlo: una bella sigla iniziale è parte del successo di una serie TV. Un ritornello coinvolgente o una musica capace di fissarsi saldamente nella mente conditi con  delle immagini accattivanti, costituiscono un ottimo biglietto da visita per ogni show che si rispetti. 

Cosa sarebbe Dawson’s Creek senza quel suo I don’t Want to Wait che abbiamo storpiato in ogni modo possibile? E cosa sarebbe Stranger Things senza quel suo sottofondo inquietante che prima di ogni puntata ci introduce ai misteri del Sottosopra? Sicuramente in assenza di una sigla avremmo avvertito la mancanza di un segno distintivo, un marchio speciale in grado di rendere ogni programma televisivo unico e solo. E allora concentriamoci proprio su di loro, sulle sigle delle serie TV con una breve carrellata delle più iconiche del piccolo schermo.

1 Twin Peaks

twin-peaks

Twin Peaks è senza dubbio lo show più angosciante che sia mai stato realizzato. Cadaveri incellofanati, apparizioni spaventose e segreti sconvolgenti, hanno trascinato milioni di spettatori nell’incredibile universo delirante di David Lynch

Il regista, assieme al suo socio Mark Frost, ha dato vita alla storia. A questa storia Angelo Badalamenti ha regalato una colonna sonora che più azzeccata non potrebbe essere. In particolare la sigla di apertura è da brividi e pare essere stata composta per cullarci con serenità verso un incubo ad occhi aperti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Perché Joel Miller? | The Last Of Us

Bill: «Ti racconto una storia. C'era una volta qualcuno a cui tenevo davvero, una persona... qualcuno di cui mi prendevo cura. Ma in questo...

Tenet – Nolan e Rancore nella Macchina del tempo

Nolan e Rancore. Il primo dietro una macchina da presa, il secondo dentro la macchina del tempo: entrambi riavvolgono la storia del mondo. Esattamente...

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...