Home (Non) è un paese per Festival SediciCorto 2020 - Ecco il programma del Forlì International Film Festival

SediciCorto 2020 – Ecco il programma del Forlì International Film Festival

Nonostante le grandi difficoltà affrontate quest’anno, il mondo del cinema sta finalmente riprendendo vita. E quale modo migliore di permettere questa rinascita se non attraverso l’organizzazione di festival suggestivi e stimolanti?

Quest’anno si svolgerà la diciassettesima edizione del SediciCorto Forlì International Film Festival, di cui La Settima Arte è diventata media partner.

In programma dal 2 all’11 ottobre, il festival forlivese si svolgerà attraverso una modalità ibrida: sia in streaming su MyMovies.it sia dal vivo, presso la Sala San Luigi e l’Auditorium Intesa San Paolo di Forlì. Prima dello svolgimento del festival vero e proprio, però, ci sarà un interessante evento di pre-apertura. Precisamente durante le serate del 14 e il 15 settembre, presso l’Arena Musei San Domenico, si celebrerà l’inizio del festival, divenuto sempre più importante a livello internazionale.

In quest’occasione, il direttore artistico Gianluca Castellini, affiancato dalla coordinatrice del festival Joana Fresu de Azeverd e dalla giornalista Federica Aliano, presenterà tutte le sezioni in competizione, le interessanti mostre e inoltre consegnerà ufficialmente tutti i premi speciali previsti quest’anno.

In particolare, vi saranno tre mostre. Una dedicata al maestro Federico Fellini, in occasione del centenario della sua nascita: il regista nacque infatti in Emilia Romagna, terra spesso celebrata dalla sua filmografia. Una seconda mostra è invece rivolta al nuovo cinema iraniano e sarà legata all’ IranFest. Infine, la terza mostra è infine dedicata al pittore Vincent Van Gogh.

I premi alla carriera saranno consegnati ai registi Giuliano Montando e Jafar Panahi, entrambi presenti virtualmente.

Giuliano Montaldo è uno dei più grandi cineasti del nostro Paese. Classe 1930, Montaldo ha realizzato film rimasti ancora indelebili nella memoria italica; si pensi ai capolavori Sacco e Vanzetti (1971) e Giordano Bruno (1972), entrambe pellicole dal forte messaggio politico con protagonista un sempre straordinario Gian Maria Volonté. Il 14 settembre verrà proiettato Arlecchino (1983), cortometraggio di Montaldo la cui ultima proiezione risale al 2004.

Jafar Panahi è invece uno dei più importanti volti del cinema iraniano contemporaneo. Il suo film d’esordio, Il palloncino bianco (1995), vinse la Caméra D’Or a Cannes; da quel momento, il regista prese parte ai festival più importanti. Convinto oppositore del regime del suo paese, Panahi fu condannato a non girare più film per vent’anni: per questo realizzò le sue grandi opere in segreto. Al regista andrà dunque il Premio IranFest alla carriera. Questi due premi saranno consegnati in collaborazione con il media partner CinemaItaliano.info .

Un premio andrà anche a due registi d’eccezione: i giovani fratelli D’Innocenzo. Damiano e Fabio d’Innocenzo, gemelli classe 1988, riceveranno il Premio Amazing Birdmen, in collaborazione con il portale di cinema e cultura Birdmen Magazine.

I due registi hanno all’attivo solo due lungometraggi, che però hanno ottenuto un immediato successo. Sia La terra dell’abbastanza (2018) sia il recente Favolacce (2020), sono stati presentati al Festival di Berlino; il secondo ha ottenuto il premio “Miglior sceneggiatura” del concorso internazione. Sia la critica sia il pubblico hanno lodato il realismo e la sincerità con cui i fratelli d’Innocenzo affrontano importanti tematiche della moderna società occidentale. In particolare, è stato evidenziato come Favolacce sia riuscito a mescolare più generi diversi, ricordando lo stile di maestri come Pasolini, Truffaut e persino Stephen King.

Poi, i giovanissimi attori Andrea Lattanzi (Sulla Mia Pelle, Summertime) e Ludovica Martino (Skam Italia, Il Campione) otterranno il Premio Generazione G offerto da Cinematographe. Infine, la regista cinematografica e teatrale Roberta Torre  riceverà da Mymovies il Premio Woman in Set.

Infine, passiamo al cuore del festival forlivese: l’elenco  delle giurie delle sezioni competitive.

  • Sezione Animalab : Monica Manganelli, regista del pluripremiato corto animato Butterflies in Berlin (2019), insieme ai colleghi artisti Virgilio Villoresi e Jooyoung Soheili, dovrà scegliere il miglior corto animato dell’edizione.
  • Sezione CortItalia : il compito di decidere il vincitore della sezione riservata alle produzioni italiane è affidato alla regista e attrice Elena Bouryka e ai giornalisti Boris Sollazzo e Steve Della Casa.
  • Sezione IranFest : insieme al direttore editoriale di Mymovies.it Giancarlo Zappoli e al diretto del festival Humor en Corto Aitor Arenas Suso, ci sarà anche il regista iraniano Milad Tangshir.
  • Sezione Movie : per il concorso internazionale vi saranno tre giurati. Il giornalista Laurence Boyce; Giacomo Manzoli, direttore del dipartimento delle arti dell’Alma Mater Studiorum- Università di Bologna; la produttrice Sandrine Cassidy.
  • Sezione Experia : per questa sezione sperimentale, la giuria sarà composta dal comitato di selezione di Sedicicorto.
  • Sezione Animare : in questo caso, la giuria sarà composta dai bambini iscritti alla newsletter del festival, ai cui voti si aggiungeranno quelli sulla piattaforma di Il Cinemino.
  • Sezione CortInLoco : questa giuria è formata invece dagli studenti della Scuola di Cinema di Cesena.

Il Sedicicorto Forlì International Film Festival 2020  è realizzato con il contributo di Comune di Forlì, Film Commission Emilia-Romagna, Regione Emilia-Romagna, DG Cinema e Audiovisivo – Mibact e Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì la sponsorship di Intesa San Paolo, Daniele Alessandrini Abbigliamento e Cantine DreiDonà, con il patrocinio del Parlamento Europeo. Nel rispetto delle disposizioni e misure anto-covid, è obbligatoria la prenotazione, da effettuare tramite invio di email a mail@sedicicorto.it

La Settima Arte non vede l’ora di partecipare a questo ricco e interessantissimo festival. Una splendida occasione per permettere al cinema di continuare a vivere e farci emozionare.

Leggi anche: Not Film Fest 2020- Novità sul programma della terza edizione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

David Cronenberg – Indagatore della Mente, profeta della Nuova Carne

Quando la mente erra per sentieri oscuri e inesplorati, anche il corpo ne risente. I tratti somatici del viso si irrigidiscono e la tensione...

Il Finale di The Departed – L’etica allo specchio

Molte esperienze di vita rendono l'uomo consapevole del fatto che i paradossi albergano nella sua anima. The Departed, film di Martin Scorsese del 2006, narra...

Call Me By Your Name e Damien Rice- It’s just that it’s Delicate

«We might kiss when we are alone When nobody's watching We might take it home We might make out when nobody's there It's not that we're scared It's just...

Aster, Eggers, Peele e la rinascita del cinema horror

Aster, Eggers, Peele e la rinascita del cinema horror Dopo un periodo in cui le pellicole horror di qualità in sala scarseggiavano, negli ultimi anni...