Home Il Mondo tra Anime e Animazione Voglio mangiare il tuo pancreas - La bellezza dell'Altro

Voglio mangiare il tuo pancreas – La bellezza dell’Altro

Voglio mangiare il tuo pancreas.

 

L’esordiente Shin’ichirō Ushijima entra nelle scene del cinema orientale con il lungometraggio dal titolo estremamente bizzarro: Voglio mangiare il tuo pancreas.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Yoru Sumino del 2014, esce in Giappone nel 2018; in Italia arriva poco dopo senza particolare clamore. La trama è apparentemente incentrata sulla semplice storia di amicizia tra Haruki e Sakura.

Lo scenario è tipicamente giapponese: una scuola con divise e degli studenti più o meno esuberanti.

Haruki e Sakura diventano amici pur sapendo che la ragazza morirà per una malattia al pancreas incurabile, un film toccante e delicato.

La storia si apre con Haruki Shiga, uno studente modello introverso, che incontra il suo opposto: l’esuberante Sakura Yamauchi. I due, pur frequentando la stessa classe, non avevano mai avuto modo di legare, soprattutto a causa della loro diversità caratteriale.

La svolta di Haruki e Sakura

Un giorno Haruki si trova in ospedale e vede per terra un diario, spontaneamente lo prende, lo apre e viene a sapere che il suo/a proprietario/a è affetto da una malattia incurabile al pancreas, che lo/a porterà inevitabilmente alla morte.

La vita è strana. Gli esseri umani sono una moltitudine di sfaccettature sulla faccia della terra, sono tanti e vari, le loro storie sono complesse e diverse.

E così, nel fluire degli eventi, quel giorno Haruki trovò proprio il diario di Sakura, quella compagna di classe così chiacchierona e fastidiosa, e scoprì che l’esuberante ragazza era affetta da una tremenda malattia che l’avrebbe inevitabilmente portata alla morte. Il suo destino era segnato e nulla poteva cambiare.

Voglio mangiare il tuo pancreas

È la reazione di Haruki il vero turbamento per lo spettatore: chiunque al suo posto avrebbe mostrato compassione, rabbia o tristezza per una vita strappata così presto, invece lui resta fermo ed immobile in una glaciale atarassia, che lascia sperduta perfino la briosa Sakura.

Sakura: «Tu di certo sei l’unico che può darmi realtà e quotidianità. I dottori mi raccontano solo la realtà mentre la mia famiglia esagera quello che dico e cerca disperatamente di fingere che tutto sia normale».

Così inizia un profondo legame, Sakura con Haruki è libera di essere se stessa, proprio perché non viene guardata e trattata come una malata terminale, ma come una persona qualunque, anzi quasi come un peso. Così come Haruki non si fa problemi a farle notare il suo essere sempre sopra i toni e spesso inopportuna, Sakura trasmette ad Haruki tutta la sua voglia di vita, superandone i silenzi e l’apparente apatia.

Una vita che va, una vita che viene

Scorrono in questo modo i minuti di questa piccola perla, con due semplici ragazzi che diventano amici, finché Haruki si apre al mondo e più il ragazzo riscopre l’importanza della condivisione delle proprie emozioni, più la malattia di Sakura peggiora.

Nessuno lo sa, solo il timido ragazzo porta quel peso sul cuore. Iniziano i ricoveri, le bugie, la lotta per la sopravvivenza, eppure nulla si può contro il fato. Quando la mano della morte ha deciso che una stella va spenta, così deve essere: lo spettatore lo sapeva fin dai primi minuti, lo sapevano tutti, come lo sapeva Haruki.

Eppure ecco emergere la rabbia, la tristezza, la compassione per chi resta, le lacrime per l’ingiustizia che una ragazza tanto giovane ha dovuto subire, vittima di un infame destino.

Il finale mozzafiato arriva come un fulmine a ciel sereno, i ragazzi fanno progetti, hanno impegni, una lista di cose da fare, posti da vedere, ma soprattutto devono salutarsi, devono rendere speciali gli ultimi giorni. Questi sono i pensieri comuni a tutti negli ultimi istanti del film, finché la morte sopraggiunge nella sua forma più brutale: non è la malattia che strapperà Sakura alla vita, quasi come se la malattia stessa si fosse messa da parte davanti la vita, è il destino, inflessibile ed ineluttabile, che non ammette appelli o rinvii.

Voglio Mangiare il tuo pancreas: Eros, Thanatos ed il tempo che scorre veloce

Preparate i fazzoletti, perché questa è la storia di Eros e Thanatos, legati insieme da quel filo rosso del destino che è impossibile da spezzare. Più Thanatos cresce, più Eros diventa potente. In questa storia di amore, amicizia, malattia e morte, ma anche di tanta umanità, lo spettatore viene preso per mano nelle realtà di tanti Uomini, che lottano attaccati allo stesso fil rouge. Una pellicola sulla crescita, sulla perdita, sull’importanza del vivere qui ed ora, una piccola perla, che regala amare riflessioni sul senso della vita.

Voglio mangiare il tuo pancreas

Il film si chiude così come è iniziato, con l’affermazione, stavolta da parte di Haruki: «Voglio mangiare il tuo pancreas». Questa frase, a prima vista così insolita, rinviene le sue origini nelle antiche leggende giapponesi, secondo le quali una persona potrebbe guarire il proprio organo malato mangiandone uno sano di un animale. Tuttavia, nonostante il riferimento ad una tradizione così macabra, la pellicola non ha nulla a che vedere con il cannibalismo: è invece la pura e semplice celebrazione dell’amore tra due ragazzi, che nasce e cresce nella maniera più dolce e candida possibile.

Alla fine il tutto si gioca sul tempo che scorre e sul tempo che resta.

Alice: «Per quanto tempo è per sempre?»

Bianconiglio: «A volte, solo un secondo».

(Lewis Carrol, Alice nel paese delle meraviglie)

Haruki si lascia pervadere dallo spirito e dalla vitalità di Sakura e alla fine, in qualche modo, è come se avesse veramente mangiato il suo pancreas, assimilando tutto il buono e il bello che la ragazza aveva da donargli.

Haruki e Sakura diventano amici pur sapendo che la ragazza morirà per una malattia al pancreas incurabile, un film toccante e delicato.

Sakura: «Vivere è arrivare al cuore delle persone. Credo che “vivere” significhi questo: prestare attenzione a qualcuno, innamorarsi di qualcuno, odiare qualcuno, divertirsi con qualcuno, tenersi per mano con qualcuno, questo è vivere. Se sei da solo non puoi dire di esistere, le tue relazioni con gli altri ti dicono che sei vivo, è questo che penso, il mio cuore c’è perché ascolta gli altri, il mio corpo esiste perché è toccato dagli altri. Ecco perché ha senso dire di essere viva».

Leggi anche: Porco Rosso – Un messaggio che vola nel tempo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Perché Joel Miller? | The Last Of Us

Bill: «Ti racconto una storia. C'era una volta qualcuno a cui tenevo davvero, una persona... qualcuno di cui mi prendevo cura. Ma in questo...

Tenet – Nolan e Rancore nella Macchina del tempo

Nolan e Rancore. Il primo dietro una macchina da presa, il secondo dentro la macchina del tempo: entrambi riavvolgono la storia del mondo. Esattamente...

Le notti bianche di Lost in Translation – L’intraducibilità della solitudine

Lost in Translation e Le notti bianche. «La poesia è ciò che si perde nella traduzione. Ed è anche ciò che si perde nell'interpretazione».  (Robert Frost) La...

Kim Ki-duk – Violenza, magia e rassegnazione

Kim Ki-duk è un autore che si è sempre assunto piena responsabilità per i suoi lavori, nel bene o nel male. Attivo nel cinema...