Home (Non) è un paese per Festival VI Premio Fausto Rossano: Napoli, Cinema e Salute Mentale

VI Premio Fausto Rossano: Napoli, Cinema e Salute Mentale

Nel momento storico in cui vanno maggiormente di moda concetti quali sterilità e igienizzazione, il VI Premio Fausto Rossano prova a illuminare Napoli con una verità alternativa, più artistica e libera dagli stigmi che gli ultimi mesi hanno portato sulla società italiana tutta: contagiato e non contagiato, positivo e negativo sono diventate le categorie logiche attraverso le quali leggiamo l’altro, a causa della pandemia da COVID-19.

Il Festival di Cinema che questo Premio riesce a proporre anche quest’anno, tuttavia, sembra essere un po’ provocatorio proprio perché da un lato sfida le esigenze sanitarie che l’emergenza impone (dal punto di vista concreto, ma anche formale, in termini dei significati che andare al cinema comporta). Dall’altro, paradossalmente, asseconda lo stesso virus, scegliendo come tema principale della sua indagine proprio la centrale questione della costruzione di storie, della conservazione delle stesse, ma anche della loro scomparsa.

Scomparsa che troppo spesso, purtroppo, è avvenuta nel silenzio tombale di una casa dalla quale il soggetto non poteva, a causa delle ordinanze, uscire, senza memoria alcuna del suo ruolo nella società.

Donando un focus alle varie sfaccettature dell’emarginazione sociale, questa manifestazione si propone di coniugare gli interessi del cinema con quelli di una psicologia genuina, interessata al miglioramento delle condizioni di vita concrete delle categorie maggiormente a rischio, dall’infanzia alla vecchiaia.

Dopo una selezione lenta e travagliata a causa delle vicende legate alla pandemia, quaranta sono i film selezionati su trecento, e sebbene non sia ancora ben chiaro attraverso quale mezzo i contenuti saranno proposti al pubblico, le cinque rubriche del premio sono state scelte: Corti, Documentari, Focus Campania, Laboratori e Studenti.

Spaziando tra diversi livelli e fenomeni umani legati al disagio psichico, alla solitudine e all’incomunicabilità dei vissuti, il VI Premio Fausto Rossano premierà a Napoli, dal 27 al 30 ottobre, alcuni registi e attori italiani e internazionali che hanno deciso di mettersi in gioco.

Nonostante le difficoltà materiali, essi hanno scelto di privilegiare quella filosofia che interpreta l’arte cinematografica nella sua accezione più pura, come mezzo simbolico per trasmettere un significato soggettivo in forma oggettiva.

Che vinca il migliore, dunque, perché la sfida si preannuncia equilibrata e interessante. Di seguito, il trailer della manifestazione:

Leggi anche: Premio Fausto Rossano; La Salute al Cinema

Gianluca Colella
Ho 25 anni, studio psicologia clinica a Napoli e quello che amo della mia esperienza con la Settima Arte è la possibilità di legare ciò che studio agli show e ai film che amo; lo spazio culturale soggettivo e oggettivo nel quale possiamo emozionarci riconoscendo l'evoluzione di storie, personaggi ed affetti è una delle cose più preziose che abbiamo e secondo me l'arma più preziosa della Settima. Un po' la Forza di Star Wars.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Per un’estetica della violenza – L’arte della depravazione in Alex Delarge

Era il 1971 quando la cinepresa mostrò al mondo il ghigno di Alex Delarge, insolente e depravato protagonista delle vicende di Arancia Meccanica. È...

Lo Straniero racconta il metacinema dei fratelli Coen

Lo Straniero racconta il metacinema dei fratelli Coen «Nel lontano Midwest conoscevo due tipi, due tipi di cui voglio parlarvi. Si chiamavano Joel ed Ethan....

C’era una volta a… Hollywood – Tarantino e il metacinema

Metà in greco significa "attraverso". La parola metacinema presuppone una riflessione sul cinema attraverso lo stesso. Il soggetto e l'oggetto vengono così a congiungersi...

Nuovo Cinema Paradiso – La nostalgia del cinema

Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore vide la luce nel 1988. La prima edizione della durata integrale di 173 minuti non riscosse molto successo,...