Home Serie TV e Netflix I Know This Much Is True - Un volto, due destini

I Know This Much Is True – Un volto, due destini

Quanto è profondo il legame che unisce due gemelli? Quanto è intrecciato il destino di uno alla vita dell’altro? Quanto può un volto, avere due destini?

I Know This Much Is True (in italiano, Un volto, due destini) prova a sciogliere i complessi meccanismi affettivi di un nucleo famigliare con al centro due gemelli, Dominick e Thomas Birdsey. Nati a un paio di minuto l’uno dall’altro, ma quanto basta per cambiare l’anno di nascita, in pieni anni ’80, i ragazzi sono da subito al centro dell’attenzione della piccola città di Three Rivers. Figli di Concettina e nipoti del proprietario terriero Domenico Tempesta, nonno materno di origini italiane, i due crescono con il patrigno Ray.

Dopo i dodici anni d’età in Thomas si notano segni di disturbi psichici che lo porteranno al ricovero in una casa famiglia.

Orizzontalmente I Know This Much Is True inizia con Thomas che, chiamato da Dio per commettere un sacrificio, entra nella biblioteca della città e si taglia una mano. Tra processi e continui viaggi da un istituto di detenzione psichiatrica all’altro, la missione di Dominick è quella di aiutare il fratello a uscire di prigione e di restituirgli quel po’ di normalità che aveva alla casa famiglia in cui stava prima dell’atto.

I Know This Much Is True tratta la vita dei gemelli Thomas e Dominick Birdsey: un volto, due destini per raccontare la stessa storia.
Dominick e Thomas Birdsey

Verticalmente, invece, la trama racconta, con flashback e aneddoti, le vicende che hanno segnato la crescita dei due: la morte della madre, l’iscrizione al college, il matrimonio di Dominick sono tutti momenti che si rivelano essenziali per capire la condizione di partenza dei due.

I Know This Much Is True – Il supporto del sistema sanitario

Lentamente la storia, come fosse una macchia in espansione, intrappola sempre più personaggi in questa rete di verità: dal patrigno Ray, figura molto controversa e dubbia fino alla fine, all’ex moglie di Dominick, Dessa. Esternamente dalla sfera famigliare o affettiva, invece, notevole rilievo viene dato ai consulenti sanitari che aiutano i gemelli nel loro percorso legale.

Lisa Sheffer è l’assistente sociale del centro dov’è rinchiuso Thomas. Rosie O’Donnell interpreta la donna come apparentemente rude e sbrigativa ma in realtà sinceramente legata ai due gemelli.

Archie Panjabi è invece la dottoressa Patel, psicologa che prende in carico il caso dei Birdsey. Come se fossimo tutti sul lettino del paziente, la vita di Dominick si riflette nella nostra e ci porta a chiederci cosa avremmo fatto al suo posto.

L’assistente sociale Lisa Sheffer e la dottoressa Patel, oltre a essere una forte quota rosa in una trama principalmente maschile, simboleggiano il delicato rapporto che si può creare tra medico e paziente.

Un volto, due destini: letteralmente parlando

Dopo che Thomas viene rinchiuso in prigione, Dominick inizia a dedicare ogni minuto libero al caso del fratello, ma più il suo bisogno di aiutarlo cresce e più emergono problemi del passato strettamente collegati a Dominick. Oltre ai deliri di Thomas legati alla CIA che spia le sue conversazioni o ai soldati del Vietnam appostati fuori casa sua, i commenti che ogni tanto fa, magari sovrappensiero, su Dominick sono delle vere e proprie pugnalate.

La sensibilità di Thomas è agghiacciante e manda in piena crisi Dominick che comprende come più scelte della sua vita siano state influenzate dal gemello.

Aspetto molto interessante di I Know This Much Is True è che nessun gesto di Dominick è discutibile poiché tutto giustificato dalla presenza del fratello. Per quanto le sue azioni possano essere sbagliate e violente, c’è sempre Thomas a ricordarci che lo fa perché suo fratello è malato. Ed è proprio questo il giudizio sbagliato che dobbiamo poi riversare tutto sul lettino della psicologa. Un comportamento, per quanto doloroso, non è giustificabile. C’è un momento, alla fine della serie, in cui il vero Dominick emerge e sembra totalmente un’altra persona. È straniante e incredibilmente reale.

Il dualismo di Mark Ruffalo

I Know This Much Is True tratta la vita dei gemelli Thomas e Dominick Birdsey: un volto, due destini per raccontare la stessa storia.
Dominick e Thomas Birdsey

Sembra quasi incluso nel contratto dell’attore la clausola di dover interpretare un alter ego del suo personaggio, come è evidente con Hulk e il gracile dottor Banner. Come è anche affine al suo curriculum l’essere estremamente realistico nei ruoli drammatici, e qui il riferimento a The Normal Heart è d’obbligo.

Mark Ruffalo è magnetico. Passa da un gemello all’altro con una semplicità tale che sembra siano due attori distinti, due persone diverse in carne e ossa. Non solo riesce a farci credere di avere a che fare con due interpreti, riesce anche a farci preferire uno piuttosto che l’altro, a essere vittima e carnefice di se stesso allo stesso tempo.

Leggi anche: Mr Robot – il moderno Dottor Jekyll

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Per un’estetica della violenza – L’arte della depravazione in Alex Delarge

Era il 1971 quando la cinepresa mostrò al mondo il ghigno di Alex Delarge, insolente e depravato protagonista delle vicende di Arancia Meccanica. È...

Lo Straniero racconta il metacinema dei fratelli Coen

Lo Straniero racconta il metacinema dei fratelli Coen «Nel lontano Midwest conoscevo due tipi, due tipi di cui voglio parlarvi. Si chiamavano Joel ed Ethan....

C’era una volta a… Hollywood – Tarantino e il metacinema

Metà in greco significa "attraverso". La parola metacinema presuppone una riflessione sul cinema attraverso lo stesso. Il soggetto e l'oggetto vengono così a congiungersi...

Nuovo Cinema Paradiso – La nostalgia del cinema

Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore vide la luce nel 1988. La prima edizione della durata integrale di 173 minuti non riscosse molto successo,...