Home Serie TV e Netflix The Crown 4 - La storia si ripete

The Crown 4 – La storia si ripete

The Crown: esce su Netflix la nuova stagione della serie Tv sulla vita di Elisabetta II. La quarta stagione, nel dettaglio, racconta i fatti accaduti dalla fine degli anni 70 fino al concludersi degli anni 80.

Il cast di personaggi principali è lo stesso che abbiamo imparato ad amare nella scorsa stagione. La regina è una regale Olivia Colman, suo marito è interpretato da Tobias Menzies, la principessa Margaret da Helena Bonham Carter, la principessa Anna da Erin Doherty, infine, il principe Carlo da Josh O’Connor.

Questo cast, di partenza già eccezionale, aggiunge due figure che sconvolgeranno l’Inghilterra negli anni ottanta: il primo ministro donna, Margaret Thatcher, interpretata da Gillian Anderson, e la nuova principessa reale, Diana Spencer a cui dà il volto Emma Corrin.

Margaret Thatcher, The Iron Lady

Cosa succede nella quarta stagione di The Crown? Scopriamo insieme quali eventi vengono portati sul grande schermo a partire dagli anni 80!
Gillian Anderson interpreta Margaret Thatcher

Sul fronte politico, The Crown ci parla delle violenze dell’IRA, del funesto capitolo del Apartheid in Africa e molto altro.

Da questo punto di vista, il fulcro della stagione è l’arrivo al potere della Thatcher.

Filippo: «È l’ultima cosa che ci serve»

Elisabetta: «Cosa?»

Filippo: «Un’altra donna al potere»

Elisabetta: «Forse è esattamente quel che serve a questo paese, due donne al potere».

The Crown non si accontenta di mostrare i fatti, ma li rappresenta in un terreno fertile, approfondendo le relazioni umane. Morgan, infatti, tende a sottolineare la differenza abissale che c’è tra le due donne al potereMargaret ha dovuto conquistare ogni traguardo da sola nella sua vita, partendo da umilissime origini. Elisabetta, invece, ha ricevuto il suo destino e i suoi privilegi con la sua nascita.

Con un’accurata fedeltà storica, la politica di Margaret è rappresentata nella sua durezza e perseveranza, volta a rinforzare il popolo inglese, anche se questo significa combattere contro la disoccupazione e la fame. Margaret si riflette nello stesso stato di cui lei è alla guida.

Se lei è The Iron Lady, la donna di ferro, così dovrà essere il popolo in quel periodo di risanamento dell’economia inglese.

Di certo non sappiamo se i pomeriggi tra Margaret e la regina Elisabetta a Balmoral siano andati davvero così, ma la resa di questo rapporto oscillante tra rispetto e conflitto sembra essere adeguata.

Seppur abbiano avuto i loro pareri contrastanti circa la situazione in Sudafrica e la crescente disoccupazione inglese, la regina Elisabetta ha trovato, in questa donna dalle umili origini, un’ottima collaboratrice che ama il suo paese e una persona che, più della maggior parte degli altri uomini di potere, sa tenerle testa.

Da tutto questo nasce la stima della Regina verso il primo ministro donna del Regno Unito.

Diana e Carlo

Cosa succede nella quarta stagione di The Crown? Scopriamo insieme quali eventi vengono portati sul grande schermo a partire dagli anni 80!
Carlo (Josh O’ Connor) e Diana (Emma Corrin)

The Crown 4 introduce il personaggio di Diana Spencer e il suo matrimonio con Carlo. Gli eventi narrati iniziano dal loro primo incontro fino al matrimonio e alla nascita del secondo figlio. Sicuramente molto è stato romanzato.

Morgan si è preso alcune licenze poetiche quando ci mostra del regalo di Diana (la videocassetta in cui canta per suo marito) e della costante presenza di Camilla nei primi anni del matrimonio, più tranquilli di quel che ci vien mostrato.

Tuttavia delle note oscure della storia della famiglia reale vengono toccate, tra cui l’amore mai superato di Carlo per Camilla, le relazioni extraconiugali e, infine, la pressione da cui si sente schiacciare Diana e che riversa in comportamenti autodistruttivi.

La quarta è una stagione dolorosa, non solo per gli avvenimenti che la compongono, ma perché decide di palesare alcuni meccanismi che si ripetono all’interno della casa reale e di cui non ci si riesce a liberare.

Di generazione in generazione i componenti della famiglia reale si dividono in due specie: coloro il cui personaggio, il cui obbligo regale, assorbe la persona e le sue caratteristiche e coloro che sono perennemente in conflitto tra chi sono e cosa dovrebbero essere.

The Crown e lo scandalo della ciclicità

Cosa succede nella quarta stagione di The Crown? Scopriamo insieme quali eventi vengono portati sul grande schermo a partire dagli anni 80!
Carlo e Diana sul Red carpet

La quarta è la stagione in cui tutte le sofferenze delle generazioni precedenti risorgono nei volti dei più giovani.

Questa è la stagione della ciclicità, del rinnovarsi del dolore generato dalla rigidità della casa reale.

Partendo dalla sofferenza dell’ex re Edoardo VIII, il quale ha dovuto abdicare affinché potesse sposare una donna divorziata due volte, anche a Margaret, da giovanissima, fu impedita l’unione con Peter Townsend. Questa impossibilità nello stare con chi si ama si replica nella vita di Carlo: il futuro re è infatuato di una donna sposata e costretto a dover trovare una moglie-immagine, che sarebbe stata sua moglie per la nazione e non nel suo cuore.

Una malsana voglia di avere i riflettori puntati addosso è ereditata da tutti i personaggi della nuova generazione, assieme a una competizione che mina il legame tra fratelli. Quel senso di frustrazione che Margaret provava nell’essere nata seconda si ripercuote su tutti i figli maschi della casata Winsdor. Andrea e Edoardo provano una segreta ostilità nei confronti di un Carlo, che gode nel pavoneggiare la sua fortuna.

Allo stesso modo, anche il matrimonio diventa problematico se si vive d’invidia e se si fa a gara a chi ha più attenzioni. Quella stessa invidia che anima un giovane e frustrato Filippo nei confronti della moglie nelle prime stagioni, si riversa nel futuro re. Carlo non reagisce bene quando nota che è sua moglie quella che incanta il mondo, con il suo fare spontaneo e semplicistico.

Margaret, potrà anche mancare di reali doti diplomatiche e politiche, ma nella serie, in quanto sopravvissuta a tutti i mali della Corona, finisce per avere un ruolo quasi profetico. Dotata di una sensibilità unica, è lei che intuisce il potenziale fallimento della nuova coppia reale e ci lascia queste parole che riassumono il senso della quarta stagione:

Margaret: «Carlo ama un’altra. Quante volte può questa famiglia commettere lo stesso errore? Vietare matrimoni che dovrebbe approvare  e forzare unione indesiderata, pagandone sempre le conseguenze».

Leggi anche: The Crown – perché la corona odia la serie?

Lory Coletti
Ciao sono Lory! Ho 22 anni e studio al DAMS di Lecce, dove ho potuto approfondire le mie passioni come il cinema e la musica. Ho scritto due racconti ( Leasly Kinkol e gli uomini della morte, 2012 e Con il Cuore, 2015), nel 2018 ho realizzato un piccolo demo su disponibile su SoundCloud ( Ragazza Monumento) con cui inizio la mia carriera di cantautrice. IN più sono una scrittrice per la rivista online Settima Arte!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Noir Assurdo – The Big Sleep, The Big Lebowski e Inherent vice

Il genere noir ci ha abituati nel corso dei decenni ad assistere a storie sempre più vicine all’esperienza della modernità. Fin dai suoi albori,...

Hannah Arendt – Le origini del totalitarismo narrativo

La filosofa Hannah Arendt, dopo «due guerre mondiali in una generazione, separate da un’ininterrotta catena di guerre locali e rivoluzione», nel 1951 pubblica Le...

Il finale di Seven – Il mondo (non) è un bel posto

Nella stragrande maggioranza dei thriller polizieschi, l'epilogo prevede il ripristino dell'ordine. Non importa con quanta corruzione, violenza e cattiveria umana gli eroi si siano...

BLUE – Il testamento blu di Derek Jarman

«Blu è l'invisibile che diventa visibile». (Yves Klein) Blu è un fotogramma. Il rumore delle onde. Musica che accarezza, che rende la realtà  raccontata onirica, quando...