Home Serie TV e Netflix Modern Love - L'amore in ogni sua sfumatura

Modern Love – L’amore in ogni sua sfumatura

«Ogni volta che sono depresso per come vanno le cose al mondo, penso all’area degli arrivi dell’aeroporto di Heathrow. È opinione generale che ormai viviamo in un mondo fatto di odio e avidità, ma io non sono d’accordo. Per me l’amore è dappertutto. Spesso non è particolarmente nobile o degno di nota, ma comunque c’è: padri e figli, madri e figlie, mariti e mogli, fidanzati, fidanzate, amici (…). Io ho la strana sensazione che – se lo cerchi – l’amore davvero è dappertutto».

(Love Actually)

Raccontare e cercare l’amore in ogni sua sfumatura e accezione, soprattutto in un’epoca (almeno idealmente) inclusiva come la nostra, non è una sfida semplice. Eppure la serie Modern Love riesce ad accoglierla e a vincerla, conquistando il cuore di milioni di spettatori. Grazie soprattutto alla regia di John Carney, esperto di commedie romantiche (Once, Tutto può cambiare, Sing Street) e al soggetto, basato sull’omonima rubrica del New York Times.

Modern Love, serie disponibile su Prime Video, racconta l'amore in tutte le sue sfumature. Nel cast Anne Hathaway, Dev Patel e Adrew Scott.
Episodio 8 – La corsa diventa più dolce vicino all’ultimo giro: Margot (Jane Alexander) e Kenji (James Saito).

Le vicende vere degli uomini e delle donne che si confidano da anni sulle pagine di un quotidiano rimangono autentiche e sincere anche nella finzione televisiva, permettendo a ogni spettatore di identificarsi maggiormente in un episodio piuttosto che in un altro.

Ognuna delle otto puntate, infatti, narra una storia a sé stante e autoconclusiva.

A ogni tipo di rapporto viene riconosciuta pari dignità e il giusto spazio per essere analizzato, sia che si tratti di una passione giovane e appena sbocciata sia che si tratti di una relazione matura, portata avanti da anziani che rivendicano il proprio diritto ad amare ancora.

L’amore romantico non è l’unico a essere esplorato all’interno della serie: gli episodi esaminano anche rapporti amicali, platonici o basati unicamente sull’attrazione fisica.

C’è spazio anche per il racconto dei sentimenti legati alla sfera familiare, declinati soprattutto nella volontà di diventare genitori o di mandare avanti un matrimonio nonostante le difficoltà, e persino per un riconquistato e sano amor proprio, di cui si fa assoluta paladina la protagonista del terzo episodio, Lexi (Anne Hathaway), affetta da bipolarismo.

Modern Love, serie disponibile su Prime Video, racconta l'amore in tutte le sue sfumature. Nel cast Anne Hathaway, Dev Patel e Adrew Scott.
Episodio 7 – Il suo era un mondo per una: Daniel (Brandon Victor Dixon) e Tobin (Andrew Scott).

A dar voce a queste storie troviamo un cast corale diverso per ogni singolo episodio, in cui appaiono volti più o meno noti di Hollywood fra cui Dev PatelAndy Garcia, Tina Fey, Catherine Keener, Sofia BoutellaAndrew Scott (visto di recente in un’altra produzione Amazon, Fleabag) e John Slattery, oltre alla già citata Anne Hathaway.

Menzione a parte per Cristin Milioti, la Tracy di How I met your mother, protagonista del primo episodio (sicuramente uno dei più toccanti), che riesce a conquistarci, ancora una volta, grazie a una storia d’amicizia e a un ombrello (citazione che non potrà sfuggire ai fan storici della sit-com).

Modern Love, serie disponibile su Prime Video, racconta l'amore in tutte le sue sfumature. Nel cast Anne Hathaway, Dev Patel e Adrew Scott.
Episodio 1 – Quando il portiere è il tuo migliore amico: Maggie (Cristin Milioti) e Guzmin (Laurentiu Possa).

I primi tre episodi di Modern Love costituiscono una triade perfetta e la sintesi dei temi trattati.

Dal quarto episodio in poi si procede fra alti e bassi, con alcune puntate che si perdono nei meandri di narrazioni originali, ma un po’ forzate (episodio 6) e altre che si reggono sulla bravura degli attori (episodio 4), senza però mai perdere lo spirito dell’intero progetto.

Il punto di forza della serie, come accennato, risiede sicuramente nell’essere basata su storie vere, snaturate in alcun modo e che non sono mai veicolate nella direzione del classico lieto fine. Come nella vita, alcune relazioni non funzionano oppure semplicemente non cominciano nemmeno, altre subiscono battute d’arresto, altre ancora riprendono dopo molti anni.

Le delusioni, le paure, le insicurezze vengono descritte e analizzate al pari degli aspetti positivi dell’amore. Ogni singola vicenda non è mai realmente fine a se stessa, ma fa parte di un progetto più grande, il quale ricorda allo spettatore di vivere ogni esperienza nella sua interezza e di non aver paura di lasciare andare ciò che non è destinato a essere. E ad accettare l’inaspettato e l’imprevisto come un’opportunità, da cui non farsi mai sopraffare.

Modern Love ci presenta i personaggi come autenticamente imperfetti, fragili, ma capaci di decidere sempre per il meglio, che non coincide necessariamente con la riuscita della propria storia d’amore o, al contrario, risiede nel lasciarsi coinvolgere dal flusso spontaneo degli eventi, senza però mai smettere di lottare (in tal senso, emblematici risultano gli episodi 2, 4 e 5).

Modern Love, serie disponibile su Prime Video, racconta l'amore in tutte le sue sfumature. Nel cast Anne Hathaway, Dev Patel e Adrew Scott.
Episodio 2 – Quando Cupido è una giornalista indiscreta: Julie (Catherine Keener) e Joshua (Dev Patel).

Nel conferire il giusto valore a ogni tipo di relazione, Modern Love ci ricorda che l’amore è davvero dappertutto.

E, in questo, condivide il messaggio con una delle rom-com più famose degli ultimi decenni, Love Actually, probabilmente modello spirituale della serie tv.

Leggi anche: Ted Mosby e i suoi amori 

Claudia Silvestri
26 anni, laureata in Lettere moderne alla triennale e in Scienze dello Spettacolo alla magistrale. Guardo di tutto e mi appassiono ad ogni genere, dal film d’autore fino ai cinecomics. Per me sarebbe impossibile stilare una classifica delle mie pellicole preferite. Se non sapete dove trovarmi, probabilmente sono in sala a gustarmi un nuovo film.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Il finale di Seven – Il mondo (non) è un bel posto

Nella stragrande maggioranza dei thriller polizieschi, l'epilogo prevede il ripristino dell'ordine. Non importa con quanta corruzione, violenza e cattiveria umana gli eroi si siano...

BLUE – Il testamento blu di Derek Jarman

«Blu è l'invisibile che diventa visibile». (Yves Klein) Blu è un fotogramma. Il rumore delle onde. Musica che accarezza, che rende la realtà  raccontata onirica, quando...

Animali notturni – La favola della vendetta

Questo momento, quello in cui il quadro Revenge fa capolino sullo schermo, è quello in cui Tom Ford esplicita di cosa parla Animali notturni....

Birdman e Pirandello – L’imprevedibile virtù della crisi dell’Io

Agli albori del Novecento, uno scrittore siciliano che presto sarebbe divenuto un gigante della nostra letteratura, teorizzò la nuova frontiera dell’inconscio umano: la crisi...