Sara Provenzano

About

"La semplice poesia forse discende, distratta come cala al viaggiatore, entro l'arida folla di un convoglio, la mano sulla spalla di un ragazzo" - Sandro Penna
9 POSTS

/

0 COMMENTS

Articles

Favolacce – Quando la verità è infantile

Favolacce - Quando la verità è infantile C'era una volta un bambino vestito da uomo. Ogni giorno, nel giardino di casa che dava su una...

Biografilm 2020 – Barzakh, il tempo dell’attesa

Premessa Alejandro Gonzàlez Salgado, regista di Barzakh - primo film presentato in Concorso Internazionale al Biografilm Festival 2020 di Bologna - ha lasciato che i protagonisti...

Biografilm 2020 – Wake up on Mars

Wake up on Mars, documentario presentato al Biografilm Festival 2020 di Bologna in Concorso Internazionale, è il primo lungometraggio di Dea Gjinovci. Potremmo definirlo, senza mezzi termini, un...

L’alba del mondo: Il cinema di Alice Rohrwacher

Il cinema di Alice Rohrwacher «La libertà è un respiro. Ma tutto il mondo respira, non solo l'uomo. Respirano le piante, gli animali. C'è ritmo...

Sul Significato di Stalker, A. Tarkovskij – Eppur questo non basta

«Chi ci separerà dunque dall'amore di Cristo? Forse la tribolazione, l'angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Ma in tutte...

Sul significato di Blow-Up | Husserl, il Fenomeno, l’Assenza

Parlare del significato filosofico di un'opera come Blow-up (1966) è un invito a leggerla sotto una prospettiva che probabilmente Antonioni non avrebbe accettato. In...

American Beauty – Sul Significato Esistenziale della Bellezza

American Beauty. «Viene l'alba d'estate. Oh prima luce sul letto del fratello. Nel silenzio la ferma confusione: panni e sesso. Quando viene l'estate lascia questo malinconico ardore. Nel silenzio raggiungi...

A Ciambra – Una storia mai raccontata

Uno dei pochi simboli ufficiali della cultura rom è O styago le romengo, in lingua romani la bandiera rom. È una ruota rossa che cammina...

Giuliana ed Elisabeth – Tra Il Deserto Rosso e Persona

I. Il Deserto Rosso A Ravenna, questa “città astratta” - come la definisce Antonioni -, “la natura è distrutta, violentata, umiliata”. Ciò che prima cresceva...