Giulia Montanari

About

«Chi disse: "Preferisco avere fortuna che talento", percepì l'essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia così fuori controllo. A volte in una partita la palla colpisce il nastro e per un attimo può andare oltre o tornare indietro. Con un po' di fortuna va oltre e allora si vince. Oppure no e allora si perde.»
6 POSTS

/

0 COMMENTS

Articles

Will Hunting – A cosa servono i momenti perfetti?

Nel celebre romanzo La Nausea (1938), Jean-Paul Sartre, nei panni di Roquentin, uno storico annichilito dall’insostenibile incompiutezza della storia che studia e della sua stessa...

The Wrestler e l’ideale dell’ostrica

L’incontro verte ormai al termine. L’Ayatollah è a terra, aspetta solo di essere “schiantato” dalla Ram Jam, la mossa finale con cui il campione...

Big Fish – Ulisse, il Viaggio, il senso del Raccontare

La capacità di ascoltare e di immergersi in splendide storie di mostri e fantasmi, di streghe e fate turchine, come palombari alla ricerca di...

Frida – L’incarnazione della voglia di vivere in un Messico pre-colombiano

“La mia notte è senza luna. La mia notte ha grandi occhi che guardano fissi una luce grigia che filtra dalle finestre. La mia...

How I met your mother e i tre stadi dell’esistenza di Kierkegaard

Cosa accomuna i tre protagonisti maschili di How I met your mother e i tre stereotipi (Don Giovanni, il marito e Abramo) presi da...

Hotel Chevalier – Il corto di Wes Anderson e il fascino del fugace

Hotel Chevalier, il cortometraggio di Wes Anderson. https://www.youtube.com/watch?v=MICi9_sZK84 Inizialmente pensato come un cortometraggio indipendente, Hotel Chevalier (2007) è stato scritto e diretto dall’inconfondibile mano di Wes...