News

Autore: Giorgia Fanelli

"Nel Foscolo è visibilissima quell'aria di irrequieto dolore, quel desiderio di pace e di oblio, che fu sì comune agli uomini e agli scrittori della generazione romantica, e che trovò forse la sua espressione artistica più intiera nel Renato di Chateaubriand. Questo lettore di Plutarco, questo che più volte si professa stoico, quando si scopre senza posa a sé e agli amici è un ammalato dei mali profondi delle età di transizione: non molto dissimile in ciò dal Petrarca, di cui perciò comprese così bene gli spiriti". Eugenio Donadoni (critico letterario)

Medea, L’inquietudine, Il Cinema – da Von Trier a Pasolini

La storia dell’infanticida e vendicativa Medea presenta varie versioni: alcuni credono sia nipote di Circe, altri che ne sia sorella, ma tutti son concordi sulle sue facoltà magiche e sulla sua sete di sangue. Questo personaggio ha infiammato il mondo della letteratura, del teatro, della musica presentandone varie prospettive, alcuni narrano la sua storia dall’incontro…
Read More

I colori dell’anima, Modigliani – Come il cinema scruta negli occhi di un artista

Modigliani, grandissimo pittore livornese, facilmente riconoscibile per i ritratti femminili da lui esasperatamente slanciati, per i colli lunghi, per gli occhi vacui. Come rendere la drammaticità della sua vita e la poesia dei suoi quadri? Mick Davis, scrittore e regista, si è interrogato a lungo e alla fine, nel 2004, ha diretto il più commovente film…
Read More

Pandora Hearts – Memoria e Carillon

  Il prescelto? Oz Vessalius? E per cosa poi? Determinato a scoprire cosa lo lega alla burbera ragazzina sbucata dall’Abisso, destinato ad accompagnarla nel cammino verso la memoria, costretto a perdere dieci anni chiuso lì, in quella dimensione alternativa dove il tempo non esiste e i Chain vivono attaccando e cercando di trovare un contraente…
Read More

Gaara – Granelli di dolore in un deserto di solitudine

  Quando non si è sperimentato l’amore, quando la solitudine ìmpera nella vita di un bambino, quando dell’affetto di una madre non rimane che una parvenza nella sabbia, come si può crescere? “Uccidendo i sicari che mio padre mandava ad ammazzarmi, ho trovato il mio equilibrio ed ho assaporato il gusto della vita. Sono riuscito…
Read More