Home Cinebattiamo Cinema e Letteratura

Cinema e Letteratura

Il disprezzo – Il metacinema secondo Jean-Luc Godard

Maestro indiscusso dell’espressionismo tedesco e artefice di alcuni tra i film polizieschi più affascinanti della storia del cinema, Fritz Lang nel 1963, alla fine...

Oldboy – Il ritratto di un Edipo contemporaneo

Oh Dae-Su: «Sebbene io sappia di essere peggio di una bestia, non crede che abbia anche io il diritto di vivere?». Il ritratto spietato della...

Steiner – L’amarezza di una Dolce Vita

La dolce vita (1960) fa da spartiacque tra il Fellini neorealistico e il Fellini che costruisce l’impalcatura dei suoi film su una base onirica. La...

I cannibali di Liliana Cavani: Antigone fuori dalla tragedia

In una metropoli moderna e affollata i marciapiedi e le strade sono invasi da corpi di defunti. La loro colpa è quella di essersi...

La Divina Commedia e Apocalypse Now: due viaggi a confronto

«Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita. Ahi quanto a dir qual era è cosa...

John F Donovan & Pompeo – Successo e fragilità

Il mare risplende calmo, piatto come una tavola. Nulla lascia trasparire quello che si muove sotto la superficie, non un colore né una piccola...

Gli ultimi articoli

La fotografia di Emmanuel Lubezki, parte 3 – Alejandro G. Iñarritu o la ricerca della fisicità

Siamo arrivati all’ultimo appuntamento dedicato alla fotografia di Emmanuel Lubezki. Dopo aver esaminato i sentieri misteriosi della vita alla ricerca di Dio con Terrence...

Pieces of a Woman – La necessità di ricomporre i pezzi

Pieces of a Woman è il primo lungometraggio in lingua inglese del talentuoso Kornél Mundruczó. Presentato in concorso alla 77ͣ Mostra del cinema di...

Gattaca – L’idolo della scienza e la dittatura che non si vede

Il concetto di totalitarismo nell'immaginario comune è associato a figure dittatoriali che opprimono la libertà individuale attraverso modalità estremamente visibili, di solito utilizzando la...

The Office – Come sopravvivere all’esistenzialismo capitalista di un lavoro

Ding! Si aprono le porte dell'ascensore. Percorri un corridoio dalle pareti color crema e attraversi con grandi falcate una grande stanza rettangolare. Prima, seconda, terza...

Iñárritu – Il senso del finale di 21 grammi

C'è qualcosa di potente e fortemente immaginifico nel modo in cui Iñárritu costruisce il finale delle sue opere: che sia lo sguardo in macchina di...