Home I nuovi arrivati

I nuovi arrivati

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose – Il sogno di un’utopia possibile

Tratto da un’incredibile storia vera. Quante volte su locandine, trailer e didascalie abbiamo visto campeggiare questa scritta? E quante volte le nostre aspettative sono...

Mank e gli anni Trenta – Il rigurgito dell’uomo tradito

Se vi manca il cinema, o un certo tipo di cinema, allora dovreste assolutamente guardare Mank (2020). Ormai da mesi si vociferava a riguardo dell'ultima fatica...

His House – L’horror e le disparità sociali post Jordan Peele

«This is our Home» . Queste sono le parole che più segnano la visione dell’opera prima di Remi Weekes, cineasta britannico che sembra seguire la traccia...

SpongeBob: Amici in fuga – Cultura di massa, valori e ironia

L’animazione dice addio al 2D tradizionale e si tuffa nel mare della computer grafica 3D con SpongeBob – Amici in fuga, il nuovo film...

Le Streghe – Il fantasy (forse troppo) infantile di Zemeckis

Se c’è una cosa che contraddistingue il cinema di Zemeckis, praticamente da sempre, è la capacità unica di saper dialogare contemporaneamente con diverse generazioni...

L’uomo invisibile – Il #MeToo secondo la Blumhouse

C’è più di un motivo per cui L’uomo invisibile (2020) di Leigh Whannell è stato un film molto discusso. In primis c’è la tecnica,...

Gli ultimi articoli

La fotografia di Emmanuel Lubezki, parte 3 – Alejandro G. Iñarritu o la ricerca della fisicità

Siamo arrivati all’ultimo appuntamento dedicato alla fotografia di Emmanuel Lubezki. Dopo aver esaminato i sentieri misteriosi della vita alla ricerca di Dio con Terrence...

Pieces of a Woman – La necessità di ricomporre i pezzi

Pieces of a Woman è il primo lungometraggio in lingua inglese del talentuoso Kornél Mundruczó. Presentato in concorso alla 77ͣ Mostra del cinema di...

Gattaca – L’idolo della scienza e la dittatura che non si vede

Il concetto di totalitarismo nell'immaginario comune è associato a figure dittatoriali che opprimono la libertà individuale attraverso modalità estremamente visibili, di solito utilizzando la...

The Office – Come sopravvivere all’esistenzialismo capitalista di un lavoro

Ding! Si aprono le porte dell'ascensore. Percorri un corridoio dalle pareti color crema e attraversi con grandi falcate una grande stanza rettangolare. Prima, seconda, terza...

Iñárritu – Il senso del finale di 21 grammi

C'è qualcosa di potente e fortemente immaginifico nel modo in cui Iñárritu costruisce il finale delle sue opere: che sia lo sguardo in macchina di...