Home Nella Storia del Cinema L'artista del mese

L'artista del mese

Antonioni nel suo periodo americano – un decennio al di fuori della realtà

Michelangelo Antonioni arriva nella realtà americana non di certo in abiti sommessi: è ben conosciuto il regista italiano negli ambienti degli appassionati di cinema...

Joaquin Phoenix, il protagonista dell’altra Hollywood

Joaquin Phoenix. ”L’attore non recita le parole ma i sentimenti, che la parte è fatta non di parole ma del sottofondo affettivo: è quella la...

Inside Wes Anderson

Inside Wes Anderson. ''Why would a review make the point of saying someone's not a genius? You think I'm especially not a genius?'' (Eli Cash, The...

7 Momenti indelebili del cinema di Leonardo DiCaprio

Come si può parlare di Leonardo DiCaprio? Da dove iniziare? Ho pensato a mille modi per provare a ritrarre l'infinito eclettismo interpretativo del grande attore, già...

Woody Allen – Un intellettuale tra umoristica e clarinetto

Nome:Woody Allen(Allen Stewart Konigsberg) Data e luogo di nascita: New York, 1º dicembre 1935 Ruolo nel Cinema:attore, sceneggiatore e regista   "Dio è morto, Marx è morto, e...

François Truffaut – L’eterno bambino

Scritto da Matteo Viesti Nome:François Truffaut Data e luogo di nascita:Parigi, 6 Febbraio 1932 Ruolo nel Cinema: Regista e scrittore "Je fais des films pour réaliser mes...

Gli ultimi articoli

La fotografia di Emmanuel Lubezki, parte 3 – Alejandro G. Iñarritu o la ricerca della fisicità

Siamo arrivati all’ultimo appuntamento dedicato alla fotografia di Emmanuel Lubezki. Dopo aver esaminato i sentieri misteriosi della vita alla ricerca di Dio con Terrence...

Pieces of a Woman – La necessità di ricomporre i pezzi

Pieces of a Woman è il primo lungometraggio in lingua inglese del talentuoso Kornél Mundruczó. Presentato in concorso alla 77ͣ Mostra del cinema di...

Gattaca – L’idolo della scienza e la dittatura che non si vede

Il concetto di totalitarismo nell'immaginario comune è associato a figure dittatoriali che opprimono la libertà individuale attraverso modalità estremamente visibili, di solito utilizzando la...

The Office – Come sopravvivere all’esistenzialismo capitalista di un lavoro

Ding! Si aprono le porte dell'ascensore. Percorri un corridoio dalle pareti color crema e attraversi con grandi falcate una grande stanza rettangolare. Prima, seconda, terza...

Iñárritu – Il senso del finale di 21 grammi

C'è qualcosa di potente e fortemente immaginifico nel modo in cui Iñárritu costruisce il finale delle sue opere: che sia lo sguardo in macchina di...