Il Bif&st

Bif&st 2020 – Figli – Accettare e restare

Nel bel mezzo di questo Bif&st 2020, ecco un gioiellino di fattura tutta italiana contemporanea: Figli di Giuseppe Bonito, arrivato nelle sale nel gennaio...

Bif&st 2020 – Free Country – C’è del marcio in Germania Est

Bif&st 2020 - Free Country - C'è del marcio in Germania Est Autunno 1992, tre anni dopo la caduta del Muro di Berlino. Sotto il...

Un giorno all’improvviso – Quando i figli crescono i genitori

Un giorno all'improvviso è stato candidato per la categoria di opere prime e seconde in concorso nel Bif&st 2019, il Festival del Cinema di...

Euforia – Il dolore che fortifica il legame fraterno

Euforia è la storia di due fratelli. Rappresentato al Bif&st 2019, questo film cerca di rispondere ad una amara e profonda attualità. Morte, malattia,...

Non sono un assassino – Sincerità, Inganno e Negazione.

Non sono un assassino, prima internazionale al Bifest di Bari 2019, è tratto dall'omonimo romanzo del magistrato Francesco Caringella. Francesco Prencipe è un vicequestore della...

Teatro Margherita – “Ennio Morricone. Un maestro”

Il teatro Margherita, in un sabato pomeriggio barese tanto soleggiato quanto ventoso, ospita una partita avvincente, adrenalinica come poche, a detta di quelli che...

Gli ultimi articoli

La fotografia di Emmanuel Lubezki, parte 3 – Alejandro G. Iñarritu o la ricerca della fisicità

Siamo arrivati all’ultimo appuntamento dedicato alla fotografia di Emmanuel Lubezki. Dopo aver esaminato i sentieri misteriosi della vita alla ricerca di Dio con Terrence...

Pieces of a Woman – La necessità di ricomporre i pezzi

Pieces of a Woman è il primo lungometraggio in lingua inglese del talentuoso Kornél Mundruczó. Presentato in concorso alla 77ͣ Mostra del cinema di...

Gattaca – L’idolo della scienza e la dittatura che non si vede

Il concetto di totalitarismo nell'immaginario comune è associato a figure dittatoriali che opprimono la libertà individuale attraverso modalità estremamente visibili, di solito utilizzando la...

The Office – Come sopravvivere all’esistenzialismo capitalista di un lavoro

Ding! Si aprono le porte dell'ascensore. Percorri un corridoio dalle pareti color crema e attraversi con grandi falcate una grande stanza rettangolare. Prima, seconda, terza...

Iñárritu – Il senso del finale di 21 grammi

C'è qualcosa di potente e fortemente immaginifico nel modo in cui Iñárritu costruisce il finale delle sue opere: che sia lo sguardo in macchina di...